Skip to content

Dal soggetto all'idolo. Evoluzione del desiderio post-moderno

Estratto della Tesi di Valerio Curzio Fasani

Estratto dalla tesi: Dal soggetto all'idolo. Evoluzione del desiderio post-moderno
15 
 
l’analisi scientifica, da Cassirer partirà quella che è definibile come una sorta di  
“modestia ontologica”: è nei segni e nelle forme simboliche che il soggetto 
riconquista quella parte di mondo fenomenico che somiglia alla sua mente e 
pertanto può intuire, fare proprio. Nessun legame diretto tra natura e cultura, 
nessun passaggio obbligato e oggettivo tra un percepito e un dato: nell’umano è 
presente un lavorio di rielaborazione, di analisi, di assunzione soggettiva che non 
può lasciare il dato al puro livello dell’ “in sé”. L’essere umano si scopre 
simbolicamente di corsa, impossibilitato a una pausa dell’oggettivo inteso come 
sospensione dell’umano e assenza di risposta culturale. 
Il simbolico nell’umano è luogo  del superamento di una certa facile 
immediatezza nel rapporto con la realtà: nella coscienza si produce una sorta di 
scarto differenziale, di distanza nella quale la simbolizzazione permette di vedere 
in modo altro la realtà (sarà poi compito della cultura trovare un equilibrio tra 
l’accadere dell’esistere, che sospende in un’eccedenza di presenza l’attività della 
coscienza, e l’impossibilità di allontanare il funzionamento della coscienza 
dall’ordine simbolico). I simboli possiedono un carattere designativo e 
rappresentativo.  
In modo più evidente rispetto ad Heidegger avviene il superamento del dominio 
fisico della semplice presenza, che lascia spazio all'imporsi dell'universo 
simbolico della rappresentazione: 
«Rappresentarsi un oggetto è cosa ben diversa dal semplice avervi a che fare. Per 
rappresentarsi una cosa non basta sapersene servire nel modo giusto per fini 
pratici, bisogna invece avere un'idea generale di essa e considerarla da più punti 
di vista in modo da scoprirne le relazioni con altri oggetti.
 
La filosofia delle forme simboliche non vuole essere una metafisica della 
conoscenza, ma una fenomenologia della conoscenza. Essa assume per questo la 
parola “conoscenza” nel senso più ampio e più esteso. Essa comprende con 
questo termine non solo l’atto del concepire scientificamente e dello spiegare 
teoreticamente, ma qualsiasi attività spirituale in cui noi ci costruiamo un 
“mondo” nella sua forma caratteristica, nel suo ordine e nel suo “esser-così”. […] 
Di conseguenza, la filosofia delle forme simboliche non vuole, per principio, 
costruire una determinata teoria dogmatica dell’essenza degli oggetti e delle loro 
proprietà fondamentali, ma, al suo posto, cogliere e descrivere, in un paziente 
lavoro critico, i modi dell’oggettivazione, come essi siano propri e caratteristici 
dell'arte, della religione, della scienza».
13
 
 
Con un approccio simile alla fenomenologia di Husserl, Cassirer propone di 
analizzare le modalità di conoscenza e simbolizzazione dell’umano, per evitare di 
creare un piano ambiguamente oggettivo: l’oggettività non può stare nel 
superamento dell’attività simbolica della coscienza e nella ricezione di un sapere 
ultraumano che travalica la coscienza umana che si fa semplice trascrittrice di un 
ordine dato senza mediazione.  
                                                           
13
  E. CASSIRER, Saggio sull'uomo. Introduzione a una filosofia della cultura, op. cit., pag.  70-
72.

Estratto dalla tesi:

Dal soggetto all'idolo. Evoluzione del desiderio post-moderno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Curzio Fasani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Facoltà teologica di Milano, distaccamento di Crema
  Facoltà: Teologia
  Corso: Taologia-Insegnamento
  Relatore: Don Antonio Facchinetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi