Skip to content

Protesi inversa di spalla in traumatologia indicazioni e risultati nell'esperienza della clinica ortopedica di Padova

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Barbiero
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Pietro Ruggieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Il trattamento delle fratture dell’omero prossimale a tre e quattro frammenti rimane un argomento dibattuto. I risultati imprevedibili e poco soddisfacenti ottenuti con l’osteosintesi con placca e con l’emiartroplastica hanno determinato un sempre maggiore utilizzo della protesi inversa di spalla per trattare questo tipo di fratture. I risultati inferiori ottenuti mediante l’osteosintesi con placca sono stati spesso dovuti all’osteonecrosi della testa omerale e alla perdita di fissazione. L’emiartroplastica, utilizzata a lungo come trattamento delle fratture a 3 o 4 frammenti, ha riportato in molti casi risultati insoddisfacenti legati principalmente alla mancata reinserzione o all’unione non anatomica delle tuberosità. Questa evenienza è stata superata con l’utilizzo della protesi inversa di spalla per cui non è necessaria l’integrità della porzione postero-superiore della cuffia dei rotatori.
Lo scopo di questo studio è di analizzare i risultati clinico-funzionali e le complicazioni riscontrati in seguito al trattamento con protesi totale inversa (RTSA) in seguito a fratture a 3 e 4 frammenti dell’omero prossimale.
Si tratta di un’analisi retrospettiva dei pazienti trattati con protesi totale inversa, da gennaio 2004 a novembre 2018. La casistica oggetto di studio si compone di 70 pazienti: 9 maschi e 61 femmine, con un’età media di 77,8 anni (range, 54 – 94 anni). La diagnosi è stata di frattura a 3 frammenti in 25 casi (dei quali 6 casi di frattura-lussazione) e frattura a quattro frammenti in 45 casi (dei quali 10 casi di frattura-lussazione).
I risultati funzionali sono stati valutati tramite il Constant score e il Disabilities of the Arm, Shoulder and Hand questionnaire.
L’analisi delle correlazioni fra le variabili di cui sopra è stata effettuata mediante l’utilizzato dell’Indipendent T-test considerando come statisticamente significativa una p<0,05.
Dal punto di vista funzionale ad un follow-up medio di 3,4 anni (con range da 1 mese a 10,1 anni) i pazienti hanno riportato un punteggio medio del Constant score di 59,7/100 e un DASH score di 43,1/100. Si sono verificati 17 (17/70, 24,3%) casi di complicazioni: 9 casi di scapular notching, dei quali 4 di grado 2 e 5 di grado 1, 3 fratture diafisarie, trattate con fili, 1 arterioressi della succlavia, trattata da un chirurgo vascolare con un bypass, 2 casi di deficit del nervo radiale, uno dei quali risoltosi in seguito a riabilitazione specifica e 2 casi di lussazione, risolti con revisione chirurgica.
La RTSA configura la migliore opzione ricostruttiva in caso di fratture complesse dell’omero prossimale, garantendo una funzionalità della spalla superiore rispetto alle altre opzioni ricostruttive. Le uniche controindicazioni assolute per il posizionamento di questa protesi sono: lesione irreversibile del nervo ascellare, disfunzione globale del muscolo deltoide e un deficit globale del plesso brachiale.

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Barbiero
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Pietro Ruggieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Le fratture di omero prossimale rappresentano il 4-10 % di tutte le fratture nella popolazione e riguardano principalmente i soggetti anziani di età maggiore di 65 anni. Studi recenti hanno dimostrato che in questa tipologia di pazienti i patterns di frattura più frequenti sono le fratture complesse e le fratture associate a lussazione anche se, in termini percentuali, queste sono solo meno del 5% della totalità delle fratture di omero prossimale [1] . La scelta terapeutica e gli obiettivi del trattamento per questi pazienti sono condizionati dall’aspettativa di vita e dalla funzionalità dell’arto prima del trauma. È fondamentale quindi ricercare non tanto la restitutium ad integrum quanto la soddisfazione del paziente e il recupero delle funzionalità basilari nella vita quotidiana. [1] Le fratture di omero prossimale composte o solo minimamente scomposte possono essere trattate conservativamente, mentre, per le fratture complesse è quasi sempre necessario l’intervento chirurgico. Le principali tecniche chirurgiche per il trattamento delle fratture complesse sono l’osteosintesi con placca, la protesi anatomica (parziale o totale) e la protesi totale inversa di spalla (RTSA). Questa varietà di tecniche chirurgiche mostra l’effettiva mancanza di un gold standard terapeutico [2] .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

omero
frattura
trauma
protesi
ortopedia
spalla
osteosintesi
protesi inversa di spalla
reverse total shoulder arthroplasty
neer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi