Skip to content

Il filtro di ammissibilità nell'appello civile

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Cafasso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Ernesto Fabiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

La giustizia e il processo civili incidono sulla risoluzione delle controversie private, ma, inevitabilmente, travolgono anche la sfera socioeconomica: quanto più è valida ed efficiente la tutela giudiziaria, tanto più il sistema economico è produttivo. Alla luce di tale dato, è comprensibile il legame tra la crisi economica che ormai da anni attanaglia l’Europa, e la crisi della giustizia civile, che ha posto il legislatore nella condizione e nella necessità di intervenire per rendere il nostro Paese più competitivo, riducendo le distanze tra economia e processo. In tale ottica, negli ultimi anni, il legislatore italiano si è concentrato sulla deflazione e la semplificazione del processo, intervenendo anche sul giudizio d’appello.
Nel presente lavoro di tesi si intende analizzare il cd. filtro in appello, introdotto dalla l. 134/2012, di conversione del d.l. 83/2012, come strumento per migliorare l’efficienza delle impugnazioni e ridurre, di conseguenza, la durata dei giudizi.
Ci si chiede, a distanza di quasi otto anni, se l’introduzione del filtro in appello sia stata una soluzione coerente con il sistema processuale italiano. Fulcro del lavoro sarà l’analisi degli articoli 348 bis e 348 ter c.p.c. che introducono l’ordinanza di inammissibilità dell’impugnazione «quando non ha una ragionevole probabilità di essere accolta». Ci si soffermerà, in particolar modo, sull’ambito di applicazione di tale istituto, anche in relazione alla disciplina di cui all’art. 281 sexies, e sulle ipotesi che il legislatore ha ritenuto di escludere dal campo di azione del cd. filtro.
Si passerà poi a ricostruire il concetto di «ragionevole probabilità», con l’ausilio delle tesi sviluppate da giurisprudenza e dottrina e, particolarmente, della ricostruzione in chiave di manifesta infondatezza. Si procederà all’analisi degli effetti dell’ordinanza di inammissibilità di cui agli artt. 348 bis e ter c.p.c.: la reviviscenza della sentenza di primo grado e regime di impugnabilità; le problematiche relative alla c.d. doppiaconforme e alla impugnabilità dell’ordinanza stessa.
L’ultima parte del lavoro avrà ad oggetto un’indagine comparata con i sistemi inglese e tedesco, tentando di individuare tratti comuni e distanze con le soluzioni adottate dal legislatore italiano del 2012.
In conclusione si cercherà di elaborare considerazioni personali su un istituto che, sin dai suoi albori, è stato oggetto di reazioni e interpretazioni contrastanti in dottrina quanto in giurisprudenza: dati da cui partire per tentare di formulare una propria posizione interpretativa, soprattutto con riguardo a quel dualismo tra presto e bene richiamato dal Calamandrei.

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Cafasso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Ernesto Fabiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
66 2.3.2 Rapporto con la sentenza semplificata ex art. 281-sexies c.p.c. La legge n. 183 del 12 novembre 2011 ha esteso al giudizio d’appello l’applicazione dell’art. 281 sexies c.p.c., che disciplina uno speciale procedimento decisorio, finalizzato a razionalizzare e accelerare il processo, la cui adozione è valutata dal giudice: nel caso di discussione orale della causa, il giudice può pronunciare la sentenza (semplificata) al termine dell’udienza, dandone lettura alle parti ed incorporando nel verbale il dispositivo e una sintetica motivazione. La dottrina si è chiesta in quale rapporto si ponga la sentenza semplificata con l’ordinanza di inammissibilità di cui all’art. 348 bis c.p.c., e in che modo si coordinino sotto il profilo procedimentale. I due provvedimenti condividono la funzione deflattiva, tanto che qualcuno ha ravvisato nell’ordinanza di inammissibilità un doppione della sentenza semplificata 138 , ma indubbiamente presentano importanti differenze in quanto a oggetto, procedura ed effetti 139 . Quanto all’oggetto, mentre l’ordinanza ex 348 ter c.p.c. è pronunciata esclusivamente in senso ostativo, rigettando di fatto l’impugnazione, sebbene sotto forma di inammissibilità, la sentenza semplificata di cui al 281 sexies c.p.c. può pronunciarsi sia per rigettare che per accogliere ogni qualvolta la decisione possa essere motivata in modo particolarmente conciso e sintetico. Ulteriore differenza è rappresentata dalla circostanza che, se il giudice ad quem opta per l’ordinanza d’inammissibilità, è 138 G. IMPAGNATIELLO, op. cit, p. 750. 139 Si veda S. CARTUSO, Il nuovo “filtro” di ammissibilità dell’appello, in La nuova procedura civile, 2.07.2013.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

appello
ammissibilita
filtro
348 bis
348 ter
inammissibile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi