Skip to content

Progettazione di Impianti a Servizio di Strutture Ospedaliere

Estratto della Tesi di Antonio Favara

Estratto dalla tesi: Progettazione di Impianti a Servizio di Strutture Ospedaliere
20 
1.5  Coefficiente di forma – sezioni circolari e rettangolari 
 
 Per quanto riguarda la possibilità di scelta esistenti tra l’utilizzo di condotte a sezione 
rettangolare o, in alternativa, a sezione circolare, l’esperienza suggerisce che l’utilizzo di 
queste ultime può presentare, per alcune soluzioni impiantistiche, dei vantaggi dovuti ai 
seguenti motivi: 
 
• per la loro stessa natura (con l’unificazione dei diametri e delle forme tipiche dei pezzi 
speciali) possono essere prefabbricate, riducendo i tempi di costruzione; 
• la posa in opera piø veloce, perchØ realizzata con pezzi speciali standardizzati e pezzi 
rettilinei piø lunghi che richiedono meno giunzioni rispetto a quelli delle condotte 
rettangolari; 
• quando gli spazi sono limitati, è piø semplice gestire piø condotte circolari di piccolo 
diametro che una condotta rettangolare appiattita, spesso al di fuori di un rapporto tra i 
lati accettabile; 
• a parità di sezione trasversale e di portata, provocano minori perdite di carico. 
 
 Si definisce rapporto di forma o coefficiente di forma k il rapporto tra il lato lungo e 
quello corto di una sezione rettangolare. 
 Il concetto di rapporto di forma è molto importante ed è stato finora poco considerato 
nella letteratura relativa alle condotte d’aria. 
 In primo luogo, e fintanto che il costo di acquisto di una rete aeraulica sarà determinato in 
funzione del peso complessivo della stessa, è possibile stabilire uno stretto legame tra il 
rapporto di forma e il prezzo di acquisto di una condotta: le condotte rettangolari, infatti, 
vengono dimensionate in fase di progettazione utilizzando il diametro equivalente, al quale 
corrispondono molte possibili combinazioni tra i lati a e b; tra tutte, la migliore è senz’altro 
quella che individua una sezione quadrata, poichØ, passando da questa a una rettangolare, si 
ottiene un aumento della lamiera impiegata, quindi un maggior peso e, di conseguenza, un 
maggiore prezzo di acquisto. 
 In secondo luogo, è possibile stabilire un altro stretto legame tra rapporto di forma e costo 
di esercizio di un impianto. E’ noto, infatti, che all’aumentare del rapporto tra i lati di una 
condotta rettangolare aumentano anche le perdite di carico provocate dalla stessa, ferma 
restando la portata d’aria che la attraversa; aumentare le perdite di carico significa aumentare 
la potenza del ventilatore impiegato e, quindi, utilizzare un maggiore quantitativo di energia 
per ottenere lo stesso obiettivo. Da tali considerazioni, si può indicare nel rapporto di forma 
1 k = la scelta piø favorevole per il dimensionamento di una condotta in funzione del costo di 
produzione e si indica in 4 k = il rapporto limite da consigliare nel dimensionamento di una 
condotta anche in relazione alla perdita di carico. 
 Quanto esposto porta facilmente a concludere che il piø basso costo di acquisto e di 
esercizio di un impianto si può ottenere con l’impiego di condotte di forma circolare o 
quadrata. Tuttavia, l’esperienza insegna che, nella maggior parte dei casi, ciò non è possibile, 
in quanto le strutture architettoniche molto spesso non consentono tali possibilità di scelta e 
ogni progettista sa bene quali e quanti compromessi bisogna raggiungere per risolvere il 
problema degli spazi a disposizione per il passaggio degli impianti. La definizione del 
rapporto di forma, però, consente di introdurre un altro concetto ad esso strettamente correlato 
che si riferisce alla possibilità di classificare in categorie o classi di costo le condotte 
rettangolari in funzione del lato maggiore e del perimetro della sezione (tabella 1.10). La 
classe è la rappresentazione del costo di acquisto del canale. E’ caratterizzata da un numero 
intero che varia da 1 a 6: piø esso è alto, piø elevato diventa il costo di acquisto.

Estratto dalla tesi:

Progettazione di Impianti a Servizio di Strutture Ospedaliere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Favara
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria meccanica
  Relatore: Raffaello Iavagnilio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi