Skip to content

Le indagini preliminari: tra ragionevole durata e completezza investigativa

Informazioni tesi

  Autore: Costantino Luciano
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi Kalb
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

L’intento di questo lavoro è quello di operare uno screening completo sul segmento relativo alla fase delle indagini preliminari attraverso la lente del principio della ragionevole durata guardando, contestualmente, al raggiungimento della “completezza” investigativa.
Nel primo capitolo si è proceduto ad analizzare, sotto un profilo diacronico, multilaterale e multilivello il principio della ragionevole durata del processo così come cristallizzato nell’art. 111 Cost. (ad ormai venti anni dalla l. cost. n. 3/1999) e nell’art. 6 CEDU. Ed è proprio la giurisprudenza della Corte di Strasburgo ad essere la bussola di riferimento nella individuazione della natura giuridica, della legittimazione attiva a muovere doglianza di violazione e dei parametri di valutazione delle presunte lesioni del principio de qua, il tutto in virtù della innegabile porosità dei modelli di tutela dei diritti.
Si è deciso, poi, di operare una precisa scelta sistematica e, quindi, di scandire il secondo capitolo in tre sezioni. La prima concernente il momento genetico del procedimento penale, l’ultima il momento conclusivo delle indagini. Nel mezzo la sezione seconda, dedicata all’organizzazione dell’ufficio del pubblico ministero, problematica trasversalmente idonea a concorrere nella generazione di lentezze investigative. Nel complesso, il procedimento per le indagini preliminari appare come una fase enormemente connotata da deprecabili distorsioni prasseologiche le quali trovano la loro linfa nelle innumerevoli locuzioni normative connotate da una semantica indefinita e, come se non bastasse, a rendere sistemiche le distonie de qua è la presenza di copiosi orientamenti giurisprudenziali lassisti.
Ma vi è di più! Tale immaginario desolante è amplificato nella portata dalla necessità, giurisprudenzialmente individuata, di svolgere attività investigative complete “in vista” dell’esercizio dell’azione penale. La completezza investigativa, originata dalla nota sentenza della Corte Costituzionale n. 88/1991, ha subìto, nel corso degli anni, mutamenti in senso rafforzativo i quali ci hanno indotto a mettere in discussione l’originaria finalità delle indagini preliminari, così come scandita nell’intellegibile art. 326 del codice di procedura penale.
Insomma, ragionevole durata delle indagini e contestuale raggiungimento della completezza investigativa: storia di una difficile endiadi.

Informazioni tesi

  Autore: Costantino Luciano
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi Kalb
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 CAPITOLO I Il principio della ragionevole durata del processo SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. - 2. Premesse di ordine terminologico. - 3. La ragionevole durata quale componente del “giusto processo”: il quadro normativo. - 3.1. Segue: Il quadro giurisprudenziale. - 4. La natura giuridica del principio della ragionevole durata del processo: titolarità e decorso del tempo. - 5. La “positivizzazione del palliativo”: la legge 24 marzo 2001, n. 89 (cd. legge Pinto). 1. Considerazioni introduttive Discorrere di ragionevole durata del procedimento penale, con particolare riferimento alla fase delle indagini preliminari, significa confrontarsi con annose ed irrisolte questioni dogmatiche. Queste ultime, ad onta dell’elevato tenore dottrinale, hanno, in realtà, una incredibile ripercussione sul piano fenomenologico ed empirico nella misura in cui la dilatazione della finestra temporale investigativa si riverbera, come un macigno, sull’intero iter procedimentale. Prima della costituzionalizzazione del giusto processo, l’esigenza della definizione della sequenza procedimentale in tempi ragionevoli - prevista solo all’interno delle norme transnazionali - era avvertita con estrema diffidenza, come se il principio in discorso non fosse meritevole di considerazione, ma addirittura sacrificabile sull’altare del primato del diritto interno 1 . L’immaginario giuridico del tempo è sintetizzato, in modo emblematico, nelle parole della sentenza della Corte Costituzionale n. 202 del 1985, la quale ebbe ad evidenziare che “la problematica 1 Per cogliere lo sfondo del periodo antecedente alla modifica dell’art. 111 Cost. si vedano le lungimiranti parole di M.G. AIMONETTO, La “durata ragionevole” del processo penale, Torino, 1997, pp. 9-10. L’Autrice, testualmente evidenziava che “il diritto alla ragionevole durata del processo non costituisce oggetto di protezione specifica da parte della normativa ordinaria, né tanto meno ad opera delle disposizioni costituzionali”. Ma la dottrina processualistica più accorta era consapevole che “maggiore sensibilità per i tempi del processo si rinviene nelle fonti internazionali, che riconoscono il diritto ad essere giudicati in un termine ragionevole, quale uno degli elementi che concorrono a garantire un processo giusto, rispettoso dei diritti umani”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

indagini preliminari
termini
ragionevole durata
azione penale
proroga
completezza investigativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi