Skip to content

Immigrazione: aspetti economici e sociali

Estratto della Tesi di Elvira Ciociano

Estratto dalla tesi: Immigrazione: aspetti economici e sociali
7
cittadini esclusi dalla vita sociale erano indotti ad abbandonare le terre d'origine, incrementando 
flussi  migratori soprattutto verso le colonie del sud Italia. Tali spostamenti erano spesso dovuti 
anche a rapporti commerciali. 
Con la conquista dei regni ebraici e l'espulsione degli Ebrei condannati alla schiavitø dalle 
loro terre, ebbe inizio la diaspora ebraica nel periodo intorno al 13.000 – 6.000 a.C.  
Altro effetto importante della mobilità delle persone si nota nello studio della cultura 
villanoviana preromana in Italia, profondamente influenzata dalle varie ondate di immigranti 
indoeuropei. 
Nelle prime società dei Latini il nomadismo era un costume legato all’usanza di mandar 
via i giovani maschi per far sì che essi provvedessero a conquistare nuove terre piø lontane da 
quelle di origine, come segno di iniziazione al mondo adulto, similmente alla famosa ver sacruum 
sabina.  
Durante il periodo di massima espansione dell’impero romano, si ebbero ripetute 
migrazioni, consistenti in gran parte in trasferimenti di amministratori e soldati ai confini del regno, 
a scopo difensivo, di governo e di conquista. Gli spostamenti piø ingenti riguardarono i primi 
cristiani perseguitati, tant'è che diminuirono solo con l'editto di Costantino nel IV sec. d.C. 
Il crollo della potenza romana fu accelerato dalla mobilità di tribø e popolazioni nordiche, 
che per i loro reiterati tentativi di invasione provocarono migrazioni di altre popolazioni di origine 
germanica verso la penisola iberica e le isole britanniche. Le invasioni barbariche furono intense e 
violente nel periodo dall'820 all'850 d.C., mentre le coste mediterranee dell'Europa furono assaltate 
da gruppi musulmani. Esse diminuirono significativamente solo un secolo dopo.  
Il periodo che va dal IV sino al VII secolo d.C. è stato denominato delle Migrazioni delle 
Nazioni, perchØ si ritiene che le correnti migratorie formatesi durante questo tempo siano stati 
fondamentali per la definizione dell'identità delle nazioni europee.  
Nell'Alto Medioevo prevalsero spostamenti di tipo economico, perchØ molti mercanti, 
soprattutto italiani, intensificarono le relazioni commerciali in tutta Europa, specialmente nell'area 
centrale. La popolazione europea fu tendenzialmente stabile, dato che le realtà territoriali iniziarono 
a modificarsi dal punto di vista amministrativo ed economico, con la nascita dei comuni, delle 
corporazioni e di nuovi mestieri che affiancavano l'agricoltura. Questo scenario iniziò a cambiare 
verso il 1300, quando vi furono afflussi di persone verso i centri urbani piø sviluppati, in cerca di 
lavoro o per la possibilità di realizzare scambi piø proficui. Trecento e Quattrocento furono tempi in 
cui si verificarono numerosi abbandoni di terre e di villaggi rurali e di zone montane, documentati 
anche dai registri parrocchiali, e chi si muoveva verso la città erano soprattutto contadini che non 
potevano piø continuare l'attività agricola o di allevamento, sia per i prezzi del grano troppo bassi,

Estratto dalla tesi:

Immigrazione: aspetti economici e sociali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elvira Ciociano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Gianluigi Coppola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi