Skip to content

Le ICT per una nuova Sanità: la Cartella Clinica Elettronica e il Fascicolo Sanitario Elettronico

Estratto della Tesi di Giorgio Bertin

Estratto dalla tesi: Le ICT per una nuova Sanità: la Cartella Clinica Elettronica e il Fascicolo Sanitario Elettronico
15 Le ICT e la nuova sanità 
computing
11
 (112%), la conservazione sostitutiva
12
 (112%) e, dato interessante e 
suggestivo, la medicina sul territorio unita con l'assistenza domiciliare (73%) Figura 2. Si 
fermano invece le spese rivolte alla gestione delle risorse umane e per i sistemi di business 
intelligence,  per i quali si ritiene di aver già raggiunto sufficienti livelli di innovazione, ma 
continueranno ad avanzare anche ambiti ormai considerati strategici, che vedremo nel 
dettaglio nel corso della tesi: la ‘Cartella Clinica Elettronica (CCE)’, che sta sostituendo 
quella cartacea e il ‘Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)’, che è ancora in fase 
sperimentale. Come riportato nello studio, confrontando i dati medi relativi agli 
investimenti ICT nei prossimi 3 anni con la maturità raggiunta nei principali ambiti 
applicativi, la Ricerca ha individuato quattro tipologie di strutture sanitarie: 
 innovatrici (12% del campione): aziende che hanno capito la rilevanza dell’ICT e 
continuano un percorso d’innovazione e cambiamento interno già ben avviato; 
 mature (26%): aziende mediamente soddisfatte del supporto attualmente fornito ai 
processi dalle tecnologie ICT e che non ne prevedono un ruolo rilevante per il 
futuro;  
 in crescita (21%): aziende che partono da livelli di sviluppo abbastanza bassi, ma 
hanno in programma aumenti negli investimenti ICT tali da far pensare che possano 
ampliare il livello di copertura ai processi; 
 ritardatarie (41%): aziende in cui l’ICT non è ancora considerata nei fatti un 
elemento strategico per realizzare miglioramenti aziendali. 
 
L’introduzione e l’evoluzione delle ICT nel dominio sanitario comporta inevitabilmente un 
cambiamento nella struttura organizzativa dello stesso ed in relazione a ciò vedremo che 
diviene fondamentale non procedere per tentativi, ma attuare una strategia di pianificazione 
e programmazione che gestisca e monitori le ICT e che le integri con il patrimonio 
tecnologico esistente nell’azienda.  
 
                                                 
11
 “Cloud computing is a model for enabling convenient, on-demand network access to a shared pool of 
configurable computing resources (e.g., networks, servers, storage, applications, and services) that can be 
rapidly provisioned and released with minimal management effort or service provider interaction”; 
Definizione del NIST (National Institute of Standards, Information Technology Library). 
12
 Quando il referto ha le caratteristiche del documento informatico sottoscritto con firma digitale, la norma 
impone che venga sottoposto alla conservazione sostitutiva. L'obbligo non è legato soltanto alla sua 
archiviazione permanente, ma anche alla necessità di preservarne il valore legale.

Estratto dalla tesi:

Le ICT per una nuova Sanità: la Cartella Clinica Elettronica e il Fascicolo Sanitario Elettronico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Bertin
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Tecnologo della Comunicazione Audiovisiva e Multimediale
  Relatore: Marco Pedroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione sanità
cartella clinica elettronica
tecnologie comunicazione
fascicolo sanitario elettronico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi