Skip to content

Leandro Caselli a Carrara 1884-1890

Estratto della Tesi di Elisabetta Carli

Estratto dalla tesi: Leandro Caselli a Carrara 1884-1890
“Nei molti edifizi dianzi citati ricorse alle architettura già composte da secoli, alle forme 
fiorentine del Medioevo, a quelle del Quattrocento, a quelle del Cinquecento; vi si 
trovano i consueti cornicioni, le solite bifore, l’ordinarie bugnature, tutto il corredo degli 
stili, trattati con qualche impaccio, ma senza ombra di singolarità personale. Né si può 
dire che queste ornamentazioni non s’accordino con la costruzione antonelliana 
interna, perché, qualunque sia l’organismo statico, ci son finestre, ci son porte, ci sono 
arcate, ci sono grondaie, c’è tutto il rimanente, come in tutte le architetture di questo 
mondo, e, a non voler lasciare le muraglie miseramente nude, bisogna pure che 
l’architetto vi aggiunga quelle forme decorative, le quali sembrano a lui più opportune 
e meglio confacenti al suo sentimento e al suo gusto. Col sentimento e col gusto si 
entra nell’arte …”31
Le ultime carte ufficiali dell’Archivio comunale di Carrara che recano in calce la sua 
firma sono dell’estate 1890, il 28 luglio. Il bando di concorso per un posto di ingegnere 
capo dell’Ufficio Tecnico, da quel momento vacante, fu pubblicato il 7 settembre; si 
presentarono undici candidati.
Intanto Caselli aveva vinto il concorso per la stessa qualifica a Messina. Lasciò 
Carrara rimpianto dall’Amministrazione comunale “sicché si è visto il miracolo, che un 
ingegnere, dopo aver fatto spendere milioni ad un comune piccolo, parta inghirlandato 
di lauro.”32 Niente di più vero, se si pensa che, per le opere pubbliche realizzate in 
meno di dieci anni, comprese le opere di sistemazione stradale e fognaria, era stata 
prevista una spesa superiore ai due milioni di lire.
Così “ebbe a dire nella festa di commiato un giornalista locale: … diresse per sei anni 
l’Uffici tecnico Municipale lasciando un’orma incancellabile dl suo ingegno assoluto e 
del non comune valore artistico, del quale sono prova eloquentissima le opere che qui 
tutti ammiriamo e che non pochi ci invidiano.”33 Caselli rispose: “chiudo il mio dire 
ringraziandovi e brindando a tutti, al vostro splendido avvenire in cu ebbi sempre la più 
sicura fiducia; assicurandovi che dalla terra dove le bellezze della natura sorridono in 
modo speciale all’amore, colà cantato nei primi versi italici, e dove i vostri auspici mi 
apriranno più facilmente quei caldi cuori, io penserò con affetto di figlio, di fratello, di 
amico, a voi che tutte le gradazioni di affetto più alto qui rappresentate.”34
A Messina il lavoro di Caselli non fu facile, anzi molte discussioni si levarono sulla 
costruzione dell’edificio scolastico Santa Teresa: fu accusato di andare contro le leggi 
della statica, di essere uno sfruttatore dell’erario comunale e un megalomane; ma qui 
“bisogna intendersi sul significato di questo vocabolo (…) Chi sente l’importanza della 
casa della scuola, la necessità che essa sia sana e decorosa insieme per adempiere 
intiera la sua missione educatrice, non troverà nulla di superfluo in quell’edificio.”35 I 
detrattori di quell’opera furono coloro che “si ostinavano a considerare l’istruzione una 
dolorosa necessità di legge, causa di dissesto sociale, la scuola una fabbrica di 
spostati, gli edifici scolastici una concessione fatta al deplorevole sentimento del 
moderno.”36Nonostante le critiche, realizzò anche una grande palestra e l’osservatorio 
meteorologico dell’Andria, sistemò la piazza del Municipio e risolse problemi tecnici 
31Boito Camillo, op. cit.
32Boito Camillo, op. cit.
33Interdonato  Pietro, op. cit.
34Interdonato Pietro, op. cit.
35Interdonato Pietro, op. cit.
9

Estratto dalla tesi:

Leandro Caselli a Carrara 1884-1890

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Carli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Giacinto Nudi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carrara
caselli

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi