Skip to content

L'emblema della Repubblica: storia ignorata d'un patrimonio senza tempo

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Tarascone
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianluca Conti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

A (più o meno) ventiquattro ore dall'ufficialità dei risultati elettorali più importanti della storia italiana, l'allora capo provvisorio dello Stato - Alcide de Gasperi -, per tramite del primo atto normativo di stampo repubblicano (d.lgs. pres. n. 1 del 19 giugno 1946), diede avvio al percorso di elaborazione e approvazione dell'emblema della neonata Repubblica, al fine di dotarla d'un simbolo coerente col nuovo corso, spendibile sia sul palcoscenico internazionale che nei farraginosi affari dominanti l'ambito strettamente burocratico.
Nonostante l’apprezzabile urgenza di portare a conclusione, rapidamente e felicemente, la vicenda a causa del persistente, inopportuno quanto, in parte, inevitabile utilizzo di stampigliature di matrice regia e fascista - si pervenne perfino all'ammonimento e conseguente imbarazzo diplomatico! -, il secondo passaggio non si eseguì prima del 27 ottobre, quando venne nominata la commissione competente. Presieduta da Ivanoe Bonomi e contrassegnata dalla presenza di autorevoli rappresentati del panorama artistico nazionale, confidando - ciecamente - nel genio interpretativo dei partecipanti, bandì giorno 8 Novembre un concorso a premi, lasciandoli praticamente liberi di figurare la loro idea di giovane Italia.
I bozzetti pervenuti - 637 da 341 concorrenti - raffigurarono, al contempo, un profondo e gelido buco nell'acqua, da cui i commissari furono risoluti a non venirne fagocitati. In seguito a un prima, imponente sfoltita, 5 finalisti vennero selezionati per essere letteralmente guidati - quella volta si! - alla realizzazione di un disegno apprezzato; ma come? A tal proposito, nei primi giorni di Dicembre, venne organizzata una doppia spedizione agli archivi statali, alla ricerca della simbologia di quei popoli europei costretti - per questo e per quello - a rinnovarne il vestiario, nella speranza di poter esser colti, un po' come San Paolo, dall'ispirazione illuminante.
La commissione ne uscì integra e persuasa dall'idea che un simbolo, per essere veramente tale, dovesse naturalmente emergere dalla storia della collettività rappresentata. Sicché, eleggendo la cinta turrita a elemento di sintesi della civiltà italiana, e assegnando minuziose e vincolanti indicazioni per la realizzazione della stessa, diede ai finalisti un nuovo appuntamento per l'inizio dell'anno entrante.
Da quell'ultima sfornata venne scelto il prototipo eseguito da Paolo Paschetto, pittore e incisore valdese operante da diverso tempo sulla scena romana che, trattenuto per correzioni e modifiche dell'ultimo minuto, poté disimpegnarsi soltanto il 24 febbraio, giorno in cui venne approvata ufficialmente, dalla commissione, anche la versione definitiva del bozzetto a colori.
Dopo quasi due mesi si sopraggiunse allo snodo, tanto insidioso quanto auspicato, e dai commissari e dallo stesso autore, della presentazione al pubblico, avvenuta in una mostra - nella quale fu esposto il complesso dei bozzetti finalisti - allestita presso la sede romana dell' illustre Associazione Artistica Internazionale. Quei pochi giornalisti che si degnarono di assistervi, non furono certo magnanimi nei loro articoli a commento dell' opera vincitrice mentre i politici, a eccezione delle sincere e preoccupate attenzioni - poste nero su bianco in una lettera indirizzata a De Gasperi - del presidente della Costituente - Umberto Terracini - si mostravano come fossero addirittura all'oscuro dell'intera vicenda.
A dir il vero, almeno a disposizione dei loro occhi, i riflettori continuarono a esser puntati sulla cinta turrita di Paschetto, posta in pianta stabile in una sala - frequentata! - di Montecitorio; purtroppo, non meno vero, fu come non vi fosse mai entrata.
I tanti e silenziosi giorni trascorsi ci accompagnano sin dentro alla seduta del 18 Gennaio della Costituente, dove Terracini, giocando di sponda con le più che manifeste perplessità dell' assemblea - verosimilmente sazia e fiera per la recente entrata in vigore della loro creatura (offerta per noi e per tutti) -, ottenne una delega alla nomina di una seconda commissione (interamente politica), la quale, in un battibaleno, non esitò a fiondarsi in un ulteriore concorso pubblico. Ancor più deludente del precedente, ineluttabilmente per via delle tempistiche limitanti, indusse i nuovi commissari a virare ancora un volta sull' estro (poco spontaneo) di Paschetto, la cui "stella dentata" riuscì a strappare sul gong, nella seduta del 31 gennaio - che, in questa sezione di elaborato, mi limito a definire scoppiettante -, un'insperata approvazione.

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Tarascone
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianluca Conti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
71 Capitolo III L' emblema della Federazione Russa: dalla storia alla Costituzione 3.1 Introduzione. Il proposito del presente Capitolo consiste nell' offrire un' esauriente narrazione dell' esperienza di previsione e regolamentazione costituzionale attinente all' emblema della Federazione Russa, in modo da poter fungere - nella piena consapevolezza delle rispettive peculiarità ordinamentali - da traccia al legislatore italiano per un' eventuale disciplina costituzionale 1 del nostro emblema nazionale. Lo stemma 2 russo - uno scudo con sfondo rosso raffigurante un' aquila bicipite color oro, dalle ali spiegate e teste incoronate, reggente lo scettro e il globo del potere per mezzo degli artigli e adornata sul petto da un cavaliere intento a trafiggere con una lancia un drago nero - 3 venne approvato il 30 novembre del 1993 con decreto (ukaz) 4 n.2050 del Presidente Boris Eltsin, a conclusione di un percorso inaugurato agli albori del decennio e indissolubilmente avvinghiato agli stravolgimenti socio-politici esplosi nell'ex Unione Sovietica, riverberati sugli equilibri geo-politici planetari. L' Art. 70 del Capitolo 3 "Ordinamento Federativo" della Costituzione - adottata quello stesso anno e attualmente in vigore -, al comma 1 prevedeva che la descrizione e, in specie, le modalità di impiego ufficiale dello stemma - così come per la bandiera e l' inno - venissero stabilite dalla legge 1 Per una specifica trattazione e argomentazione, si rinvia alla lettura del capitolo successivo. 2 Qualsiasi emblema avente un scudo è definibile stemma. 3 Il significato dello stemma della federazione russa, www.madrerussia.com. 4 Circa una sintetica ma necessaria disanima sulle fonti del diritto della Federazione, si rinvia alla nota 58.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

russia
concorso
repubblica
federazione russa
emblema
stella
paschetto
ruota dentata
aquila bicipite
cinta turrita
russia
concorso
repubblica
federazione russa
emblema
stella
paschetto
ruota dentata
aquila bicipite
cinta turrita
russia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi