Skip to content

Stress occupazionale e recenti trasformazioni del lavoro

Estratto della Tesi di Sarah Baschieri

Estratto dalla tesi: Stress occupazionale e recenti trasformazioni del lavoro
9 
 
1.2 Il lavoro immateriale 
 
L‟attuale sistema economico non produce più solamente beni standardizzati come nell‟era 
fordista ma beni che incorporano una certa quantità immateriale di servizio; nella nuova 
“economia della conoscenza”
17
, definita anche era fondata sul “capitalismo cognitivo”, il 
lavoro della conoscenza va a sostituire quello fisico; le idee, il sapere e l'informazione che 
sono sempre stati importanti, oggi determinano la nostra vita lavorativa.  
Ciò che trasforma le materie prime in qualcosa che ha più valore è rappresentato dal 
capitale intellettuale
18
: per quest'ultimo intendiamo tutti gli assets legati alla conoscenza che 
sono talento, abilità, know-how, know-what e relazioni (più macchine e reti che le 
incorporano) che possono essere usate per creare ricchezza. Come afferma Rullani, la 
conoscenza è diventata la forza produttiva principale in tutto il mondo industrializzato, 
l'unica capace di produrre valori e vantaggi competitivi durevoli. Non è più la conoscenza 
classica confinata nei santuari della scienza, delle università o delle accademie; anche la 
conoscenza si è “democratizzata”,  entrando a far parte del lavoro e della vita quotidiana di 
ciascuno
19
. Nella knowledge-based economy, le merci vengono prodotte usando la 
conoscenza come fattore primario, fondamentale. La conoscenza viene impiegata non solo 
come la principale risorsa nei processi produttivi (input), sia come fattore autonomo, sia 
sotto forma di sapere incorporato nelle persone, negli oggetti e nei servizi che 
contribuiscono al risultato finale, ma ne è anche il principale prodotto (output). In 
un'economia basata sulla conoscenza la “produzione di merci a mezzo di merci” diventa in 
gran parte produzione di conoscenza a mezzo di conoscenza
20
. In questo processo circolare, 
l'output (la nuova conoscenza ottenuta dal processo corrente) deve rigenerare le proprie 
premesse, ripristinando le condizioni di partenza del ciclo produttivo, ma tuttavia, non deve 
soltanto riprodurre il suo input (la conoscenza precedente), deve innovare, adattare, 
sviluppare la conoscenza precedente per mantenere attive le condizioni che ne giustificano 
la propagazione e il riutilizzo in contesti che sono sempre differenti, in linea di principio, da 
quello di origine. La conoscenza non solo si autoriproduce ma la fa a livello esponenziale
21
.  
                                                 
17
   Termine coniato da Rullani; si veda Economia della conoscenza. Creatività e valore nel capitalismo delle reti, 
Carocci Editore, Roma, 2004. 
18
    Stewart T., La ricchezza del sapere. L’organizzazione del capitale intellettuale nel 
 XXI secolo, tr. it., Ponte alle Grazie, Milano 2002. 
19
 Rullani E., La fabbrica dell'immateriale, Carocci, Roma, 2004, pag. 23. 
20
  Rullani E., La fabbrica dell'immateriale, Carocci, Roma, 2004, pag. 23. 
21
 Rullani E., La fabbrica dell'immateriale, Carocci, Roma, 2004.

Estratto dalla tesi:

Stress occupazionale e recenti trasformazioni del lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sarah Baschieri
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Federico Chicchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

baumann
benessere organizzativo
coping
coping individuale
coping organizzativo
distress
documento di valutazione dei rischi
emergenza
eustress
flessibilità
fordismo
knowledge economy
net economy
new economy
post-fordismo
prevenzione
salute organizzativa
selye
società dei lavori
stress economy
stress lavoro correlato
stress occupazionale
testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro
trasformazioni del lavoro

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi