Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La relazione educativa nelle comunità per minori e il legame con la famiglia d'origine

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Fiorella Pisacreta Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 38 click dal 03/08/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Fiorella Pisacreta

Mostra/Nascondi contenuto.
15 conquista dei diritti sociali si ha una denuncia, da parte di ex pazienti e intellettuali, degli abusi a cui sono sottoposti i pazienti degli ospedali psichiatrici. Si sviluppano nuovi programmi assistenziali, come le sett- lement houses, «ossia vere e proprie case di accoglienza, educazione e promozione sociale per poveri e immigrati, fondate da gruppi volontari di donne benestanti» (Francescato, Ghirelli, 1988, p.20); la cui organiz- zazione è basata su un luogo che fornisce servizi e attività, allo scopo di rafforzare i punti di forza di individui, famiglie e comunità. Tra i programmi sono presenti: lavori di formazione, educazione della prima infanzia, attività post-scuola, formazione di arte e spettacolo, ma anche linguistica, servizi di salute mentale e domiciliare. Nel secondo dopo- guerra si assiste al rinnovato ottimismo da parte della nazione nelle pro- prie capacità di affrontare e risolvere i principali problemi sociali, con il crescente sviluppo della Psicoanalisi si attua un intervento specifico ed efficace, ma limitato ai problemi nevrotici, da svolgersi in cliniche private e soprattutto ospedali psichiatrici; contemporaneamente, però, si comincia a creare un nuovo modo di considerare le problematiche psicologiche. Infatti, studiosi e clinici, quali Rogers, Perls, May e Maslow, pongono l’accento sullo sviluppo delle risorse e delle poten- zialità personali, anziché sulla eliminazione dei sintomi, si cominciano, così, a diffondere le terapie di gruppo (Francescato, Ghirelli, 1988). Nel 1963, il presidente Kennedy, in un suo messaggio ufficiale, sottolineò la connessione fra condizioni sociali e disturbi mentali, attuando, così, programmi adeguati e sostenne che: La prevenzione richiede sia specifici programmi diretti alle cause conosciute, sia un generale rafforzamento della comunità e del benessere sociale, sia programmi
Estratto dalla tesi: La relazione educativa nelle comunità per minori e il legame con la famiglia d'origine