Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giovanni Zaccagnino Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13 click dal 01/08/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giovanni Zaccagnino

Mostra/Nascondi contenuto.
forme di criminalità organizzata, tra le quali spicca quella terroristica 13 . In tale situazione invocare l'emergenza terrorismo per giustificare le restrizioni dei principi costituzionali è inadeguato, in quanto tale accezione non costituisce una categoria a sé ma è solo un termine nel quale si includono varie ipotesi unite tra loro dalla metodologia operativa 14 . Dunque, in questa prospettiva, l'emergenza terrorismo non è una sola ma si presenta in una moltitudine di manifestazioni, le quali necessitano di essere analizzate individualmente, con conseguente risposta che tenga in conto delle cause scatenanti e gli obiettivi da perseguire. Tutto ciò deve essere tenuto in considerazione nel contrastare il terrorismo internazionale, un nemico pericoloso il quale ha una moltitudine di sfaccettature. 1.2. Il terrorismo interno, genesi ed evoluzione Come abbiamo accennato nel paragrafo precedente, il fenomeno del terrorismo ha avuto delle proprie fasi, passando da una fase iniziale, in cui il terrorismo era circoscritto all'interno dello Stato fino ad arrivare alla fase, tutt'ora predominate, in cui ha assunto una dimensione internazionale. Dunque la prima distinzione che possiamo fare nell'analizzare tale fenomeno è quella tra terrorismo interno e internazionale. Dove la prima forma, a sua volta, può dividersi in terrorismo di Stato (terrore) e in terrorismo rivoluzionario, a seconda che il suo scopo sia quello di rafforzare o distruggere lo Stato 15 . Da tale suddivisone ne deriva un'altra che riguarda lo Stato, dove quest'ultimo può praticare il “regno del terrore”, può ricorrere al “terrorismo di Stato” oppure a forme di “terrorismo bellico” 16 . Data la varietà di termini utilizzati fin ora, quando si parla di terrorismo 13 C. Bassu, Terrorismo e Costituzionalismo, G. Giappichelli Editore, Torino, 2010. 14 Si veda J. Steele, A War that can Never be Won, in Guardian, London, 22 Novembre 2003, reperibile all'indirizzo https://www.theguardian.com/politics/2003/nov/22/iraq.turkey, “Terrorism is a technique. It is not an ideology or a political philosophy, let alone an enemy state. Our leaders' failure to understand that point emerged immediately after September 11 2001 when they reacted to the attacks in New York and Washington by confusing the hunt for the perpetrators with the Afghan "state" that allegedly "harboured" them. The Taliban ran avicious regime, but Afghanistan was a disastrously failed state and its nominal leader, Mullah Omar, had no control over al-Qaida. By the same token the "war" on terror should have remained what it initially was, a metaphor like the "war" on drugs. But instead of being harmless linguistic exaggeration to describe a broad campaign encompassing a range of political, economic and police counter-measures, it was narrowed down to real war and nothing else. The slippery slope that began with Afghanistan quickly led to the invasion of Iraq, a symbolic and political enormity whose psychological impact Bush and Blair have not yet grasped. 15 L. Bonante, Terrorismo Internazionale, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2005. 16 Per quando riguarda “il regno del terrore”, come abbiamo affermato nel paragrafo precedente, riguarda il governo rivoluzionario instaurato da Robespierre, in Francia; per quanto concerne “il terrorismo di stato”, questo si manifesta quando lo Stato viene accusato di favorire azioni terroristiche con il fine di rafforzare l'autorità centrale; infine per “terrorismo di guerra” si intende quando lo Stato utilizza armi di distruzione di massa, come i bombardamenti a tappeto contro le città in cui vivono i civili, esempi sono il bombardamento di Dresda 1945, il bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki 1945. 15
Estratto dalla tesi: La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani