Skip to content

L'ozio del detenuto

Informazioni tesi

  Autore: Selene Eulalia Cabras
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Nicola Malizia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

La scelta dell'oggetto analizzato, l'ozio del detenuto, deriva da un'osservazione della realtà circostante. Lo scopo della pena, che esplica nella detenzione del condannato, è sancito dall'articolo 27 della Costituzione che al comma 3 stabilisce che le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del reo. Le notizie di cronaca, spesso, riportano eventi e dati terribili riguardanti il carcere italiano, il cui funzionamento è compromesso dalla mancanza di fondi e dalle condizioni di vita dei detenuti che in alcuni casi rasentano la tortura. Anche se il carcere è una realtà misconosciuta e distante dall'esperienza di molti cittadini, la condizione di degrado in cui vessa, moralmente ed eticamente, deve interessare ogni cittadino che aspiri a vivere in una società civile Dove ad ogni uomo è garantito il rispetto della dignità, della salute e dell'integrità psicofisica.

Informazioni tesi

  Autore: Selene Eulalia Cabras
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: UKE - Università Kore di Enna
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Nicola Malizia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’ozio del detenuto La scelta dell’oggetto analizzato nella seguente tesi, l’ozio del detenuto, deriva da un’osservazione della realtà circostante. Lo scopo della pena, che si esplica nella detenzione del condannato, è sancito dall’articolo 27 della Costituzione che al comma 3 stabilisce che le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del reo. Le notizie di cronaca, ogni giorno, riportano eventi e dati terribili riguardanti il carcere italiano, il cui funzionamento è compromesso dal fenomeno del sovraffollamento, dalla carenza delle strutture adibite a penitenziari, dalla mancanza di fondi e dalle condizioni di vita di molti detenuti che spesso sono pessime, talvolta rasentano la tortura. Vi sono casi in cui celle di 20 metri quadri ospitano fino a dieci persone, si fanno i turni per dormire o stare seduti, non c’è acqua per lavarsi in estate, ne riscaldamento per non patire il freddo d’inverno. Il divieto di tortura è contemplato da numerose convenzioni sui diritti umani e da specifici trattati ai quali ha aderito anche l’Italia, tra cui la Convenzione Europea per la Prevenzione della Tortura e della pene o trattamenti crudeli, inumani e degradanti, stipulata a Strasburgo dal Consiglio d’Europa il 26 novembre 1987 ed entrata in vigore il 1° febbraio del 1989. Una ulteriore carenza che indebolisce la validità del sistema penitenziario italiano, anch’essa in netto contrasto con i principi costituzionali, riguarda l’esiguità degli strumenti necessari alla progettazione di strategie funzionali alla rieducazione dei detenuti. L’assenza di attività culturali, ricreative e sportive, la gravosa mancanza di opportunità di lavoro e la presenza di personale numericamente impossibilitato per poter affrontare le esigenze dell’utenza, sempre più numerosa e multiculturale, comportano un’unica alternativa: l’ozio imperante nelle celle. Il detenuto, fisicamente costretto in uno spazio angusto è perfino privato di stimoli adeguati, che possano mantenere attiva la mente: egli è costretto ad una vita che non è vita, privato della dignità e della possibilità di progettare un futuro migliore. Anche se il carcere è una realtà misconosciuta e distante dall’esperienza di molti cittadini, la condizione di degrado in cui vessa, moralmente ed eticamente, deve interessare ogni cittadino che aspiri a vivere in una società civile dove ad ogni uomo è garantito il rispetto della dignità, della salute e dell’integrità psicofisica. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rieducazione
carcere
detenzione
integrazione
rieducazione carceraria
ozio
integrità psicofisica
lavoro in carcere
elementi di personalità
patologie della personalità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi