Skip to content

Disciplina Antitrust e Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Zito
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Pontificia Università Lateranense
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mario Antonio  Scino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

L'indagine sulla ratio delle norme poste ad usbergo della concorrenza ha fatto emergere le finalità della disciplina.
Infatti, essa continua a svolgere il suo ruolo essenziale nel mantenimento del corretto funzionamento del mercato unico europeo e pertanto è uno dei motori del processo di integrazione europea. Il mantenimento di un mercato concorrenziale spinge le imprese a svolgere attività di ricerca e sviluppo volte a fornire al consumatore finale prodotti sempre migliori a prezzi sempre più concorrenziali. Da qui il disposto dell'art. 101 TFUE volto appunto ad impedire qualsiasi accordo diretto a limitare, restringere o falsare la concorrenza. l'applicazione della norma ha visto l'emergere di un nuovo strumento dell'attività di enforcement, rappresentato dai programmi di leniency il cui funzionamento è stato spiegato facendo riferimento al dilemma del prigioniero. Sempre all'interno dell'attività di enforcement si è avuto modo di sottolineare come le decisioni con impegno abbiano un risvolto negativo per i consumatori. L'arrestarsi del procedimento ad una fase precedente alla constatazione dell'infrazione infatti non consente al consumatore finale di avere un titolo per azionare una eventuale azione risarcitoria. In particolare, l'analisi storico giuridica svolta con riferimento all'art. 101 §3 TFUE in tema di esenzione ha concesso di apprezzare il difficile lavoro di mediazione tra le posizioni tedesche e francesi in fase di stesura dell'originario 85 §3 e soprattutto la portata innovativa del regolamento 1/03, con il suo decentramento applicativo.
Per quanto attiene viceversa all'abuse of dominance, contenuto nel disposto dell'art. 102 TFUE, l'analisi si è soffermata specialmente sul tema delle essential facilities, ossia le infrastrutture necessarie per l'esercizio dell'attività di impresa. Tale tematica ha assunto ancora maggior importanza in seguito al processo di liberalizzazione dei mercati.
Con riferimento al panorama prettamente italiano il ritardo con cui il nostro paese si è dotato di una normativa a tutela della concorrenza è da ricercare in due ragioni fondamentali: una culturale e una politico-economica tra loro in rapporto molto stretto. Infatti era opinione diffusa che una politica interventista nell'economia avrebbe portato l'Italia ad uno stadio di una moderna politica industriale e ciò era confermato anche da esperienze economiche quali quella dell'IRI.
Il lungo percorso con il quale si è giunti all'emanazione della prima legge a tutela della concorrenza, la legge 287/1990, è stato analizzato partendo dalla convenzione di Parigi sulla proprietà industriale del 1883 il cui art. 10 bis impegnava tutti i paesi firmatari a predisporre una normativa volta a proteggere la proprietà industriale e intellettuale. Ciò ha consentito di apprezzare l'apporto dei diritti di privativa alla disciplina odierna, soprattutto in tema di pratiche commerciali scorrette. Queste ultime rappresentano uno dei campi di intervento dell'Autorità Antitrust italiana il cui ultimo intervento in materia è individuabile nelle suddette lettere di moral suasion. L'Autorità Garante della concorrenza e del mercato è un'Autorità amministrativa indipendente, i cui membri sono dotati di un'elevata expertise tecnica. Il carattere amministrativo si connette all'indipendenza tanto dall'esecutivo quanto dagli operatori di mercato. Tali caratteri sono comuni a tutte le autorità, fermo restando il distinguo tra autorità di garanzia, come AGCM, e autorità di regolazione. Queste ultime infatti pongono in essere anche un'attività di regulation del mercato di riferimento e si pongono quindi sia come regolatori che come enforcer. Se da un lato quindi AGCM è priva di tale potere dall'altro si caratterizza per la sua trasversalità che gli consente di azionarsi anche in merito ad agiti tenuti da imprese operanti in ambiti soggiacenti all'attività di controllo di altre autorità.

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Zito
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Pontificia Università Lateranense
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mario Antonio  Scino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  6   INTRODUZIONE La prima manifestazione della disciplina antitrust si fa risalire al 1889 e precisamente all’emanazione del Competition Act canadese. Appena un anno dopo, nel 1890, il senatore dell’Ohio, John Sherman, si adoperò affinché gli Stati Uniti d’America si dotassero di una normativa a livello federale in materia di concorrenza, molto simile alla legge canadese e a quelle che alcuni Stati membri degli USA avevano adottato poco tempo prima. In risposta alle istanze dei consumatori, che si tramutarono ben presto in massicci movimenti di protesta, nacque pertanto il federal statute noto come Sherman Antitrust Act e tradizionalmente riconosciuto come una vera e propria pietra miliare nella storia del diritto antitrust. Anche se per le prime applicazioni concrete della nuova normativa statunitense occorrerà attendere il 1911, con le iniziative intraprese contro l’impero petrolifero del magnate John Davison Rockefeller e contro l’American Tobacco Company, la strada era stata tracciata. La matrice d’oltre oceano della materia è rinvenibile, oltre che dai dati storici, anche dal termine stesso “antitrust”. Si tratta di un americanismo, una parola composta dal prefisso anti, che indica ovviamente un contrasto e dalla parola inglese trust, nella sua accezione di cartello tra imprese. Proprio i cartelli tra le imprese, infatti, avevano operato una restrizione della concorrenza, con effetti devastanti per il mercato unico statunitense che risultava pertanto imbrigliato in una rete di accordi e di abusi di posizioni dominanti. Le vicende storiche, che saranno oggetto di trattazione più approfondita nella sede adeguata, rappresentano un necessario preambolo, utile a fornire al lettore uno spunto di riflessione importante riguardo l’origine della normativa antitrust in Europa e negli Stati Uniti. Infatti, mentre per questi ultimi la norma federale non fece altro che recepire le istanze sorte nelle varie sedi statali, che già si erano adoperate per impedire i cartelli tra imprese a livello nazionale, in Europa si può parlare di una norma calata quasi dall’alto, elaborata cioè dapprima in sede sovranazionale e successivamente in seno alle varie realtà statali. Per tali motivi, un ambito di indagine ristretto solamente al panorama legislativo italiano, risulterebbe limitato e non consentirebbe l’acquisizione di concetti necessari per comprendere il moderno assetto dell’applicazione del diritto antitrust.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antitrust
agcm
autorità garante della concorrenza e del mercato
diritto amministrativo
autorità
diritto antitrust
tue
tfue
antitrust law
autorità amministrativa indipendente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi