Skip to content

Le NTIC nella pianificazione partecipata. Applicazione di un metodo di Foresight alla pianificazione: progetto AlpTransit e regione insubrica.

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
<br/><b>INTRODUZIONE</b> <br/> <br/><b>PARTE PRIMA</b> <br/> <br><b>L'integrazione delle Nuove Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (NTIC) nella pianificazione partecipata</b><br/> <br/><b>CAPITOLO 1</b> <br/> <br/><b>I NUOVI PARADIGMI DISCIPLINARI DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE</b> <br/> 1.1 La crisi della pianificazione tradizionale<br/> 1.2 La pianificazione come dottrina complessa<br/> 1.3 La sostenibilit&agrave;: un nuovo paradigma integrato<br/> 1.4 La sostenibilit&agrave;: lo scenario internazionale<br/> 1.5 Il ruolo delle nuove tecnologie nello scenario attuale<br/> 1.6 Nuovi metodi di governance dello sviluppo territoriale<br/> <br/><b>CAPITOLO 2</b> <br/> <br/><b>LA PARTECIPAZIONE</b> <br/> 2.1 Definizioni<br/> 2.1.1 I concetti di inclusione/esclusione<br/> 2.1.2 Le diverse modalit&agrave; di approccio alla dimensione partecipata<br/> 2.2 I soggetti<br/> 2.3 Le risorse<br/> 2.4 Relazioni tra soggetti e risorse<br/> 2.5 La scala della partecipazione di Arnstein<br/> 2.5.1 La non partecipazione (Non participation)<br/> 2.5.2 Partecipazione irrisoria (Degree of Tokenism)<br/> 2.5.3 Potere ai cittadini (Degree of Citizen Power)<br/> 2.6 Alcune rivisitazioni della scala della partecipazione<br/> 2.6.1 La scala della partecipazione proposta da Ecosfera<br/> 2.6.2 La scala della partecipazione proposta da Wilcox<br/> 2.6.3 La scala della partecipazione proposta da UNDP<br/> 2.7 Dalla teoria alla pratica: i motivi della necessit&agrave; della partecipazione<br/> <br/><b>CAPITOLO 3</b> <br/> <br/><b>LA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA: LA SFIDA DELLE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE</b> <br/> 3.1 Approcci, metodi e tecniche<br/> 3.2 Uno schema di classificazione di metodi<br/> 3.3 La struttura di un modello partecipativo<br/> 3.4 Le nuove tecnologie e la partecipazione elettronica<br/> 3.4.1 La forma della partecipazione<br/> 3.4.2 Il contenuto della partecipazione<br/> 3.5 Le opportunit&agrave; offerte dalle nuove tecnologie<br/> 3.6 Una necessaria precisazione sulle nuove tecnologie<br/> <br/><b>CAPITOLO 4</b> <br/> <br/><b>APPROCCI, METODI, TECNICHE E APPLICAZIONI NELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA</b> <br/> 4.1 Metodi e tecniche per la costruzione di conoscenza<br/> 4.1.1 Raccolta di dati tramite sondaggi<br/> 4.1.2 Analisi dei dati<br/> 4.1.3 Tecniche di visualizzazione<br/> 4.1.3.1 Tecniche di visualizzazione a supporto dell'analisi dei dati<br/> 4.1.3.2 Cartografia e GIS, applicazioni Web e sviluppi 3D<br/> 4.1.4 Future Search<br/> 4.1.5 Il Visioning<br/> 4.1.6 Tecniche di mappatura del pensiero<br/> 4.1.7 Tecniche di previsione<br/> 4.2 Metodi e tecniche di invenzione<br/> 4.2.1 EASW - European Awareness Scenario Workshop<br/> 4.2.2 Plannig for Real<br/> 4.3 Metodi e tecniche di valutazione<br/> 4.3.1 Metodi ACB, MCDM, MCDA con AHP ed ELECTRE<br/> 4.3.1.1 L'Analisi Costi-Benefici (ACB)<br/> 4.3.1.2 L'abbandono del principio dell'ottimo: approcci multidimensionali di aiuto alla decisione<br/> 4.3.1.3 I metodi della scuola americana o della MultiCriteria Decision Making (MCDM) <br/> 4.3.1.4 MultiCriteria Decision Aid (MCDA): l'Analisi Gerarchica (Analytic Hierarchy Process - AHP)<br/> 4.3.1.5 MultiCriteria Decision Aid (MCDA): i metodi della scuola francese - la famiglia dei metodi ELECTRE<br/> 4.3.1.6 Decisori multipli e interessi molteplici<br/> 4.3.2 Sistemi di indicatori<br/> 4.4 Metodi e tecniche per la decisione<br/> 4.4.1 Strategic Choice<br/> 4.4.2 Decisioni e supporto decisionale<br/> 4.4.2.1 DSS - Decision Support Systems<br/> 4.4.2.2 PSS - Planning Support Systems<br/> 4.5 Metodi e tecniche per la attuazione<br/> 4.5.1 A Pattern Language<br/> 4.6 L'esigenza di disporre di un interattivo strumento per la pianificazione<br/> 4.6.1 Integrazione delle pratiche di partecipazione nei processi di pianificazione e progettazione sostenibile alle diverse scale: le tre procedure dell'approccio ''ideale''<br/> 4.6.2 L'approcio component-based nello sviluppo di un Sistema di Supporto alla Pianificazione knowledge-based (Knowledge-Based Planning Support System - KBPSS)<br/> <br/><b>CONCLUSIONI PARTE PRIMA</b> <br/> <br/><b>PARTE SECONDA</b> <br/> <br><b>Studio di caso: regione insubrica e progetto AlpTransit</b><br/> <br/><b>CAPITOLO 5</b> <br/> <br/><b>LE IMPLICAZIONI DI UN GRANDE SISTEMA INFRASTRUTTURALE SULLA REGIONE INSUBRICA</b> <br/> 5.1 L'area in esame: il sistema regione insubrica<br/> 5.2 Le componenti della regione insubrica<br/> 5.2.1 Cantone Ticino<br/> 5.2.2 Provincia del Verbano-Cusio-Ossola<br/> 5.2.3 Provincia di Varese<br/> 5.2.4 Provincia di Como<br/> 5.3 Le caratteristiche socioeconomiche dell'area in esame<br/> 5.4 Il sistema dei trasporti<br/> 5.5 Definizione del problema<br/> 5.6 Conclusioni<br/> <br/><b>CAPITOLO 6</b> <br/> <br/><b>IL PROGETTO ALPTRANSIT</b> <br/> 6.1 Un inquadramento generale<br/> 6.2 Una politica dei trasporti orientata al futuro: l'esigenza del trasporto merci su rotaia...<br/> 6.2.1 Il potenziamento dell'infrastruttura ferroviaria<br/> 6.2.1.1 La Nuova Trasversale Ferroviaria Alpina (NFTA)<br/> 6.2.1.2 Il progetto Ferrovia 2000<br/> 6.2.1.3 L'allacciamento della Svizzera orientale e occidentale alla rete europea ad alta prestazione<br/> 6.2.1.4 Il progetto di risanamento fonico lungo la rete ferroviaria esistente<br/> 6.2.2 L'imposizione di una Tassa sul Traffico Pesante Commisurata alle Prestazioni (TTPCP)<br/> 6.2.3 La riforma della ferrovia in termini prestazionali ed efficientistici<br/> 6.3 L'inserimento nel contesto europeo<br/> 6.4 Un collegamento vitale<br/> 6.5 Conclusioni<br/> <br/><b>CAPITOLO 7 </b> <br/> <br/><b>IL SISTEMA IN ESAME: PROGETTI, OPERE, INFRASTRUTTURE E POLITICHE</b> <br/> 7.1 Le Gallerie di Base del progetto AlpTransit<br/> 7.1.1 La Galleria di Base del San Gottardo<br/> 7.1.2 La Galleria di Base del L&ouml;tschberg<br/> 7.1.3 Le Gallerie di Base dello Zimmerberg e del Monte Ceneri<br/> 7.2 Completamento della linea ferroviaria Lugano - Mendrisio - Varese tramite la realizzazione della tratta Stabio - Arcisate<br/> 7.3 Quadruplicamento della linea ferroviaria Chiasso - Monza<br/> 7.4 Il potenziamento della linea Laveno - Luino - Bellinzona<br/> 7.5 Il ruolo dei centri merci nella logistica transalpina<br/> 7.5.1 Interporto di Novara<br/> 7.5.2 Terminal imtermodale Hupac di Busto Arsizio e suo ampliamento in Gallarate..<br/> 7.5.3 Centro intermodale/polo logistico integrato di Como<br/> 7.6 Secondo tunnel autostradale del San Gottardo e sua apertura notturna<br/> 7.7 Misure supplementari per la riduzione di CO2 in Svizzera<br/> 7.8 Un importante fattore esogeno legato all'area in esame: il boom dei porti italiani.....<br/> 7.9 Conclusioni<br/> <br/><b>CONCLUSIONI PARTE SECONDA</b> <br/> <br/><b>PARTE TERZA</b> <br/> <br><b>Studio di caso: applicazione di un metodo di Foresight</b><br/> <br/><b>CAPITOLO 8</b> <br/> <br/><b>CROSS IMPACT ANALYSIS PER LA COSTRUZIONE DI SCENARI FUTURI</b> <br/> 8.1 La Cross Impact Analysis<br/> 8.1.1 Storia del metodo<br/> 8.1.2 Descrizione del metodo<br/> 8.1.3 Pregi e difetti del metodo<br/> 8.1.4 Esempi di applicazione del metodo<br/> 8.2 Il software La Macchina del Tempo<br/> 8.2.1 Il modello proposto dal software<br/> 8.2.2 Le caratteristiche del software<br/> 8.2.2.1 La simulazione<br/> 8.2.2.2 I risultati<br/> 8.2.2.3 Una interessante funzionalit&agrave;: la determinazione automatica di strategie ottimali<br/> <br/><b>CAPITOLO 9</b> <br/> <br/><b>RETI BAYESIANE E CROSS IMPACT ANALYSIS</b> <br/> 9.1 Le reti bayesiane<br/> 9.1.1 Storia e descrizione del metodo<br/> 9.1.2 Pregi e difetti del metodo<br/> 9.1.3 Esempi di applicazione del metodo<br/> 9.2 Reti bayesiane e Cross Impact Analysis: analogie e differenze<br/> 9.2.1 Differenti origini storiche<br/> 9.2.2 Presenza di training set o assenza di dati<br/> 9.2.3 Grafi e tabelle<br/> 9.2.4 Formalismi matematici<br/> 9.3 Conclusioni<br/> <br/><b>CAPITOLO 10</b> <br/> <br/><b>IL CASO OGGETTO DI STUDIO: LA COSTRUZIONE DEL MODELLO DI CROSS IMPACT</b> <br/> 10.1 Il modello preliminare<br/> 10.1.1 Le sotto-aree di studio individuate per il caso in esame<br/> 10.1.1.1 L'area Sempione - Domodossola - Novara<br/> 10.1.1.2 L'area Luino - Laveno<br/> 10.1.1.3 L'area Varese - Busto Arsizio<br/> 10.1.1.4 L'area Canton Ticino - Nord delle Alpi<br/> 10.1.1.5 L'area Como - Monza - Milano<br/> 10.1.2 Le entit&agrave; del modello<br/> 10.1.2.1 Eventi<br/> 10.1.2.2 Azioni<br/> 10.1.2.3 Imprevisti<br/> 10.2 La raccolta dei dati per la validazione del modello: una procedura partecipata<br/> 10.2.1 Il processo di acquisizione dell'informazione<br/> 10.2.1.1 La Fase 1: l'identificazione delle probabilit&agrave; iniziali degli eventi<br/> 10.2.1.2 La Fase 2: la definizione dei cross impact relativi alle singole sotto-aree <br/> 10.2.1.3 La Fase 3: la definizione dei cross impact definitivi e la validazione finale del modello<br/> 10.2.2 Conclusioni<br/> 10.3 Il modello definitivo<br/> 10.3.1 Le entit&agrave; del modello definitivo<br/> 10.3.2 Eventi<br/> 10.3.3 Azioni<br/> 10.3.4 Imprevisti<br/> 10.4 Conclusioni<br/> <br/><b>CAPITOLO 11</b> <br/> <br/><b>IL CASO OGGETTO DI STUDIO: LA CREAZIONE DI SCENARI FUTURI</b> <br/> 11.1 Le strategie implementate<br/> 11.2 Gli scenari ottenuti<br/> 11.3 Analisi degli scenari ottenuti: considerazioni rilevanti<br/> 11.4 Conclusioni<br/> <br/><b>CAPITOLO 12</b> <br/> <br/><b>UNA APPLICAZIONE PARTECIPATIVA CON L'USO DI IHMC CMAPTOOLS</b> <br/> 12.1 Le mappe concettuali<br/> 12.1.1 Storia della tecnica<br/> 12.1.2 Descrizione della tecnica<br/> 12.1.3 Pregi e difetti della tecnica<br/> 12.1.4 Esempi di applicazione della tecnica<br/> 12.2 IHMC CmapTools<br/> 12.2.1 Il CmapTools program<br/> 12.2.2 I server e le possibilit&agrave; di condivisione e collaborazione<br/> 12.2.3 La struttura a rete di CmapTools<br/> 12.2.4 Possibilit&agrave; di uso del software<br/> <br/><b>CAPITOLO 13</b> <br/> <br/><b>UN MODELLO DI CONOSCENZA PER LA PARTECIPAZIONE A DISTANZA</b> <br/> 13.1 Una rete di concetti dinamica: AlpTransit2016<br/> 13.1.1 La mappa radice<br/> 13.1.2 Il sistema di mappe e risorse<br/> 13.1.3 I vantaggi dell'uso del Modello di Conoscenza nello studio eseguito<br/> 13.2 L'integrazione con un sito Web<br/> 13.2.1 Le motivazioni della scelta<br/> 13.2.2 Le caratteristiche del sito Internet<br/> 13.3 L'utilizzo combinato di CmapTools con La Macchina del Tempo<br/> 13.3.1 La costruzione interattiva di mappe<br/> 13.3.2 Le potenzialit&agrave; offerte dall'accoppiamento dei due strumenti<br/> <br/><b>CONCLUSIONI PARTE TERZA</b> <br/> <br/><b>CONCLUSIONI</b> <br/> <br/><b>BIBLIOGRAFIA</b> <br/> <br/><b>ALLEGATI</b> <br/> <br/><b>ALLEGATO 1 </b> <br/> <br/><b>IL METODO DELPHI</b> <br/> A1.1 Storia del metodo<br/> A1.2 Descrizione del metodo<br/> A1.3 Pregi e difetti del metodo<br/> A1.4 Esempi di applicazione del metodo<br/> <br/><b>ALLEGATO 2</b> <br/> <br><b>TABELLA DELLE PROBABILIT&Agrave; INIZIALI E MATRICI DELLE RELAZIONI - MODELLO MdT</b><br/> <br/><b>ALLEGATO 3</b> <br/> <br><b>16936-02.zip</b><br/>
Indice della tesi: Le NTIC nella pianificazione partecipata. Applicazione di un metodo di Foresight alla pianificazione: progetto AlpTransit e regione insubrica., Pagina 1

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Baruffini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
  Relatore: Giovanni Antonio Rabino
Coautore: Moreno Baruffini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 572

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cross impact analysis
dss
foresight
mappe concettuali web-based
ntic
pianificazione partecipata
politiche pubbliche
valutazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi