Skip to content

La compressione dei diritti costituzionali in ragione della lotta al terrorismo: il caso americano

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Cap. 1 - Il terrorismo: le nuove paure e le questioni che si aprono 13 palestinese 30 ), promuovere la crescita e la libertà economica con investimenti che innalzino il livello di vita e riducano la povertà. Questi obiettivi ambiziosi, a lungo termine e di difficile conseguimento, non sono stati però esenti da sferzanti critiche e accese polemiche. La maggior parte degli interventi polemici, è necessario sottolinearlo, sono rivolti alla cosiddetta teoria della “guerra preventiva” 31 . Il New York Times, in un editoriale ripreso da molti giornali americani e non, esordisce con “l’America flette i muscoli ed esibisce un’aggressività che ricorda l’era Reagan” e sottolinea come siano stati eliminati dal documento quei passi che avrebbero potuto prestarsi all’accusa di ‘arroganza’ da parte degli Stati Uniti 32 . Un illustre ed importante esponente politico americano, il senatore democratico Robert Byrd (che a 86 anni viene chiamato il “padre del senato”), denuncia il fatto che “la guerra preventiva 33 sia la distorsione di una vecchia concezione del diritto alla difesa”. 30 Significativi i passi che sono stati recentemente fatti per l’approvazione della Road Map. 31 “Dobbiamo essere preparati a fermare gli ‘rogue states and their terrorist client’ prima che siano in grado di minacciare o usare mezzi di distruzione di massa”, “gli Stati Uniti hanno mantenuto a lungo l’opzione dell’azione preventiva per far fronte ad una evidente minaccia alla nostra sicurezza nazionale”, “gli Stati Uniti non useranno sempre la forza per prevenire le minacce emergenti, e le nazioni non possono usare l’azione preventiva come pretesto per un’aggressione”, “ lo scopo delle nostre azioni sarà sempre quello di eliminare una specifica minaccia agli Stati Uniti o ai nostri alleati e amici. Le ragioni delle nostre azioni saranno chiare, la forza misurata, e la causa giusta”, op. cit. a nt. 12, p. 13-14. 32 Cfr. Bush: Ecco la teoria dell’attacco preventivo, Corriere della Sera, articolo del 21 settembre 2002; Sanger E. D., Bush to formalize a defence police of hitting first, New York Times, 17 luglio 2002; Sanger E. D., Threats and responses: security, New York Times, 20 settembre 2002; Wright R., Contradictions of a Superpower, New York Times, 29 settembre 2002. 33 Sul concetto di guerra preventiva non si può non citare il caso Caroline (1837). Nel 1837 soldati Britannici attaccarono il piroscafo Caroline in territorio americano perché tale nave riforniva di armi i ribelli canadesi. Gli Inglesi giustificarono l’attacco adducendo motivi di autodifesa cautelativa. Il caso venne risolto per mezzo di uno scambio di lettere diplomatiche. Il Segretario di Stato Webster sostenne che l’autodifesa per essere giustificata dovesse essere notevole, immediata e non lasciar altro spazio o tempi di riflessione. Da allora il caso Caroline è citato per affermare che la forza può essere esercitata quando sussista “una necessità di legittima difesa urgente, irresistibile, tale da non lasciare altra scelta dei mezzi e il tempo per deliberare”. Per approfondimenti cfr. Lamberti - Zanardi, La legittima difesa nel diritto internazionale, Milano, 1972, p. 43 ss; Cannizaro, Il principio della proporzionalità nell’ordinamento internazionale, Milano, 2000, p. 279 ss.; <http://www.yale.edu/lawweb/avalon/diplomacy/britian/br-1842d.htm>, consultato il 13/06/2003.
Anteprima della tesi: La compressione dei diritti costituzionali in ragione della lotta al terrorismo: il caso americano, Pagina 13

Preview dalla tesi:

La compressione dei diritti costituzionali in ragione della lotta al terrorismo: il caso americano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Martellino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo Casonato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre
diritto costituzionale comparato
misure antiterrorismo
patriot act
stati uniti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi