Skip to content

La Mostra d'Arte Missionaria dell'Anno Santo del 1950 ed i partecipanti artisti giapponesi

Informazioni tesi

  Autore: Kaori Sakai
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Guida Turistica
Anno: 2021
Docente/Relatore: Marco Gallo
Istituito da: Pontificio Ateneo S. Anselmo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 302

Alcuni anni fa alla Pontificia Università Urbaniana, mi sono imbattuta per caso nei dipinti di alcuni pittori giapponesi che furono esposti alla Mostra d'Arte Missionaria dell'Anno Santo del 1950. Secondo la biografia di questi pittori, la collocazione attuale di questi dipinti era da considerare come "sconosciuta".
L'obiettivo principale di questo studio è perciò rintracciare i dipinti dei pittori giapponesi come Luca Hasegawa, Kimiko Koseki, Seikyo Okayama, esposti alla Mostra d'Arte Missionaria del 1950 perché dopo la sua chiusura, della maggior parte di essi si persero le tracce.
Alcuni dipinti di questi pittori sono conservati al Museo Etnologico Vaticano, istituito dopo l'Esposizione Missionaria Vaticana voluta da Pio XI in occasione dell'Anno Santo del 1925 e così ho cominciato a indagare su questa Mostra, frequentando i diversi archivi ecclesiastici, per cercare soprattutto le fonti dirette, come le lettere, scambiate tra le persone come mons. Celso Costantini, Segretario di Propaganda Fide, mons. Paolo Marella, Delegato Apostolico in Giappone, padre Heuvers, consulente dell'Associazione degli Artisti Cattolici in Giappone, ed il Segretario di Stato di Sua Santità come il card Pacelli e mons Montini, che poi anche da Pontefice svolgeranno un ruolo importante per l'arte sacra. Inoltre ho letto molte lettere e gli articoli scritti dai pittori giapponesi e quando è stato possibile ho anche intervistato delle persone direttamente, o tramite e-mail o al telefono. La mia fortuna è stata il fatto di avere avuto la testimonianza lasciatami dalla nipote della pittrice Kimiko Koseki. Erano dei documenti inediti e grazie ai quali sono venuta a conoscenza dei titoli originali dei suoi dipinti e utilizzando queste informazioni ho potuto identificare alcuni suoi dipinti e la loro collocazione.
Nel corso della ricerca, ho notato che la Mostra d'Arte Missionaria del 1950 veniva molto spesso confusa con l'altra mostra anch'essa dello stesso anno, l'Esposizione d'Arte Sacra, ed è da questo fatto che è nata poi la confusione nel rintracciare i dipinti degli artisti giapponesi. Inoltre, quella d'arte missionaria era circoscritta per i paesi di Missione mentre quella d'arte sacra era chiamata "internazionale" e da questo fatto nacque la delusione di alcuni artisti giapponesi, perché in quel tempo la Chiesa giapponese era già indipendente, gestita dal clero locale e non riteneva di essere un paese di Missione.
La confusione di queste due mostre si riscontra tuttora ma con l'attenta lettura dei documenti dell'Archivio Storico di Propaganda Fide sono riuscita ad analizzare la complicata vicenda della mostra d'arte missionaria voluta da Pio XI come una continuazione dell'Esposizione Missionaria Vaticana del 1925 che promuoveva l'opera delle Missioni, poi con la morte del Pontefice e con lo scoppio della guerra fu inaugurata alla fine da Pio XII per l'Anno Santo del 1950.
D'altra parte, con la lettera enciclica Mediator Dei del 1947, Pio XII pose le base della riforma liturgica, comprese le arti liturgiche, culminata al Concilio Vaticano II, e per questo volle organizzare insieme alla mostra d'arte missionaria, anche la mostra d'arte sacra, per sottolineare che quando l'arte vuole entrare nella Chiesa come ancella obbediente e intelligente della sacra liturgia, deve parlare un linguaggio chiaro e corrispondente al luogo sacro. Perciò queste due mostre non devono essere confuse ma distinte perché ogni una ha il suo proprio sfondo diverso e la mia tesi, tenendo conto di questo aspetto ha chiarito questo problema.
Come il risultato della mia ricerca, sono riuscita a rintracciare alcuni dipinti dei pittori giapponesi al Museo Missionario di Propagada Fide, alla Università Pontificia Urbaniana, alla Galleria d'Arte Contemporanea della Pro Civitate Christiana di Assisi, e al Museo Civico d'Arte ed al Museo Diocesano d'Arte Sacra di Pordenone. Per quanto riguarda l'abside della chiesa dei Santi Martiri Giapponesi, dipinta da Luca Hasegawa, che è un'opera conosciuta, ma io intenzionalmente l'ho analizzata nell'ottica del movimento d'arte missionaria promossa da mons. Celso Costantini in quel tempo. Quando nel 1954 l'abside con la Madonna giapponese in kimono fu inaugurata da colui che nel frattempo è divenuto il card. Costantini, abbiamo visto uno dei risultati più importanti del movimento d'arte missionaria.
Nel corso della ricerca ho riscontrato anche numerose donazioni fatte ai Pontefici dai diversi personaggi o enti giapponesi e ho fatto anche delle piccole scoperte. So che ogni oggetto che viene donato al Santo Padre resta di Sua proprietà per vari usi, e soltanto una piccola parte viene trasmessa ai Musei Vaticani, e molto spesso viene assegnato alle istituzioni esterne alla Città del Vaticano, e quindi la maggior parte di questi oggetti rimane sconosciuta a noi. Penso che, rintracciando alcune opere di questi artisti giapponesi, ho contribuito ad aggiungere qualche informazione in più alla loro biografia.

Informazioni tesi

  Autore: Kaori Sakai
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Guida Turistica
Anno: 2021
Docente/Relatore: Marco Gallo
Istituito da: Pontificio Ateneo S. Anselmo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 302

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PONTIFICIUM ATHENEUM S.ANSELMI DE URBE PONTIFICIUM INSTITUTUM LITURGICUM LA MOSTRA D’ARTE MISSIONARIA DELL’ANNO SANTO DEL 1950 ED I PARTECIPANTI ARTISTI GIAPPONESI Kaori SAKAI 10208 Thesis ad Diploma in Alta educatio ad viarum atque itinerum ducem formandam MODERATOR Marco G GA AL LL LO O Romae 2021

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giappone
arte
mostra
missione
luca hasegawa
celso costantini
paolo marella
teresa kimiko koseki
seikyo okayama
anno santo 1950

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi