Skip to content

La pornografia minorile e le nuove frontiere del diritto penale d'autore

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Spertingati
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonella Massaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

L’obiettivo di questo elaborato è quello di interrogarsi sul delicato settore dei reati in materia di pornografia minorile ed esplorare la compatibilità di alcuni di essi con i principi di rango costituzionale che connaturano l’intero sistema penale.
All’interno dei quattro capitoli di cui si articola il lavoro di tesi, si affrontano le problematiche questioni relative ai diritti dei minori, a come questi vengono garantiti dalle maggiori Convenzioni internazionali e, in particolare, dalle legislazioni dei singoli Stati in una complessa ricerca di un equilibrio tra interessi dei minori e rispetto dei diritti costituzionali garantiti a chiunque risulti essere anche solo indiziato di reati caratterizzati da un alto grado di disvalore, secondo il comune sentire.
Viene condotta un’accurata analisi incentrata sui soli delitti di cui agli articoli 600-ter e 600-quater c.p., rispettivamente rubricati «Pornografia minorile» e «Detenzione di materiale pornografico», dunque, si entra nel vivo della tematica che si intende affrontare col presente elaborato, scegliendo di concentrarsi sul terreno “accidentato” della punizione penale della pedopornografia.
Lo studio del primo articolo, introdotto con la legge del ’98 e riformato dagli altri due provvedimenti, passa necessariamente da un’attenta analisi dell’evoluzione giurisprudenziale sui diversi delitti che in esso sono contemplati, in quanto la formulazione di queste norme non eccelle in chiarezza, generando perplessità relativamente al rispetto del principio di tassatività-determinatezza della fattispecie penale. L’art. 600-ter, nei sette commi di cui consta, fornisce un’ampia tutela dello sviluppo psico-fisico dei minori.
Si prosegue con l’esame del successivo articolo 600-quater, che contempla il delitto di «Detenzione di materiale pornografico», così da completare il quadro di tutela penale del diritto al regolare sviluppo sessuale dei minori, punendo anche i “consumatori finali” del mercato della pedofilia. L’analisi critica di questa incriminazione muove dalla condivisione del pensiero di certa dottrina che ritiene non sussistere, in taluni casi di detenzione, alcuna lesione di interessi dei minori, per cui si tratterebbe di una disposizione priva dei connotati di minima offensività che devono contraddistinguere le fattispecie incriminatrici.
La scelta di trattare il reato di cui all’art. 600-quater.1 nel successivo Capitolo III è stata dettata dal desiderio che creare uno snodo nella trattazione dei reati in materia di pornografia minorile: la chiusura del Capitolo II con la prima incriminazione “tacciata” di vizi di costituzionalità lascia il posto, nel capitolo che segue, ad un delitto decisamente più “a rischio”.
L’articolo in parola, infatti, introdotto con la riforma del 2006, disciplina uno dei reati più singolari e, per questo, problematici dell’intero ordinamento penale italiano, ossia il delitto di «Pornografia virtuale», il quale sanziona, con pena leggermente più lieve, le medesime condotte di cui ai due precedenti articoli, laddove esse abbiano ad oggetto materiale pornografico che consista in «immagini virtuali realizzate utilizzando immagini di minori degli anni diciotto o parti di esse».
Gli enormi dubbi circa la compatibilità di questo reato con i principi costituzionali che sorreggono l’ordinamento penale ne hanno suggerito una trattazione separata; la problematicità del delitto de quo, inoltre, rappresenta la maggiore fonte d’ispirazione del titolo dell’intero elaborato. Se n’è eseguita una ricca ricostruzione dottrinale, tendenzialmente critica nei confronti di un’incriminazione di diritto penale “virtuale”, che sfocia inevitabilmente in forme surrettizie di "diritto penale d’autore", nella lotta al “nemico pedofilo” e si è, inoltre, analizzata l’evoluzione giurisprudenziale: trattandosi di un fenomeno relativamente recente e non troppo diffuso, risulta oggetto di un numero ristretto – ma non per ciò di scarsa rilevanza - di pronunce giurisprudenziali, anche di legittimità.
In seguito, si esegue un’indagine sull’ancora poco esplorato territorio del sexting, una pratica sessuale “a distanza” certamente moderna e largamente diffusa tra i giovani ma che, spesso, di trasforma da mezzo di conoscenza del corpo altrui in attività penalmente rilevante.

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Spertingati
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonella Massaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
99 incostituzionalità, è necessario apportare delle piccole correzioni, piccoli escamotage terminologici e sistematici ma, in pratica, surrettizi. 3. La situazione in Italia: è la pornografia minorile o il diritto penale ad essere «virtuale»? Dopo aver analizzato la risposta dei principali ordinamento giuridici esteri al pressante allarme sociale legato alla circolazione di materiale pornografico e dopo aver fatto cenno 266 ai due commi di cui si compone l’art. 600-quater.1 del codice penale, è il momento di esaminarne dettagliatamente il contenuto, per comprendere il perché delle apre critiche che tale incriminazione ha ricevuto anche in Italia. In via di premessa, c’è da segnalare un dibattito circa la natura 267 della disposizione de qua: si scontrano infatti le tesi di chi la considera una circostanza attenuante delle condotte di cui agli artt. 600-ter e 600-quater 268 , cui essa fa rinvio e di coloro che, invece, le conferiscono la natura di fattispecie criminosa autonoma 269 , in virtù del differente oggetto materiale, che renderebbe impercorribile un ragionamento sul rapporto genus a specie attinente alle circostanze. Passando, ora, all’analisi contenutistica dell’articolo, balza subito agli occhi, leggendo la disposizione e raffrontandola con quelle di cui agli art. 600-ter e 600-quater, che, all’epoca della riforma del 2006, risultava l’assurdo assetto secondo cui il nostro ogni forma di pedopornografia, vanno, infine, segnalate le prime tre dichiarazioni inserite nella Relazione introduttiva a tali emendamenti, ossia «l’oscenità e la pedopornografia non sono tutelate dal primo emendamento»; «Il governo ha uno stringente interesse a proteggere i minori da coloro che li sfruttano sessualmente, sia gli abusanti, sia i pedopornografi»; «Il governo ha un interesse stringente ad assicurare che i reati di pedopornografia siano applicabili ed efficaci». 266 V. supra, § 2. 267 Come segnalato in L. DI LUCIANO, Lineamenti critici del reato di pedopornografia «virtuale», in Cass. Pen., 2006, p. 2672B. 268 L. GIZZI, La pornografia virtuale, in (a cura di) F. COPPI, I reati sessuali. I reati di sfruttamento dei minori e di riduzione in schiavitù per fini sessuali, Torino, Giappichelli, 2007, p. 419. 269 Per tale orientamento, v. R. RAFFAELLI, La pedopornografia virtuale., cit.; con toni diversi, dacché si esclude la riconducibilità della condotta all’art. 600-quater.1 laddove vi sia coinvolgimento di minori reali, v. A. PECCIOLI, Lotta contro lo sfruttamento sessuale di minori e la pedopornografia. Le norme penali, in Dir. pen. e processo, 2006, p. 947; da ultimo, si segnala, la ricostruzione eseguita in G. FIANDACA, E. MUSCO, Diritto penale. Parte speciale, II, I delitti contro la persona, cit., p. 181, in cui si sostiene che, a riprova della natura di ipotesi autonoma di reato, si debba tenere presente anche il riferimento contenuto nell’art. 444, co. 1-bis, c.p.p.: la disposizione, infatti, esclude l’applicazione della pena su richiesta delle parti in relazione alle condotte di produzione e commercio del materiale di cui all’art. 600-quater.1.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi