Skip to content

Videogiochi violenti e aggressività: influenza su comportamenti, atteggiamenti e giudizio morale nei minori.

Estratto della Tesi di Andrea Bertelli

Estratto dalla tesi: Videogiochi violenti e aggressività: influenza su comportamenti, atteggiamenti e giudizio morale nei minori.
Secondo questo modello teorico, nello sviluppo di varie componenti (tra cui quella aggressiva), possono 
incidere diversi fattori che rendono lo sviluppo diverso da bambino a bambino. Si possono infatti 
distinguere diversi fattori di rischio quali, per esempio, litigi coniugali, basso status socioeconomico 
famigliare, scarsa educazione e esposizione alla violenza mediatica. 
Contrapposti ai fattori di rischio, i fattori di resistenza (o resistenze), rappresentano quelle disposizioni 
interne, grazie alle quali alcuni bambini sono più capaci di reagire all’influenza esercitata dai fattori di 
rischio; così alcuni bambini sono più vulnerabili di altri alla violenza mediatica. 
Secondo la teoria dell’apprendimento sociale di Bandura (1997), l’apprendimento umano avverrebbe per 
imitazione e ripetizione di atteggiamenti e comportamenti osservati, di conseguenza  l’influenza dei 
videogiochi sarebbe il risultato di una forma di apprendimento proveniente dall’imitazione di un 
determinato modello e dei comportamenti aggressivi ad esso associati. 
Secondo l’Arousal Theory (Tannenbaum & Zillmann, 1975) l’utilizzo di videogiochi violenti porterebbe ad 
un’attivazione neurovegetativa che troverebbe nel comportamento aggressivo il modo di scaricarsi 
(Salvatore, Quarta & Ruggieri, 2010). La “Theory of Priming” di Berkowitz (1984), invece, sostiene come 
l’esposizione alla violenza mediatica, porti all’attivazione di particolari aree cognitive associate alla violenza 
e all’aggressività, generando così, nella persona, sentimenti e comportamenti aggressivi (Salvatore, Quarta 
& Ruggieri). 
Un secondo filone raggruppa quelle teorie/modelli secondo i quali il fatto di assistere a violenza mediatica 
non incrementa l’aggressività delle persone. 
La teoria della catarsi (Feschebach & Singer, 1971), ad esempio, sostiene come l’utilizzo di videogiochi 
violenti o l’esposizione a programmi televisivi violenti diminuisca l’aggressività della persona, calmando le 
tendenze violente e permettendo di scaricare, tramite il gioco violento virtuale o l’osservazione di scene 
violente, le pulsioni aggressive. 
Ancora, secondo la “Drive Reduction Theory” (Rubin, 1994), l’utilizzo di videogiochi violenti permetterebbe 
un migliore equilibrio emozionale, consentendo di passare da un momento di attivazione ad uno di 
rilassamento (Salvatore, Quarta & Ruggieri, 2010). 
2.2 Videogiochi violenti e minori 
Nel capitolo precedente è stato sottolineato come lo studio sull’influenza esercitata dalla televisione abbia 
suscitato interesse fin dalla sua prima comparsa; presto alcuni autori si sono concentrati sui programmi 
televisivi a contenuto violento e/o aggressivo e sulla loro possibile influenza sui minori. 
La grande diffusione dei videogiochi in tutto il mondo ha portato gli studiosi a concentrare la propria 
attenzione su questo nuovo mezzo di intrattenimento per ragazzi, con particolare attenzione a videogiochi 
a contenuto violento. 
Gli studi a proposito si sono concentrati su differenti aspetti: diversi i videogiochi violenti presi in 
considerazione, diverse le caratteristiche considerate. 
  
9

Estratto dalla tesi:

Videogiochi violenti e aggressività: influenza su comportamenti, atteggiamenti e giudizio morale nei minori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Bertelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Maria Luisa Gennari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
aggressività
influenza mediatica
videogiochi violenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi