Skip to content

Analisi di Stranger Things in chiave postmoderna: un cult-movie anni Ottanta, il fenomeno del citazionismo e della commistione di generi

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Ronchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Andrea Chimento
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

Il citazionismo sfrenato della serie Netflix Stranger Things non è potuto passare inosservato. A fronte di uno studio ed analisi del contesto cinematografico conosciuto come postmoderno, è stata evidente la somiglianza tra le pellicole appartenenti a quest'ultimo e la serie realizzata dai fratelli Duffer. Somiglianza che riguarda in primis la spontanea libertà di ripescare, utilizzare e ricontestualizzare elementi e temi della storia del cinema; per seconda, invece, la scelta di lasciare convivere più generi all'interno della stessa opera. Stranger Things, oltre ad essere un grande successo, è un'emozionante lettera d'amore agli anni Ottanta, generata e modellata da film appartenenti a quel periodo. Proprio per questa sua natura, l'elaborato non si limita a sottolineare l'atteggiamento citazionistico postmoderno, ma anche ad inserire Stranger Things all'interno di quella categoria comprendente i cult-movie di quegli anni; ovvero quei film con a tema l'avventura adolescenziale quali I Goonies, Stand By Me, It-il pagliaccio assassino ed E.T.-L'extraterrestre. In aggiunta a questa analisi della serie, l'elaborato si pone come obbiettivo secondario, ma non per questo meno importante, di chiedersi il perché , negli ultimi dieci anni, tanti ambiti tra i quali quello cinematografico omaggiano, citano e riecheggiano in modo tanto incisivo il periodo compreso tra la fine degli anni Settanta e inizio anni Novanta. Il lavoro è pensato e costituito da tre capitoli, dove i primi due sono prettamente necessari per dimostrare come la serie dei gemelli Duffer possa essere guardata come una macchina del tempo, permeata di citazioni cinematografiche e appartenente ai cult-movie degli anni Ottanta.
Il primo capitolo è suddiviso in tre parti: la prima fornisce un quadro generale in merito al postmodernismo e, in particolare, sul rapporto tra le innovazioni di questo periodo e il cinema. La seconda parte, che si stacca momentaneamente da questo studio più specifico, ha il compito di andare ad analizzare i film caratterizzati da quella formula narrativa sopracitata, che pone al centro del racconto i ragazzi e l'avventura, con il fine di far emergere e chiarificare quegli elementi che rendono questa forma da un lato piacevole e molto gradita e dall'altro efficace e coinvolgente. L'ultima parte del primo capitolo ha il compito di approfondire il citazionismo e la commistione di generi, i quali risultano essere due importanti caratteristiche appartenenti al cinema postmoderno. Con l'aiuto di opere cinematografiche di registi quali Quentin Tarantino, Tim Burton, George Lucas e non solo, si arriverà ad una forte consapevolezza dell'uso citazionista di questo particolare momento del cinema e quindi di come questi autori siano garanti di quella libertà di ripescaggio e riattualizzazione del tempo passato.
Il secondo capitolo in un certo senso riporta il lettore al tempo presente, ma ponendosi la domanda: perché siamo nostalgici del passato? E perché in particolare in questo periodo (XXI secolo) lo sguardo è rivolto proprio agli anni Ottanta? È molto difficile non riuscire a notare come negli ultimi anni diversi settori dell'industria, a partire dalla moda fino ad arrivare anche ai videogiochi, stiano assumendo un atteggiamento strettamente vintage, citando e riproponendo forme, contenuti, colori e stili che hanno caratterizzato quella decade eccentrica e stravagante. Oltre a proporre degli esempi attuali di questo comportamento retrò in molteplici ambiti, nella seconda parte del capitolo viene esaminato il ritorno agli anni Ottanta nel piccolo e grande schermo. Se da una parte questa riproposizione si esprime con sequel, remake e spin off di saghe molto amate e pellicole molte famose come Star Wars, dall'altra i film di quella decade ritornano ai nostri giorni attraverso opere cinematografiche permeate di rimandi e citazioni, esplicite o più velate. Basti l'esempio di Ready Player One di Steven Spielberg.
Una volta arrivati a questo punto, non resta che immergersi nel lavoro dei fratelli Duffer. Dopo un'introduzione generale e sommaria riguardante gli ideatori della serie-tv e la trama generale di Stranger Things, l'elaborato tenta di dimostrare come questa serie possa essere considerata un prodotto postmoderno e appartenente ai cult-movie degli anni Ottanta. Il primo obbiettivo è quello di chiarificare il perché questa storia possa essere paragonata e messa sullo stesso piano di pellicole come I Goonies o Stand By Me, per esempio. Il secondo fine è dimostrare come Matt e Ross Duffer potenzialmente potrebbero essere considerati in un certo senso autori postmoderni. Infatti si potrà constatare l'esistenza di una equilibrata commistione di generi differenti e una forte impronta citazionistica all'interno di Stranger Things, il tutto con l'aiuto di immagini per chiarificare e rafforzare la dimostrazione.

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Ronchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Andrea Chimento
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il citazionismo sfrenato della serie Netflix Stranger Things non è potuto passare inosservato. A fronte di uno studio ed analisi del contesto cinematografico conosciuto come postmoderno, è stata evidente la somiglianza tra le pellicole appartenenti a quest’ultimo e la serie realizzata dai fratelli Duffer. Somiglianza che riguarda in primis la spontanea libertà di ripescare, utilizzare e ricontestualizzare elementi e temi della storia del cinema; per seconda, invece, la scelta di lasciare convivere più generi all’interno della stessa opera. Stranger Things, oltre ad essere un grande successo, è un’emozionante lettera d’amore agli anni Ottanta, generata e modellata da film appartenenti a quel periodo. Proprio per questa sua natura, l’elaborato non si limita a sottolineare l’atteggiamento citazionistico postmoderno, ma anche ad inserire Stranger Things all’interno di quella categoria comprendente i cult-movie di quegli anni; ovvero quei film con a tema l’avventura adolescenziale quali I Goonies, Stand By Me, It-il pagliaccio assassino ed E.T.-L’extraterrestre. In aggiunta a questa analisi della serie, l’elaborato si pone come obbiettivo secondario, ma non per questo meno importante, di chiedersi il perché , negli ultimi dieci anni, tanti ambiti tra i quali quello cinematografico omaggiano, citano e riecheggiano in modo tanto incisivo il periodo compreso tra la fine degli anni Settanta e inizio anni Novanta. Il lavoro è pensato e costituito da tre capitoli, dove i primi due sono prettamente necessari per dimostrare come la serie dei gemelli Duffer possa essere guardata come una macchina del tempo, permeata di citazioni cinematografiche e appartenente ai cult-movie degli anni Ottanta. Il primo capitolo è suddiviso in tre parti: la prima fornisce un quadro generale in merito al postmodernismo e, in particolare, sul rapporto tra le innovazioni di questo periodo e il cinema. La seconda parte, che si stacca momentaneamente da questo studio più specifico, ha il compito di andare ad analizzare i film caratterizzati da quella formula narrativa sopracitata, che pone al centro del racconto i ragazzi e l’avventura, con il fine di far emergere e chiarificare quegli elementi che rendono questa forma da un lato piacevole e molto gradita e dall’altro efficace e coinvolgente. L’ultima parte del primo capitolo ha il compito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
postmoderno
citazionismo
nostalgia
serie tv
anni ottanta
cult movie
netflix
stranger things
duffer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi