Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attraverso lo schermo: le emozioni tra cinema e cervello

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Denise Perego Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 36 click dal 11/07/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Denise Perego

Mostra/Nascondi contenuto.
13 ampio del termine”» 15 . D‟altra parte, egli però si affretta a precisare che empatia significa che un individuo empatizza se stesso in qualcosa, e che non si tratta di nulla di visibile o udibile, nulla di percepibile con i sensi, ma che si può esperire e sentire all‟interno di sé. Il presupposto fondamentale che permette di godere di se stessi in un oggetto altro da sé è «la circostanza per cui mi trovo al di fuori di me, appunto nell‟oggetto: mi “sento” cioè in esso» 16 . È questo che Lipps indica con il termine empatia: un sentire [Fühlung] se stessi in un oggetto che noi non siamo, e con oggetto si intende tutto ciò al di fuori di noi, oggetti inanimati o altri soggetti. Ma se la questione della Fühlung e la problematica che ne comporta non è nuova, con Lipps anche l‟utilizzo del prefisso Ein- assume una condizione d‟ambiguità, ritenendo necessaria una ulteriore analisi. Nella lingua tedesca l‟utilizzo transitivo del verbo empatizzare rivela un moto a luogo «dal soggetto all‟oggetto, dall‟Io all‟Altro, dal pieno al vuoto» 17 . In questa prospettiva, trovandosi il soggetto di fronte a un oggetto o a un altro soggetto, bisogna considerare una diversa direzione del processo d‟empatia «che dall‟oggetto muove verso di me sotto forma di richiesta di pretesa che esso mi avanza. […] “L‟oggetto mi costringe alla sintesi”» 18 ; Lipps in questo modo sposta l‟attenzione dal soggetto all‟oggetto, considerato finora come un vuoto da riempire e dandogli invece un ruolo attivo all‟interno del processo, mettendo sempre più in risalto l‟importanza della relazione dell‟individuo con l‟altro da sé. Dunque come si è visto finora, sin dall‟estetica del Settecento il concetto di empatia viene ricondotto a un immergersi nelle cose, un sentire se stessi e proiettare i propri sentimenti in ciò che ci sta davanti: questo viene modificato dall‟analisi effettuata da Lipps introducendo un ulteriore “attore-attivo” nel processo di empatia. Infatti, egli afferma che bisogna immaginare l‟empatia come un duplice movimento: «chi empatizza va verso, presso o dentro una cosa o una persona, quasi dovesse rispondere a una sua richiesta. In questo modo, si lascia penetrare dalle 15 A. Pinotti, Empatia: “un termine equivoco e molto equivocato”, in “Discipline filosofiche”, 2002-2 (“Una „scienza pura della coscienza‟: l‟ideale della psicologia in Theodor Lipps”), pp. 63-84, qui p. 64. 16 Ivi, p. 65. 17 Ivi, p. 67. 18 Ivi, p. 72.
Estratto dalla tesi: Attraverso lo schermo: le emozioni tra cinema e cervello