Skip to content

Il Regolamento UE 2016/679 e il bilanciamento tra diritti degli interessati e obblighi dei titolari del trattamento

Estratto della Tesi di Valentina Scanu

Mostra/Nascondi contenuto.
La costituzione del diritto alla privacy negli Stati Uniti e in Europa 10 Costituzione 11 , il IV 12 e il V 13 Emendamento del Bill of Rights 14 . La sentenza della Corte ha affermato che i due emendamenti garantivano che il Governo non potesse intromettersi “nella santità della casa di un uomo e nell’intimità della sua vita” e sono stati legittimati i diritti del cittadino quali l’inviolabilità dell’abitazione, il diritto alla sicurezza, la libertà personale e alla proprietà privata 15 . Il primo riconoscimento costituzionale avvenne solamente nel 1965 nella causa Griswold v. Connecticut 16 con la quale la Corte Suprema dichiarò incostituzionale una legge che proibiva i mezzi di controllo delle nascite. I giudici decisero che lo Stato non avrebbe dovuto intromettersi nella sfera intima dei cittadini (“right to marital privacy”). Il diritto alla privacy in Europa ha origini molto differenti da quelle statunitensi. In America l’attenzione verso la sfera privata del cittadino è sorta in relazione alla stampa dei quotidiani che ha permesso la diffusione di notizie riguardanti soprattutto la classe più agiata del paese. Le origini e lo sviluppo di questo diritto sono state puramente relative all’innovazione tecnologica, diversamente da tutti gli altri diritti conosciuti. Diversamente dalla storia statunitense, in Europa, il potere del sovrano e dello Stato moderno è sempre stato molto forte, tanto che fino alla nascita delle prime repubbliche, non 11 U.S. Supreme Court, Argued December 14/11/1886, Decided 1/02/1886, Boyd and others, Claimants, etc. v. United States, 116 U.S. 630 (1886). “The principles laid down in this opinion affect the very essence of constitutional liberty and security. They reach farther than the concrete form of the case then before the court, with its adventitious circumstances; they apply to all invasions on the part of the government and its employees of the sanctity of a man's home and the privacies of life. It is not the breaking of his doors and the rummaging of his drawers that constitutes the essence of the offense; but it is the invasion of his indefeasible right of personal security, personal liberty, and private property, where that right has never been forfeited by his conviction of some public offense, it is the invasion of this sacred right which underlies and constitutes the essence of Lord Camden's judgment.” 12 Il IV emendamento recita: “Il diritto dei cittadini di godere della sicurezza personale, della loro casa, delle loro carte e dei loro beni, nei confronti di perquisizioni e sequestri ingiustificati non potrà essere violato; e non si emetteranno mandati giudiziari se non su fondati motivi sostenuti da giuramento o da dichiarazione solenne e con descrizione precisa del luogo da perquisire e delle persone da arrestare o delle cose da sequestrare.” 13 V emendamento: “Nessuno sarà tenuto a rispondere di reato, che comporti la pena capitale, o che sia comunque grave, se non per denuncia o accusa fatta da una grande giuria, a meno che il reato riguardi membri delle forze di terra o di mare, o della milizia, in servizio effettivo, in tempo di guerra o di pericolo pubblico; e nessuno potrà essere sottoposto due volte, per uno stesso reato, a un procedimento che comprometta la sua vita o la sua integrità fisica; né potrà essere obbligato, in qualsiasi causa penale, a deporre contro se stesso, né potrà esse- re privato della vita, della libertà o dei beni, senza regolare processo legale; e nessuna proprietà privata potrà essere destinata a uso pubblico, senza giusta indennità.” 14 Il Bill of Rights è costituito dai primi dieci emendamenti della Costituzione americana, aggiunti nel 1791 al testo della Carta costituzionale. 15 Marika Surace, Evoluzione storico-giuridica del diritto alla riservatezza: da diritto borghese a sinonimo di libertà, 2005. Disponibile al link: http://www.adir.unifi.it/rivista/2005/surace/cap2.htm#8. 16 Supreme Court of the United States, Argued 29/03/1965, Decided 7/06/1965, Estelle T. Griswold and C. Lee Buxton v. Connecticut. 381 U.S. 479.
Estratto dalla tesi: Il Regolamento UE 2016/679 e il bilanciamento tra diritti degli interessati e obblighi dei titolari del trattamento

Estratto dalla tesi:

Il Regolamento UE 2016/679 e il bilanciamento tra diritti degli interessati e obblighi dei titolari del trattamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Scanu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Armando Barani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

privacy
responsabilità
dati personali
trattamento
diritti
titolari
regolamento europeo
adempimenti
interessati
regolamento 679/2016

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi