Skip to content

La guerra commerciale fra USA e Cina. Scenari attuali e futuri

Informazioni tesi

  Autore: Martina Bicelli
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Management e relazioni economiche internazionali
  Relatore: Marco Grumo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

Questo elaborato ha l’obiettivo di analizzare e riflettere sulla guerra commerciale fra Cina e Stati Uniti nei suoi vari aspetti. Per comprendere in maniera adeguata il contesto storico e socio-conomico che fa da sfondo a questo importante evento, nel primo capitolo, dopo aver definito cosa si intende per globalizzazione, vengono illustrate le sue diverse dimensioni (economica, politica, culturale, ecologica) ed evidenziati gli aspetti positivi e negativi di questo processo, le crisi globali e i possibili scenari futuri.
Nel secondo e terzo capitolo vengono presentate le specificità delle due nazioni per comprendere a fondo i motivi che le hanno condotte ad imporsi come potenze mondiali.
In particolare, il secondo capitolo è dedicato alla Cina: lo sviluppo socio-economico, le dinamiche del commercio estero e gli IDE cinesi 2008-2018, la strategia commerciale globale e il suo ruolo nei consessi multilaterali. Nel terzo vengono analizzati medesimi aspetti per quanto riguarda il colosso americano, con particolare riferimento alle ragioni del suo declino come sistema economico egemone nell’economia globale e al suo cammino verso il protezionismo. Nel quarto capitolo vengo discusse le principali cause, sia economiche che geopolitiche, che hanno scatenato la guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina, le decisioni prese riguardo alla politica tariffaria ed i negoziati in corso per risolvere questa questione che rischia di avere pesanti ripercussioni anche sul resto del mondo.

Informazioni tesi

  Autore: Martina Bicelli
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Management e relazioni economiche internazionali
  Relatore: Marco Grumo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I 16 1.2 La dimensione politica Quando si parla di globalizzazione nel campo della politica ci si riferisce alla sempre più rilevante dimensione sovra-nazionale delle politiche statali: le interrelazioni politiche in tutto il mondo si intensificano e si espandono. Senza dubbio le politiche economiche rivestono un ruolo significativo in questo fenomeno, ma non sono da trascurare i provvedimenti legislativi nazionali in altri ambiti quali ad esempio l’immigrazione, i diritti dei lavoratori o le politiche ambientali. In questo contesto non è inoltre da sottovalutare la funzione svolta dalla tecnologia delle comunicazioni, grazie alla quale le informazioni viaggiano in tempo reale e le decisioni prese in una parte del mondo possono avere effetti a livello globale. Le origini dello stato moderno vanno ricercate nell’Europa del XVII secolo: con la Pace di Vestfalia del 1648 vennero stabiliti i principi da adottare per entrare a far parte del sistema internazionale di stati, ovvero la sovranità, la territorialità e la legittimità [5]. Tutti gli Stati avevano lo stesso diritto all’autodeterminazione, il mondo risultava così composto e suddiviso in stati territoriali sovrani che non riconoscevano nessuna autorità superiore ed il diritto internazionale era orientato alla fissazione di regole minime di coesistenza. Il sistema dello stato moderno venne fissato alla fine della Prima Guerra Mondiale nei 14 punti di Wilson: il "principio di nazionalità", noto anche con il nome di "principio di autodeterminazione dei popoli", fu la base per la costruzione dell'Europa democratica e degli stati nazionali. Secondo questo principio, i popoli hanno diritto di scegliere liberamente il proprio sistema di governo e di essere liberi da ogni dominazione esterna, in particolare dal dominio coloniale. Il principio di autodeterminazione avrebbe dovuto svolgere il ruolo di linea guida per il tracciamento dei nuovi confini, ma nella pratica venne applicato in maniera arbitraria e discontinua [10]. Fu solo nel secondo dopoguerra che l’idea wilsoniana di dare un’espressione istituzionale alla cooperazione internazionale si sviluppò compiutamente in seguito alla nascita dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) nel 1945. La Carta delle Nazioni Unite sancisce infatti come fine delle Nazioni Unite quello di "sviluppare tra le nazioni relazioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi