Skip to content

L'Ecopedagogia e il suo ruolo in Steiner e Montessori

Informazioni tesi

  Autore: Luca Baratta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università Telematica "Italian University Line" - IUL
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Franco Cambi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

Per quanto i fisici si addentrino nella materia, la natura non rivela la presenza di nessun "mattone fondamentale" - come si è stati convinti per secoli seguendo la fisica di Galileo e Newton - ma è per così dire, “vuota”, o meglio, appare come una connessione di onde elettromagnetiche, di interazioni di fasci di energie, relazioni di relazioni.

Ma se tutto è in relazione inestricabile con tutto, allora il vedere e manipolare senza limiti ed empatìa la realtà fisica e perfino psichica e genetica come fosse un planetario supermercato a disposizione, fatto di cose ossessivamente impacchettate e confinate, non potrebbe essere già questo di per sè contro natura, contro la vita e patologizzante ?

Se nessuna delle azioni della Razionalità-Tecnica può essere ragionevolmente isolata dai suoi effetti o conseguenze, e se di per sé la Razionalità-Tecnica non può vedere gli effetti e le conseguenze nella sua complessa rete di rapporti, allora ha bisogno di essere ri-compresa il più possibile in uno sguardo d'insieme che veda tale Rete; deve, per così dire, essere ri-compresa da una Razionalità del Sentire/Percepire.

A questo proposito, oltre alla fisica dei quanti, è bene nominare anche Arne Naess (1912-2009) un filosofo, alpinista e attivista norvegese, padre dell'attuale movimento dell'ecologia profonda, il quale, ispirato da Spinoza, Gandhi e le teorie della Gestalt, ha dedicato, in risposta alla crisi planetaria, tutta la sua vita a una filosofia dell'armonia e dell'equilibrio ecologico, chiamata Ecosofìa.
Già da un articolo del 1973, ma rivalutato solo pochi anni or sono, distingueva tra ecologia superficiale ed ecologia profonda. Per Naess l'ecologia superficiale e il suo ambientalismo, sono sì sensibilizzazioni alla cura dell'ambiente, ma insincere o ancore immature. Esse partono tutte dal vecchio ed erroneo punto di vista antropo-centrico, per cui l'ambiente è da preservare perché è una risorsa importante al servizio e ad arbìtrio dell'uomo.
L'ecologia profonda invece, fa suo il nuovo punto di vista eco-centrico, per cui l'uomo non è il padre-padrone della natura ma è un organismo vivente intrecciato a tutti gli organismi viventi a lui intorno, se pur con il ruolo speciale di esserne custode.
Naess vedeva nelle culture indigene animiste o in alcune civiltà antiche ancora la presenza di questo eco-centrismo, prima che il razionalismo occidentale prendesse piede con la forza.
In queste culture, in questi popoli, per quanto ci sembri impossibile, la distinzione fra soggetto e oggetto non c'è, l'essere è la relazione, il senso di appartenenza agli altri, a un luogo, alla terra ed è la gioia di farne parte:
“La relazionalità ha valore ecosòfico, perché aiuta a scalzare la tendenza a vedere gli organismi o le persone come qualcosa che può essere isolato dal proprio ambiente. Parlare di interazioni tra organismi e ambiente dà origine ad associazioni sbagliate, perché un organismo è un' interazione.”
Così cambia anche la percezione dell'identità, essa non è Ego ma Sé, ovvero non è un io isolato, un individuo separato dal resto, ma è costitutivamente, necessariamente, un io che è insieme anche un noi, un' identità osmotica con l'altro :
“Nel pensiero politico individualista e utilitarista, prevalente negli stati occidentali moderni, i termini auto-realizzazione vengono utilizzati per ego-realizzazione. Si sottolinea l'incompatibilità ultima ed estensiva degli interessi di differenti individui. In opposizione a questa tendenza ne esiste un'altra, che si basa sull'ipotesi di una crescente compatibilità, di pari passo con una crescente maturità degli individui.”
“Sottostimiamo noi stessi. Tendiamo a confondere il nostro Sé con l' Ego ristretto."

A tale punto di vista, senza negare gli sviluppi della scienza e della tecnica, bisogna tornare. Era chiaro a Naess che effettuare un passaggio del genere non è cosa semplice e veloce, ritenendo che l'ecologia profonda potesse realizzarsi nella maggioranza degli umani solo a partire dal XXII° secolo.

Informazioni tesi

  Autore: Luca Baratta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università Telematica "Italian University Line" - IUL
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Franco Cambi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
25 Cap. 3 Analogie e differenze nell'ecopedagogia di Steiner e Montessori Sull'onda dell'attivismo pedagogico e delle “nuove scuole” fin dal primo '900 in Europa, Montessori e Steiner, praticamente contemporanei, rispettivamente con le “Case dei bambini” e le “scuole Waldord” hanno sicuramente influenzato molti approcci innovativi nella scuola e nell'educazione a tutti i livelli, formale, non formale e informale. La differenza generale fra i due che salta all'occhio è il contesto culturale nel quale queste due esperienze pedagogiche sono ritagliate. Maria Montessori era pedagogista e dottoressa in medicina e aveva un approccio analitico- scientifico nello studio dell' infanzia e dell' adolescenza, intorno a cui specializzò i suoi studi e basato sulla verificazione di ipotesi e sull'osservazione empirica. Rudolf Steiner era innazitutto un filosofo, che aveva sviluppato una propria originale visione dell'uomo e del mondo, oggi appunto conosciuta come “Antroposofia”, alla luce della quale ha studiato olisticamente quasi ogni ambito del sapere umano, apportando nuove teorie e punti di vista, dalla religione alla medicina, dall'economia alla fisica, dall'agricoltura all'educazione e alle arti, dando alla creatività e all'arte un importanza speciale. Per quanto riguarda Steiner, proprio in virtù di questa forte interdisciplinarità, ogni cosa è interdipendente da altre, in una visione olistica dove il tutto e le parti sono sinergiche come un organismo vivente che tende a svilupparsi. Nel caso specifico dell'educazione egli usa il concetto di triarticolazione. 44 Come l'organismo fisico dell'uomo è costituito da tre parti che collaborano naturalmente fra loro, testa (pensiero), arti (volontà), cuore-tronco (sentimento), così l'organismo sociale è costituito dalle tre rispettive parti culturale, economico, politico-giuridico. Quando prevale una delle tre dimensioni sulle altre, il corpo fisico così come la società si ammalano. Viceversa, se la società rispetta i principi ispiratori dei tre ambiti, libertà per la cultura, fraternità per l'economia, uguaglianza per i diritti, essa è sana e può svilupparsi armonicamente. 44 Cfr. Steiner R. Libera scuola e triarticolazione, Milano, Edizione Antroposofica, 1980

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

educazione
ecologia
montessori
olismo
steiner
ecosofia
ecopedagogia
naess
ecocentrismo
asilo bosco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi