Skip to content

Il principio del NE BIS IN IDEM e la sua portata applicativa all'interno del diritto dell'Unione Europea. L'esame dell'istituto alla luce dei più recenti sviluppi giurisprudenziali in tema di mandato d'arresto europeo e doppio binario sanzionatorio nei reati di market abuse.

Informazioni tesi

  Autore: Sara Destri
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco  Munari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Il divieto di processare un individuo più volte per lo stesso fatto, sintetizzato nel sintagma latino ne bis in idem, rappresenta una componente irrinunciabile dell'ordinamento di un moderno Stato di diritto. Tale divieto costituisce un limite all'esercizio dell'azione giurisdizionale da parte dello Stato e, oltre a tutelare l'individuo dal rischio di abusi del potere giudiziario, è funzionale al rispetto della res iudicata e, in ultima analisi, alla garanzia della certezza del diritto.
Nella prospettiva di ciò che verrà analizzato in questo elaborato si può parlare più nello specifico di un limite al potere giudiziario e, di conseguenza, all'esercizio dell'azione giurisdizionale da parte dello Stato: con questo divieto si vuole, quindi, da un lato tutelare l'individuo da plurime persecuzioni per un medesimo fatto, dall'altro rispettare il concetto della res iudicata, ottenendo così il risultato, per nulla scontato, di garantire la certezza del diritto.
In questo contesto, il mio lavoro si propone di analizzare l'evoluzione dell'istituto, con particolare attenzione alla dimensione assunta dallo stesso grazie all'apporto della giurisprudenza unionale.
Prendendo le mosse da un breve inquadramento nel diritto romano, si esaminerà il progressivo consolidamento dell'istituto nel corso dei secoli, fino a giungere all'assetto attuale, sancito nella Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo e nella Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea.
In seguito, attraverso l'analisi della giurisprudenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea (CGUE) sarà possibile evidenziare il contributo fornito dalla stessa nell'interpretazione e nell'applicazione concreta dell'istituto. A questo esame si affiancherà un raffronto con gli orientamenti seguiti dalle Corti interne italiane, talvolta in recepimento della giurisprudenza unionale, talaltra in contrasto con i principi enunciati da quest'ultima. In particolare, le divergenze più significative si concentrano in settori, come quello tributario e quello del contrasto agli abusi di mercato, in relazione ai quali lo strumento sanzionatorio dell'illecito amministrativo può facilmente affiancarsi a quello di tipo penale, laddove la condotta contestata dall'amministrazione competente costituisca anche reato.
Tutto ciò ci condurrà quindi alla conclusione che il principio giuridico del ne bis in idem, pur vantando origini antichissime ed una storia plurisecolare, sia ancor oggi in evoluzione sotto il profilo sia interpretativo che applicativo, aspetto che presenta importanti ricadute sull'assetto dell'ordinamento interno e sovranazionale.

Informazioni tesi

  Autore: Sara Destri
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco  Munari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 INTRODUZIONE Il divieto di processare un individuo più volte per lo stesso fatto, sintetizzato nel sintagma latino ne bis in idem, rappresenta una componente irrinunciabile dell’ordinamento di un moderno Stato di diritto. Tale divieto costituisce un limite all’esercizio dell’azione giurisdizionale da parte dello Stato e, oltre a tutelare l’individuo dal rischio di abusi del potere giudiziario, è funzionale al rispetto della res iudicata e, in ultima analisi, alla garanzia della certezza del diritto. Tra i diritti fondamentali, che rappresentano un limite ed al contempo un fine nell’esercizio dei pubblici poteri, è dunque senz’altro da annoverarsi il divieto racchiuso nel brocardo latino ne bis in idem. Nella prospettiva di ciò che verrà analizzato in questo elaborato si può parlare più nello specifico di un limite al potere giudiziario e, di conseguenza, all’esercizio dell’azione giurisdizionale da parte dello Stato: con questo divieto si vuole, quindi, da un lato tutelare l’individuo da plurime persecuzioni per un medesimo fatto, dall’altro rispettare il concetto della res iudicata, ottenendo così il risultato, per nulla scontato, di garantire la certezza del diritto. In questo contesto, il mio lavoro si propone di analizzare l’evoluzione dell’istituto, con particolare attenzione alla dimensione assunta dallo stesso grazie all’apporto della giurisprudenza unionale. Prendendo le mosse da un breve inquadramento nel diritto romano, si esaminerà il progressivo consolidamento dell’istituto nel corso dei secoli, fino a giungere all’assetto attuale, sancito nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo e nella Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea. In seguito, attraverso l’analisi della giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) sarà possibile evidenziare il contributo fornito dalla stessa nell’interpretazione e nell’applicazione concreta dell’istituto. A questo esame si affiancherà un raffronto con gli orientamenti seguiti dalle Corti interne italiane, talvolta in recepimento della giurisprudenza unionale, talaltra in contrasto con i principi enunciati da quest’ultima. In particolare, le divergenze più significative si concentrano in settori, come quello tributario e quello del contrasto agli abusi di mercato, in relazione ai quali lo strumento sanzionatorio dell’illecito amministrativo può facilmente affiancarsi a quello di tipo penale, laddove la condotta contestata dall’amministrazione competente costituisca anche reato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ne bis in idem
market abuse
cgue
doppio binario sanzionatorio
mandato d'arresto europeo

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi