Skip to content

La storia delle donne e di genere nella rivista «Quaderni storici» (1979 – 2014)

Informazioni tesi

  Autore: Martina Mercanti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Ida Fazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

Questa ricerca prende le mosse dal tentativo di indagare la presenza delle donne nella storia e i motivi che hanno portato sia alla loro marginalità nel racconto storico che al mito negativo del "silenzio" delle donne nel passato.
La storia delle donne e di genere nasce e si definisce come disciplina accademicamente riconosciuta in stretto rapporto con il movimento femminista nato alla fine degli anni Settanta del Novecento; in rapporto ad esso e alla sua critica radicale all’impostazione dominante del sapere, la storia delle donne inizia a diventare un filone di studi nel quale sono impegnate un numero sempre crescente di ricercatrici e a configurarsi gradualmente come una vera e propria disciplina.
Al centro di questi studi ci sono la critica alla pretesa neutralità e universalità della storiografia dominante e la denuncia della sua impostazione androcentrica, la messa in discussione di concetti, metodi e paradigmi interpretativi. Si pongono al centro dell’attività di ricerca soggetti, le donne, che fino ad allora erano stati cancellati o tenuti ai margini del racconto storico e trattati senza attenzione alle specificità e alle differenze; si elaborano nuove categorie analitiche, come il gender, che pongono all’ordine del giorno il problema di una riscrittura della storia generale.
Con l’obiettivo di dare maggiore visibilità e ampia diffusione alle tematiche femministe, negli anni Settanta vennero fondati alcuni periodici di storia delle donne, quali «DWF», attenta al dibattito femminista internazionale, «Memoria. Rivista di storia delle donne» e «Genesis», che segnarono una svolta fondamentale sia dal punto di vista del metodo che del contenuto, favorendo il coordinamento e la promozione di nuove ricerche per dare visibilità e legittimità al lavoro delle storiche e favorirne la diffusione e il consolidamento non solo a livello nazionale.
È dalla rivista «Quaderni storici» che ha avuto inizio il mio percorso all'interno della storia delle donne.

Informazioni tesi

  Autore: Martina Mercanti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Ida Fazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
38 CAPITOLO II 2.1 La rete di «Quaderni storici» «Quaderni storici» è stato uno degli spazi di discussione all’interno dei quali si è creata una forte sinergia tra le proposte e gli interessi, eterogenei, per nuovi temi di ricerca o per nuove domande a vecchi temi da parte delle storiche delle donne. La rivista nasceva ad Ancona nel 1966, portava all’inizio la dizione «Quaderni storici delle Marche». Sul frontespizio comparivano tre nomi di redattori: Anselmi, Paci, Caracciolo ed è lecito sostenere che forse la rivista sia stata più avvantaggiata che ostacolata dal fatto di nascere in provincia sfruttando questa marginalità geografica per sviluppare percorsi storiografici d’avanguardia e alternativi. Grazie a tale collocazione i promotori diventavano più facilmente crocevia di scambi ed esperienze ed erano sentiti come un territorio libero per opinioni originali o problematiche innovative. Tuttavia, ha raccontato Anselmi: […] ad Alberto Caracciolo, vero punto di forza dei «QSM», l’area marchigiana, per quanto interessante e importante, come risulta anche dai suoi studi sullo Stato Pontificio, andava stretta. E così si fecero cadere le due ultime parole del titolo e la rivista si trasformò in «Quaderni storici» tout-court. Un salto di qualità notevole connesso anche alla «entrata in ditta» di Pasquale Villani, Giorgio Porisini, Edoardo Grendi, Mario Rosa, Arnaldo Salvestrini, Angelo Ventura, Ercole Sori 58 Significativo il livello di continuità formale che si confermava comunque lungo gli anni: per esempio la scadenza rispettata era sempre quadrimestrale pur passando 58 Mutamenti nella proprietà e nella direzione, in «Quaderni storici», 55, 1984, p.307. La citazione appartiene alla lettera che Sergio Anselmi scrisse alla direzione per spiegare le ragioni che lo avevano portato a lasciare la rivista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

femminismo
storia delle donne
genere
quaderni storici

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi