Skip to content

Il principio di derivazione rafforzata nella tassazione del reddito d'impresa

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Parrella
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Felice Uricchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

La tassazione del reddito di impresa costituisce da sempre una tematica cui il legislatore ha tradizionalmente attribuito grande rilevanza, come dimostrano le numerose riforme che sono intervenute negli ultimi anni, le quali hanno adottato un approccio sempre più realistico, privilegiando l'aspetto sostanziale in luogo di quello formale. L'obiettivo è infatti quello di dar vita ad un reddito il più possibile fedele alla realtà economica delle imprese, al fine di evitare abusi di diritto delle stesse volti ad ottenere vantaggi fiscali.
Il presente lavoro di tesi analizza le nuove regole contabili imposte dal D.Lgs. 139/2015 e dal più recente D.M. 3 agosto 2017 le quali determinano non solo un necessario cambio di passo nella predisposizione dei conti annuali ma anche, e non è certo meno rilevante, nella corretta determinazione dell’imponibile fiscale. Queste disposizioni si sono rese necessarie poiché, per principio generale, il reddito d’impresa viene ricavato per derivazione dalle risultanze del bilancio d’esercizio civilistico, con apposite variazioni in aumento e in diminuzione previste dal legislatore fiscale. Da qui il principio di derivazione rafforzata, quasi un “rebus fiscale”, il quale ridefinisce le modalità di determinazione della base imponibile dell’Ires, correlandola alla rilevanza pubblica ed alla dimensione della società e, conseguentemente, alla tipologia di bilancio che la stessa deve redigere.
La prima rilevante novità del succitato decreto del 3 agosto 2017 è data dal fatto che, intervenendo sull’art.83 del Tuir, si è stabilito che le società, (diverse dalle microimprese) che adottano i principi contabili nazionali, dunque i soggetti OIC Adopter, determinano il reddito d’impresa tenendo conto dei “criteri di qualificazione, imputazione temporale e classificazione in bilancio”. Ciò determina, come confermato dall’Agenzia delle Entrate in occasione di Telefisco 2018, una rimozione dell’abitudine di rappresentare i fatti secondo la natura giuridico formale degli stessi, cedendo il passo ad una rappresentazione sostanziale, tesa ad evidenziare l’effettivo trasferimento dei correlati rischi e benefici. Si riducono così, significativamente, le discordanze tra l’utile di bilancio e il reddito d’impresa, evitando il “doppio binario” civilistico-fiscale e semplificando le modalità di determinazione del reddito imponibile. Le suddette novità recano una serie di questioni aperte tra le quali l’ambito soggettivo di applicazione delle norme e i rapporti tra entità IAS e non IAS, tutto ciò calato nel mutato ruolo che i principi contabili internazionali hanno assunto anche in ambito fiscale.
La giurisprudenza è ovviamente intervenuta sul tema, la quale con la sentenza n.1107 del 18 gennaio 2017, ha affermato che si deve tener conto della funzione economica dell’elemento dell’attivo e del passivo, in modo che la rappresentazione in bilancio di tutti gli accadimenti patrimoniali sia effettuata secondo la realtà economica sottostante agli effetti sostanziali. Alla luce di ciò, non di rado, possono verificarsi nella pratica errori di imputazione economico-temporale delle componenti reddituali, si pensi alle ipotesi di omissioni di ricavi, costi fittizi o non inerenti che generano situazioni di doppia tassazione. L’Amministrazione finanziaria è così intervenuta ribadendo la non derogabilità del principio di derivazione rafforzata e prevedendo l’applicazione di sanzioni, anche di natura penale, del tutto analoghe a quelle commisurate a seguito di una erosione definitiva della base imponibile, anche in assenza di un vero e proprio danno patito dall’erario. Questa disposizione mira a contemperare la necessità di computare tutte le componenti nell’esercizio di competenza, senza però addossare al contribuente un onere troppo difficile da rispettare, nel senso che il dovere di conteggiare tali componenti nell’anno di riferimento si arresta solo di fronte a quei costi e a quei ricavi non ancora noti all’atto della determinazione del reddito.
Trattandosi di una riforma molto recente e, conseguentemente, di prassi applicative che non si sono ancora del tutto consolidate non resta che attendere l'applicazione pratica dell'Amministrazione finanziaria, per comprendere come i nuovi criteri di rilevazione delle operazioni interferiscono con la determinazione del reddito imponibile. Alla luce di ciò due sembrano i punti su cui riflettere. Da un lato una riscrittura delle norme del Tuir in materia di reddito d’impresa e un loro adeguamento alla nuova realtà contabile, al fine di prevenire l’inserimento di regole disarmoniche rispetto al sistema complessivamente considerato; dall’altro lato una più generale riflessione sul passaggio a nuove metodologie di determinazione del reddito d’impresa, tenendo conto che il principio di derivazione rafforzata ha mostrato limiti significativi i quali hanno evidenziato, in tempi di crisi, la reale capacità contributiva delle imprese.

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Parrella
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Felice Uricchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Int roduzi one L a t a ssa z i one de l re ddi t o di i m pre sa pre se nt a de l l e pe c ul i a ri t à ri spe t t o a que l l a de l re ddi t o de l l e pe rsone fi si c he . Ne gl i ul t i m i a nni , i l l e gi sl a t ore ha m ost ra t o un'a t t e nz i one se m pre m a ggi ore ne i c onfront i di t a l e fe nom e no, i nc e nt ra ndosi progre ssi va m e nt e se m pre pi ù sui profi l i sost a nz i a l i pi ut t ost o c he form a l i . De l re st o, i proc e ssi di gl oba l i z z a z i one ha nno prodot t o de l l e t ra sform a z i oni si gni fi c a t i ve ne l l e st rut t ure produt t i ve e ne i m e rc a t i , c on l 'e ffe t t o di m odi fi c a re gl i e qui l i bri c om pe t i t i vi di m ol t i Pa e si . L 'e m e rge re di nuovi m e rc a t i e , qui ndi , di nuovi c onc orre nt i , ha nno m odi fi c a t o i n m a ni e ra si gni fi c a t i va gl i e qui l i bri , re nde ndo l o sc e na ri o e c onom i c o i nt e rna z i ona l e se m pre pi ù c om pe t i t i vo e bi sognoso, pe rt a nt o, di un qua dro norm a t i vo c e rt o, orga ni c o e c oe re nt e , sopra t t ut t o i n c onsi de ra z i one de l l a di ffusi one e de l l a c re sc i t a de l l e a ffi l i a t e e st e re t ra i fa t t ori pi ù ri l e va nt i de l l 'i nt e rna z i ona l i z z a z i one de l l e i m pre se . L a t a ssa z i one de l re ddi t o di i m pre sa , pe rt a nt o, ra ppre se nt a una t e m a t i c a se m pre pi ù a t t ua l e , sul l a qua l e i l l e gi sl a t ore è i nt e rve nut o i n pi ù oc c a si oni , a nc he di re c e nt e , a t t ua t a c on d.l gs. n. 139/ 2015.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contabilità
reddito
imprese
competenza
regime fiscale
reddito d'impresa
principi contabili internazionali ias/ifrs
tassazione reddito d'impresa
derivazione rafforzata
principio tributario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi