Skip to content

I contributi della teoria dell'attaccamento alla prevenzione del disagio psichico in età evolutiva

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Indice della tesi: I contributi della teoria dell'attaccamento alla prevenzione del disagio psichico in età evolutiva, Pagina 1
<br><b>Introduzione</b> <br/>
<br/><b>Capitolo 1. Il Concetto di Prevenzione in Psicologia</b>
<br/>
1.1. Introduzione <br/>
1.2. Storia della prevenzione e sue definizioni <br/>
1.3. La prevenzione nel campo della salute mentale: necessit&agrave; di nuove definizioni <br/>
1.4. Dalla prevenzione della ''malattia'' alla Promozione della ''Salute'' Mentale <br/>
1.4.1. Combattere lo stigma: l'importante ruolo delle Istituzioni e dei mass media <br/>
1.4.2. Il ruolo della famiglia e della scuola nell'educazione alla salute <br/>
1.4.3. Educare alla resilienza <br/>
1.5. I ''perch&eacute;'' della prevenzione<br/>
1.5.1. La salute mentale: i dati di un'emergenza mondiale <br/>
1.5.2. Il Surgeon Generale of United States: il critico quadro degli Stati Uniti D'America <br/>
1.5.3. La prevalenza dei disturbi psichici in Italia in un campione di preadolescenti: il progetto PRISMA (Progetto Italiano Salute Mentale) <br/>
<br/><b>Capitolo 2. Prevenire a partire dalla ''Teoria dell'Attaccamento'' </b>
<br/>
2.1. Introduzione <br/>
2.2. La revisione del principio freudiano dell'oralit&agrave;: il peso degli studi di Lorenz, Hinde e Harlow nella teoria di John Bowlby<br/>
2.2.1. Il padre del concetto di imprinting: Konrad Lorenz e le ''sue'' anatre <br/>
2.2.2. Gli esperimenti di Robert Hinde sugli effetti della separazione alla madre <br/>
2.2.3. L' ultimo contributo dall'etologia: Harlow e i macachi del Wisconsin <br/>
2.3. I concetti chiave della Teoria dell'Attaccamento <br/>
2.4. Mary Ainsworth, il contributo empirico alla Teoria dell'Attaccamento <br/>
2.4.1. I pattern di attaccamento <br/>
2.5. L'Adult Attachment Interview e la trasmissione intergenerazionale dell'attaccamento <br/>
2.6. Il concetto di ''monotropia'' nel pensiero di Bowlby <br/>
<br/><b>Capitolo 3. Nuove prospettive sulla teoria dell'attaccamento: il contributo della Developmental Psychopathology</b>
<br/>
3.1. Introduzione <br/>
3.2. La continuit&agrave; psicopatologica tra infanzia ed et&agrave; adulta: i risultati degli studi epidemiologici<br/>
3.3. I meccanismi della continuit&agrave; psichica<br/>
3.4. Due approcci allo studio del rapporto attaccamento-psicopatologia: la diagnosi di ''disturbo dell'attaccamento'' <br/>
3.5. Gli esiti psicopatologici delle precoci esperienze di attaccamento: lo sviluppo di un modello ''probabilistico'' <br/>
3.5.1. La teoria dell'attaccamento tra affetti e cognizioni<br/>
3.5.2. L'attaccamento sicuro come ''fattore protettivo'' <br/>
3.5.3. L'attaccamento insicuro come ''fattore di rischio'' <br/>
3.6. La forza predittiva dell'attaccamento disorganizzato<br/>
3.6.1. Funzione riflessiva e attaccamento disorganizzato: un nuovo modello per la comprensione del disturbo borderline di personalit&agrave; <br/>
<br/><b>Capitolo 4. Quale destino per la teoria dell'attaccamento? Il punto sulla concreta applicazione dei contributi di John Bowlby</b>
<br/>
4.1. Introduzione <br/>
4.2. La genitorialit&agrave; come ambito privilegiato di prevenzione<br/>
4.2.1. Le politiche di sostegno alla genitorialit&agrave;: L'Home Visiting come azione preventiva universale <br/>
4.2.2. Prevenire in gruppo: le esperienze di auto-mutuo aiuto<br/>
4.2.3. I servizi socio-educativi per genitori e bambini: nuovi modi di fare prevenzione <br/>
4.2.4. Il programma STEEP (Steps Toward Effective, Enjoiable Parenting) <br/>
4.3. Promuovere un precoce riconoscimento del disagio: il ricorso agli strumenti di osservazione e di valutazione nei contesti educativi <br/>
4.3.1. Promuovere una ''cultura dell'osservazione'': dagli studi pediatrici alle scuole materne <br/>
4.3.2. L'Attachment Story Completion Task (ASCT) <br/>
4.4. Gli attaccamenti multipli come fattori protettivi<br/>
4.4.1. L'attaccamento all'educatrice per lo sviluppo della resilienza <br/>
4.4.2. Nuovi ruoli per le educatrici: sostenere una riqualificazione delle competenze relazionali<br/>
4.5. Raggiungere nuove competenze attraverso corsi di formazione: l'esperienza di otto scuole materne della provincia autonoma di Trento<br/>
4.6. Un possibile incontro tra ricercatori ed educatori: le ricerche-azioni<br/>
<br/><b>Conclusioni  </b>
<br/>
<br/><b>Bibliografia</b>
<br/>

Indice dalla tesi:

I contributi della teoria dell'attaccamento alla prevenzione del disagio psichico in età evolutiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Di Luca
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Adelmo Tancredi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

attaccamento
developmental psychopathology
età evolutiva
john bowlby
prevenzione
psicologia dello sviluppo
psicopatologia evolutiva
salute mentale
teoria attaccamento
teoria dell'attaccamento

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi