Skip to content

Regime detentivo aggravato in Italia e Spagna

Informazioni tesi

  Autore: Diego Penolazzi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Serena Quattrocolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 238

L'oggetto del presente elaborato è il regime applicato, in Spagna e in Italia, a particolari categorie di detenuti ritenuti particolarmente pericolosi per via dei crimini commessi, fino a giungere al fenomeno del cd ergastolo ostativo, oggetto di tante critiche da parte della dottrina e della giurisprudenza, applicabile solo nell'ordinamento italiano ai detenuti condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso.
Più nel dettaglio, si tratterà di analizzare i singoli istituti che i due rispettivi ordinamenti hanno adottato onde fronteggiare i fenomeni di maggiore preoccupazione e allarme sociale quali il crimine organizzato e altri particolari delitti in grado di incidere maggiormente sull'ordine pubblico
L'elaborato si divide in 3 capitoli, ciascuno dei quali si occupa di una specifica tematica e di un particolare ordinamento.
La tematica centrale sarà il regime di detenzione aggravato, applicato negli ordinamenti spagnolo e italiano ai detenuti di criminalità organizzata.
In Italia esiste un apposito articolo applicabile alla categoria dei detenuti condannati per associazione mafiosa, ovvero l'articolo 41 bis della l. n. 354/1975, mentre in Spagna la disciplina è regolata dalla legge penitenziaria in diverse e più ampie disposizioni della medesima.

Informazioni tesi

  Autore: Diego Penolazzi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Serena Quattrocolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 238

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Nel caso in cui la giunta di trattamento abbia classificato il detenuto di primo grado, per due volte, o nel caso in cui il detenuto che si trovi in secondo grado abbia già espiato la metà della pena, 33 lo stesso potrà richiedere che a procedere sulla sua valutazione sia la Central Penitenciaria de Observación 34 . 4. Regime di detenzione aggravato La Ley penitienciaria dice esplicitamente che esistono degli stabilimenti di massima sicurezza in affiancamento ai penitenziari ordinari; questi stabilimenti potranno essere a regime chiuso e a regime speciale e saranno riservati ai condannati di alta pericolosità sociale o ai detenuti che non si adatteranno al regime detentivo ordinario. Questi potranno permanerci per il tempo necessario ovvero fino alla scomparsa delle ragioni e delle circostanze che ne determinarono l’ingresso. 35 Considerando la chiara similitudine fra le due ipotesi della scomparsa delle ragioni o delle circostanze che ne determinarono l’ingresso, una parte della dottrina ha criticato la mancanza di chiarezza nel distinguere a pieno le differenze, si cerca di fare chiarezza; Si procede a valutare la pericolosità del soggetto prendendo in considerazione svariati fattori, in primis l’appartenenza a qualche gruppo o organizzazione criminale, da considerarsi come una valutazione oggettiva; dopodiché non si deve tralasciare la valutazione soggettiva dell’individuo fra cui il percorso storico criminale 36 33Art.105.3 Real decreto 9 febbraio 1996 n. 190 con il quale si approva il regolamento penitenziario. 34È un organo collegiale formato da un gruppo di specialisti che detiene funzioni speciali quali osservazione, classificazione e trattamento dei reclusi. Detto organo acquisisce molta importanza nel caso in cui il tribunale debba concedere la libertà condizionale o la sospensione dell’esecuzione della pena. Si veda l’art 92.1 del codigo penal 35Articolo 10 Ley Organica Penitenciaria 26 de septiembre 1979 n. 1. 36Bona i Puivert, R., Clasificación y tratamiento penitenciario. Traslados y permisos: su control jurisdiccional. Cuadernos de derecho judicial, pp. 245-276. 1995 18

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

associazione mafiosa
carcere duro
416-bis
ergastolo ostativo
prision permanente revisable
regime fies f.i.e.s
regime cerrado
41 bis o.p
regime detentivo aggravato
funzioni della pena

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi