Skip to content

Il gioco d'azzardo in Italia: diffusione, caratteristiche e costi sociali

Estratto della Tesi di Giulietta Zanga

Mostra/Nascondi contenuto.
10 Molti giocatori, una volta tornati a casa dopo essere stati al casinò e realizzando di aver passato le ore precedenti in uno stato di trance, si stupiscono della propria resistenza fisica e soprattutto della sensazione di vera difficoltà provata nel tentativo di lasciare la macchinetta. Una sessantenne ludopatica che ha fornito la propria testimonianza a Schüll ha raccontato all’antropologa di un giorno in cui, dopo aver trascorso 15 ore inchiodata alla sedia di una slot machine ed essere riuscita a uscire dal casinò solo perché temeva di incontrare conoscenti, ha scritto su un sito internet dedicato al recupero di dipendenti da gioco d’azzardo la propria esperienza. La donna spiega di essere riuscita a trovare la forza di volontà di interrompere il gioco per raggiungere i servizi solo dopo tre ore da quando aveva iniziato a sentire la necessità di andare in bagno, alle tre di notte. Alle sei quindi, guardandosi allo specchio, si era resa conto delle pessime condizioni in cui si trovava, non avendo dormito per tutta la notte, e decise di tornare a casa. Alle otto del mattino si era invece accorta di aver trascorso le due ore precedenti in piedi con addosso il cappotto giocando alla macchinetta, riuscendo finalmente a uscire dal casinò nel momento in cui i primi clienti entravano. Il racconto terminava con la richiesta di spiegazioni rispetto al motivo per il quale si era sentita costretta a continuare il gioco così a lungo, pur avendo deciso di abbandonarlo molto prima. Alcuni utenti del sito confermarono le sue sensazioni e queste riprove la spinsero a cercare una delucidazione scientifica dell’ipnosi in cui cadeva giocando: Anche altri hanno provato la stessa incapacità di muoversi? scrisse Perché accade? Qualcuno può spiegare la paralisi e l’effetto ipnotico? Non è la mia immaginazione, per me era davvero reale, non potevo alzarmi dalla sedia. Capite quanto sia potente? Oltre a molte risposte in cui la donna veniva rassicurata sul fatto che la sua esperienza fosse condivisa da un ampio numero di persone, ne ricevette una che cercò di spiegare l’impossibilità di lasciare il gioco partendo da un’analisi psicologica. L’utente che scrisse questa risposta paragonò le macchinette alle “scatole di Skinner”, utilizzate dallo psicologo comportamentista per comprendere i principi del condizionamento operante. In queste scatole senza stimoli esterni (come i casinò o le sale da gioco) sono poste delle leve che, venendo colpite da un topo, fanno arrivare all’animale palline di cibo (paragonate ai soldi delle slot machine). Il topo impara quindi che premendo la leva riceve un premio. Il cibo però non viene erogato ogni volta che il topo colpisce la leva, perché in questo caso potrebbe farlo solo se davvero affamato, ma distribuito secondo una programmazione casuale (qualche volta l’animale riceve una pallina di cibo, qualche volta molte e altre nessuna – esattamente come per i premi in denaro nel caso del gioco d’azzardo). Non sapendo quindi in quale momento potrà ricevere il cibo, il topo continua a premere la leva, diventandone ossessionato e, in un certo senso, dipendente. Dopo aver letto questa spiegazione colei che per prima aveva parlato dell’esperienza ipnotica del gioco affermò che, seppur non comprendendone il funzionamento, durante la sua carriera di giocatrice aveva più volte immaginato che i meccanismi delle slot machine fossero costruiti in modo da provocare stati di trance nel giocatore. Forse dovremmo formare un gruppo, concluse, chiamarci “le persone ratto”, perché tutti noi sappiamo che quando scende la pallina potrebbe essere benissimo cianuro o cioccolato. Sì, mi sento una persona ratto che esce fuori dal suo buco nero verso la superficie solo quando i soldi sono tutti finiti. - Design giocatore-centrico La sensazione che le slot siano progettate appositamente per far rimanere il più a lungo possibile i giocatori nella “machine zone” è stata confermata dagli stessi creatori dei loro meccanismi, i quali ricercano un maggior profitto tramite il prolungamento dell’esperienza di gioco. Leslie Cummings,
Estratto dalla tesi: Il gioco d'azzardo in Italia: diffusione, caratteristiche e costi sociali

Estratto dalla tesi:

Il gioco d'azzardo in Italia: diffusione, caratteristiche e costi sociali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulietta Zanga
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Cinzia Meraviglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gioco
gioco d azzardo
slot
azzardo
slot machine
macchinette

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi