Skip to content

Analisi dei riflessi dell’aspetto del verbo russo nelle strategie traduttive in Nevskij Prospekt di Nikolaj Gogol'

Informazioni tesi

  Autore: Consuelo Tessaro
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Culture per il Turismo e il Commercio Internazionale
  Corso: L-12 - Classe delle lauree in mediazione linguistica
  Relatore: Stefano Aloe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

La tesi è stata redatta con l’intento di comunicare la complessità del sistema aspettuale del verbo nella lingua russa e di illustrare le difficoltà che incontra il parlante italiano desideroso di imparare un buon uso della lingua e dell’aspetto russo. Nello specifico, il presente studio ha per fine l'analisi delle strategie di traduzione dell'aspetto del verbo di uno dei più conosciuti racconti di Nikolaj Vasil'evič Gogol', Nevskij Prospekt. Dopo una rapida delucidazione riguardante gli aspetti verbali, il loro l’utilizzo e la loro formazione, si procederà al confronto tra le due lingue oggetto d’esame, il russo e l’italiano, e alla descrizione dell’attività del traduttore nel ricercare i compromessi più confacenti tra gli idiomi. Infine ci si concentrerà sul caso studio, andando ad individuare e analizzare i riflessi dell’aspetto del verbo russo presenti nella tradizione in italiano del racconto di Gogol’ curata da Landolfi.
Per un russo madrelingua, che inizialmente usa gli aspetti verbali a livello inconscio, tale complessità viene accurata in seguito a scuola. Per uno studente italiano risulta difficile capire il meccanismo del sistema verbale russo perché governato da regole semantiche invece che temporali. La scelta dell’aspetto perfettivo al posto di quello imperfettivo, infatti, è dettata solo in parte dal valore temporale e modale del verbo, per il resto è determinata dalla volontà di esprimere diverse dimensioni del verbo, ovvero delle caratteristiche che permettono di considerare un’azione verbale sotto molteplici punti di vista. Così, lo sguardo può essere orientato verso la durata o l’avverarsi di un’azione oppure sul suo risultato, sull’unicità o la ripetitività di un’azione, sulla momentaneità di uno stato o di un risultato raggiunto, sull’assenza di momentaneità al momento dell’enunciazione; sulla contemporaneità o sulla successione di azioni distinte. Le pagine che seguono ne sono la chiosa.
Una traduzione non è solo un modo caduco di confrontarsi con l’estraneità di una lingua; rappresenta un mantello nel tentativo di avvolgere un frutto senza buccia, vale a dire il contenuto dell’opera privo di lingua e forma originali. Il compito del traduttore è quindi quello di rintracciare l’intenzione rispetto alla lingua di arrivo facendo in modo che riecheggi il contenuto dell’opera originale. Tradurre significa trapiantare il contenuto del racconto di partenza in un altro contenitore dalla forma differente. Si tratta quindi di un processo di scrematura, di un passaggio dell’opera in un filtro, per conservare il midollo e per poi trasferirlo in un altro corpo. Nel seguente studio si cercherà di evidenziare come l’aspetto del verbo russo traspaia nella traduzione italiana e di come Landolfi cerchi di mantenere il senso della narrazione il più vicino possibile all’originale. Le due lingue arriveranno a conciliarsi, accordate e combinate nel modo di comunicare, come in una sinfonia.

Informazioni tesi

  Autore: Consuelo Tessaro
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Culture per il Turismo e il Commercio Internazionale
  Corso: L-12 - Classe delle lauree in mediazione linguistica
  Relatore: Stefano Aloe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Gli aspetti verbali 1.1 Introduzione alla categoria dell’aspetto L'aspetto è una categoria grammaticale del verbo e si distingue in aspetto imperfettivo (Несовершенный Вид) ed aspetto perfettivo (Совершенный вид). 4 L’aspetto verbale può essere considerato da diversi punti di vista: in primis, come categoria grammaticale. Gli elementi qualificanti sui quali si basa il sistema verbale russo sono diatesi 5 , i tempi 6 , la coniugazione 7 e i modi 8 , ma il suo uso si basa su nozioni di processo, risultato e iterazione, alla quale consegue la scelta dell’aspetto, e sono obbligatori per ciascuna categoria. La natura dell’aspetto come categoria grammaticale consta nello sdoppiamento di significato canalizzato nel lessema verbale: ogni azione, 4 Si veda Chavronina S. A., Il Russo Esercizi, Il Punto Editoriale, 2007, p. 270. 5 Come in italiano, forma attiva, passiva o riflessiva. 6 Tempo passato, presente e futuro. 7 La coniugazione del verbo russo è basata sulla persona, prima seconda o terza, e sul numero, singolare o plurale. Al passato non sussiste coniugazione, bensì la concordanza in base al genere e al numero del soggetto di riferimento: maschile, femminile, neutro o plurale. Da Cevese C., Dobrovolskaja J., Magnanini E., Grammatica Russa. Morfologia: teoria ed esercizi, Hoepli, 2004, p. 428. 8 I modi del russo sono: infinito; indicativo, che ha due coniugazioni e tre tempi; imperativo di seconda persona singolare o plurale; condizionale e congiuntivo, che si formano aggiungendo la particella бы al passato del verbo; participio, che può essere presente attivo o passivo e passato attivo o passivo; gerundio, che ha due tempi, il presente e il passato. 6 di 41

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguistica
traduzione
lingua russa
strategie traduttive
gogol'
aspetti del verbo
grammatica russa
nevskij prospekt
perfettivo imperfettivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi