Skip to content

"Educazione per Tutti": Unesco e Unicef – Due differenti modi di comunicare

Estratto della Tesi di Laura Eliantonio

Estratto dalla tesi: "Educazione per Tutti": Unesco e Unicef – Due differenti modi di comunicare
- Tradizioni locali discriminanti: alcune tradizioni locali obbligano le bambine a dedicarsi 
alla casa perché quello sarà il loro unico ruolo dopo il matrimonio ed è statisticamente provato che 
una madre senza un’educazione scolastica sarà meno incline a mandare i suoi figli a scuola creando 
così un circolo vizioso senza fine.  
 - HIV/AIDS: l’epidemia di AIDS che da anni miete vittime soprattutto nell’Africa sub-
sahariana ha lasciato molte aree senza insegnanti o rappresentanti scolastici, ma soprattutto molti 
orfani che per mantenersi devono lavorare o devono curare i fratellini più piccoli sacrificando 
l’educazione.  
 - Conflitti armati e altre emergenze: in questi casi oltre all’instabilità del paese che 
indubbiamente rende assai difficile il lavoro nelle scuole. L’occupazione degli edifici scolastici da 
parte delle truppe militari o delle bande armate rende impossibile il loro utilizzo da parte della 
popolazione civile. Oltre a ciò non va dimenticato il fatto che molti bambini vengono strappati alla 
famiglia e dalla scuola per essere arruolati. Nel caso di una vera e propria emergenza come ad 
esempio lo tsunami o la guerra civile in Darfur la popolazione che viene ricoverata nei campi 
profughi non ha sempre a disposizione una struttura scolastica adeguata e comunque non è a volte 
in condizione di poterne usufruire. 
 - Mancanza di infrastrutture: molto spesso le strutture scolastiche sono condivise da più 
villaggi situati magari a qualche chilometro di distanza costringendo così i bambini a percorrere 
lunghi tratti di strada prima di arrivare a scuola. In alcune zone il solo fatto di dover percorrere a 
piedi alcuni chilometri comporta il pericolo di aggressioni e violenze soprattutto da parte delle 
bambine che preferiscono rinunciare a frequentare le lezioni. 
Queste dunque tra le tante cause generiche della mancanza di scolarizzazione in molte aree del 
globo. I progressi finora fatti sono veramente piccoli passi rispetto a ciò che si potrebbe ottenere se 
si lavorasse in modo più capillare e specifico in ogni area interessata. I dati raccolti alla scadenza di 
medio termine del 2005 per l’obiettivo Educazione per Tutti ha confermato l’esistenza di problemi 
che solo con un’azione mirata per ogni paese e area ci si può forse avvicinare maggiormente 
all’obiettivo. L’importanza della riuscita di questo obiettivo è alla base della riuscita di tutti gli altri 
perchè solo grazie ad un’adeguata educazione e preparazione delle nuove generazioni i paesi in via 
di sviluppo potranno finalmente cercare di emergere e di sostenersi sulle proprie gambe. 
Per un’azione precisa e calibrata bisogna ovviamente avere ben chiara la situazione di ciascuna 
area interessata, non solo la situazione di partenza, ma gli sviluppi di medio termine senza 
dimenticare che oltre a grafici e statistiche bisogna soprattutto tener conto delle diversità culturali 
che sono alla base del comportamento di una data comunità sociale. Di seguito si cercherà di dare 
 6

Estratto dalla tesi:

"Educazione per Tutti": Unesco e Unicef – Due differenti modi di comunicare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Eliantonio
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Comunicazione per le Relazioni Internazionali
Anno: 2007
Docente/Relatore: Cristina Panico
Istituito da: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

africa
comunicazione
education for all
educazione
educazione per tutti
efa
mdg
millennium development goals
paesi in via di sviluppo
pvs
unesco
unicef

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi