Skip to content

Information Communication Technology per un progetto urbano sostenibile

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Indice della tesi: Information Communication Technology per un progetto urbano sostenibile, Pagina 1
<br/><b>Capitolo 1: Introduzione </b>
<br/>
1.1 Oggetto, obiettivi ed approccio<br/>
1.2 Un quadro di sintesi della contemporaneit&agrave;<br/>
1.2.1 Introduzione<br/>
1.2.2 Il dualismo tra la cultura razional-cartesiana e quella organica<br/>
1.2.3 L'interazione tra filosofia, citt&agrave; e tecnologia nella modernit&agrave;<br/>
1.3 Organizzazione della tesi<br/>
<br/><b>Capitolo 2: Sviluppo sostenibile nei processi politico-economici contemporanei </b>
<br/>
2.1 Introduzione: umanesimo, modernit&agrave; e post-modernit&agrave;<br/>
2.2 Cosa si intende per sviluppo sostenibile?<br/>
2.3 Rapporto tra ambiente ed economia: dal mondo moderno al  mondo contemporaneo<br/>
2.3.1 Assetto politico-ideologico nel mondo contemporaneo<br/>
2.3.2 I differenti approcci verso un'economia sostenibile<br/>
2.3.2.1 Funzionalisti<br/>
2.3.2.2 Environmental economics<br/>
2.3.2.3 Gli economisti ''umanisti''<br/>
2.3.2.4 Dagli economisti umanisti alla bioeconomia<br/>
2.3.2.5 Alcune critiche alla teoria bioeconomica <br/>
2.3.2.6 I territorialisti <br/>
2.4 Lo sviluppo sostenibile attraverso i documenti internazionali per una nuova politica urbana<br/>
2.4.1 Una possibile definizione di sviluppo sostenibile<br/>
2.4.2 L'Agenda 21<br/>
2.4.3 Partecipazione pubblica ed indicatori nel processo di Agenda 21<br/>
2.4.4 Il ruolo della comunicazione nei processi partecipativi<br/>
2.4.5 Dalla Dichiarazione di Istanbul al protocollo di Kyoto<br/>
2.4.6 Aspetti nella politica locale<br/>
2.5 Conclusioni<br/>
<br/><b>Capitolo 3: Sviluppo urbano sostenibile nella citt&agrave; contemporanea </b>
<br/>
3.1 Introduzione<br/>
3.2 La citt&agrave; nel mondo contemporaneo<br/>
3.2.1 La citt&agrave; nei processi economico-finanziari del mondo contemporaneo<br/>
3.2.2 Il processo di urbanizzazione nel mondo contemporaneo<br/>
3.3 Sostenibilit&agrave;, complessit&agrave; ed ambienti urbani<br/>
3.3.1 Il paradigma della complessit&agrave; nella cultura contemporanea<br/>
3.3.2 Significati ed approcci metodologici della complessit&agrave;<br/>
3.3.3 La sostenibilit&agrave; in termini ecologici<br/>
3.3.4 Lo sviluppo sostenibile in termini sistemici<br/>
3.3.5 La citt&agrave; come eco-sistema<br/>
3.4 Conclusioni<br/>
<br><b>Parte II: Informazione ed ICT per un progetto sostenibile</b> <br/>
<br/><b>Capitolo 4: Indicatori di sostenibilit&agrave; </b>
<br/>
4.1 Introduzione<br/>
4.2 E' possibile misurare la sostenibilit&agrave;?<br/>
4.3 Definizione e ruoli degli indicatori<br/>
4.4 Tipologie di indicatori<br/>
4.5 Frameworks teorici sui quali si costruiscono set di indicatori<br/>
4.5.1 Base politica<br/>
4.5.2 Base tematica<br/>
4.5.3 Base sistemica<br/>
4.6 Criteri generali di selezione e di valutazione degli indicatori<br/>
4.7 Un processo partecipativo per la definizione di un sistema di indicatori<br/>
4.8 Gli indicatori di sostenibilit&agrave; ambientali nei documenti internazionali<br/>
4.8.1 ''Il Core set di indicatori ambientali dell'O.E.C.D.<br/>
4.8.2 Come scegliere gli indicatori ambientali all'interno del   framework PSR<br/>
4.8.3 Gli indicatori del Global Urban Observatory (UNCHS, United Nations Centre for Human Settlements - Habitat)<br/>
4.8.4 Indicatori ambientali della Commission on Sustainable Development (CSD) delle Nazioni Unite<br/>
4.8.5 Gli indicatori per la salute del WHO<br/>
4.9 Il contesto europeo<br/>
4.9.1 Introduzione<br/>
4.9.2 Indicatori Comuni Europei (European Common Indicators - ECI)<br/>
4.10 Gli indicatori di sostenibilit&agrave; locale ed urbana nel contesto italiano<br/>
4.11 Informazione digitale ed indicatori<br/>
4.12 Conclusioni<br/>
<br/><b>Capitolo 5: ICT e sue le componenti costitutive </b>
<br/>
5.1 Introduzione<br/>
5.2 cos'&egrave; la ICT<br/>
5.3 Tipologie di ICT<br/>
5.3.1 Data-base technologies<br/>
5.3.2 Decision Support System (DSS) e Spatial Decision Support System (SDSS)<br/>
5.3.3 Networking Technology<br/>
5.3.4 Multimedia technology<br/>
5.3.5 Identification technology <br/>
5.4 Gli elementi costitutivi della ICT: infrastrutture elettroniche, contenuti ed accesso<br/>
5.5 Gli elementi costitutivi dell'ICT in ambito locale<br/>
5.5.1 e-Access<br/>
5.5.2 e-content<br/>
5.5.3 Rete infrastrutturale locale<br/>
5.6 Interazioni e dinamiche tra e-Access, e-content e Rete infrastrutturale<br/>
5.7 Possibili ruoli della ICT nei processi di cambiamento<br/>
5.7.1 Efficiency improving<br/>
5.7.2 Trasparency enhancing<br/>
5.7.3 Control enhacing<br/>
5.7.4 Innovation enhacing <br/>
5.7.5 Network enhacing<br/>
<br/><b>Capitolo 6: I processi ideologici e politici nell'era della ICT </b>
<br/>
6.1 Introduzione<br/>
6.2 Le trasformazioni nella societ&agrave;: dalla societ&agrave; razionalista alla network society<br/>
6.3 La democrazia nell'era della rete<br/>
6.3.1 Dall'utopia alla cyber-utopia<br/>
6.3.2 Verso la cyber-democracy? Citt&agrave; digitale ed e-democracy<br/>
6.3.3 Obiettivi per una politica di e-democracy<br/>
6.4 ICT nelle politiche dell'Unione Europea e dell'Italia per una societ&agrave; dell'informazione<br/>
6.4.1 Introduzione<br/>
6.4.2 Le politiche dell'Unione Europea per lo sviluppo della ICT<br/>
6.4.3 Il modello italiano di e-Government<br/>
6.5 Conclusioni. Dalla forma di governo tradizionale all'e-governance:  prospettive e dinamiche<br/>
<br/><b>Capitolo 7: Sviluppo Sostenibile e ICT </b>
<br/>
7.1 Introduzione<br/>
7.2 La ricerca di un possibile framework per un uso sostenibile della ICT<br/>
7.2.1 Democrazia <br/>
7.2.2 Economia<br/>
7.2.3 Principi per un uso sostenibile della ICT<br/>
7.2.4 Aree strategiche<br/>
7.3 Processi partecipativi e ICT<br/>
7.3.1 I principali approcci emergenti a livello internazionale<br/>
7.3.2 La partecipazione dei cittadini ai processi decisionali locali <br/>
7.3.3 Un esempio di metodologia partecipativa: European  Awareness Scenario Workshop (EASW)<br/>
7.4 Conclusioni<br/>
<br/><b>Capitolo 8: Sistemi Informativi per il governo dell'informazione </b>
<br/>
8.1 Introduzione<br/>
8.2 Dall'informazione ai sistemi informativi<br/>
8.3 L'informazione per la conoscenza del territorio: informazione spaziale e territoriale<br/>
8.4 L'informazione nei sistemi informativi territoriali (SIT)<br/>
8.5 Le modalit&agrave; di rappresentazione digitale dei dati geografici:  raster e vector<br/>
8.6 Tecniche per l'acquisizione dei dati geografici<br/>
8.7 Modalit&agrave; di gestione ed amministrazione dei dati: i database<br/>
8.8 Tecnologie informatiche per sistemi informativi: i GIS<br/>
8.8.1 Elementi costitutivi di un GIS<br/>
8.8.2 Funzioni e capacit&agrave; di un GIS<br/>
8.8.3 Applicazioni in ambito web<br/>
8.9 Elementi base per un progetto concettuale di un sistema informativo ambientale per una Pubblica Amministrazione<br/>
8.9.1 Principi generali<br/>
8.9.2 La visione strategica e l'interdisciplinarit&agrave; nella formulazione   dei principi progettuali<br/>
<br><b>Parte III: casi di studio e progetto di un network territoriale</b> <br/>
<br/><b>Capitolo 9: Il ruolo della ICT nelle politiche locali: applicazioni e casi di studio </b>
<br/>
9.1 Introduzione<br/>
9.2 La percezione del ruolo della ICT in rapporto alle politiche locali: l'esperienza olandese<br/>
9.3 Le applicazioni della ICT in alcune citt&agrave; europee<br/>
9.3.1 Eindhoven e L'Aja<br/>
9.3.2 L'esperienza di Manchester ed Helsinky<br/>
9.4 Sintesi tra le diverse esperienze europee<br/>
9.5 La percezione del ruolo della ICT in rapporto alle politiche locali nel contesto della ''rete citt&agrave; strategiche''<br/>
9.6 L'esperienza italiana di Reggio Emilia<br/>
9.6.1 Quadro generale<br/>
9.6.2 Gli indicatori messi a sistema<br/>
9.6.3 Il sistema informativo del Comune di Reggio Emilia ed il   progetto S.I.S.Te.R.<br/>
<br/><b>Capitolo 10: Un modello per la realizzazione di un network territoriale </b>
<br/>
10.1 Obiettivi generali<br/>
10.2 Background generale per sviluppo del framework<br/>
10.3 Attori coinvolti e ruoli<br/>
10.4 Pre-requisiti politico-tecnici per lo sviluppo di un modello  di governo dell'informazione sostenibile<br/>
10.5 Struttura generale del framework <br/>
10.5.1 Punto a.: modellazione del sistema<br/>
10.5.2 Punto b): sub-sistema informativo degli indicatori<br/>
10.5.3 Punto c): Sub-sistema di analisi ed accesso alla base dati  (Environmental Data-flow Analysis and Visualizing  Information - EDAVI)<br/>
10.6 Progetti <br/>
10.6.1 Introduzione: i progetti avviati dall'Agenzia Regionale  per i Parchi (ARP)<br/>
10.6.2 Il network territoriale<br/>
10.6.3 Attivit&agrave; del LabTer di Montorio Romano (RM)<br/>
10.6.4 Progetto e-portal: cultura dell'e-learning e rete territoriale<br/>
10.6.5 Il concetto di rete nella scuola dell'autonomia<br/>
10.6.6 Progetto piazze telematiche (digital points)<br/>
<br><b>11. Glossario dei termini pi&ugrave; usati nella ICT</b><br/>
<br><b>12. Bibliografia</b><br/>

Indice dalla tesi:

Information Communication Technology per un progetto urbano sostenibile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Caperna
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Progetto Urbano Sostenibile
Anno: 2005
Docente/Relatore: Elena Mortola
Correlatore: nikossalingaros
Istituito da: Università degli Studi Roma Tre
Dipartimento: Progettazione e Studio dell'Architettura
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 334

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

complessità
e-democracy
e-government
ict
indicatori di sostenibilità
network territoriale
sistemi informativi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi