Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La compressione dei diritti costituzionali in ragione della lotta al terrorismo: il caso americano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. 1 - Il terrorismo: le nuove paure e le questioni che si aprono 6 pendere la bilancia a favore di limitazioni” e “nella stessa direzione andrebbero interventi favorevoli a misure di polizia comportanti limitazioni della libertà di soggetti sospettati pur in assenza di preventive indagini e autorizzazioni della magistratura” 10 . Un altro profilo che acuisce le considerazioni operate finora e che deve essere tenuto ben presente, è che questa presunta “guerra” contro il terrorismo internazionale è in realtà una battaglia contro un nemico indeterminato, sfuggente, che può agire all’interno del tessuto sociale e che è costituito da un’entità impersonale e non identificata, sia per quanto riguarda i soggetti che operano, sia per quanto riguarda il territorio su cui essi si muovono. Dunque, la decisione dell’am- ministrazione americana di rispondere ad una guerra diffusa e “privata” 11 , quale quella che è stata scatenata dai fondamentalisti islamici, con azioni di contrasto prevalentemente segrete, rischia a maggior ragione di sottrarre queste “nuove guerre” al vaglio critico dell’opinione pubblica 12 ed al controllo dello stesso Parlamento: le caratteristiche che si delineano in operazioni di questo tipo sono contraddistinte dall’assenza di veri e propri eserciti che si confrontano sul campo o di Stati contrapposti tra di loro, ma dall’esistenza di un nemico che è considerato e che si è trasformato alla stregua di un criminale comune. Su questo punto si pongono delicate e fondamentali questioni che riguardano il rapporto tra i sistemi costituzionali occidentali e la realtà islamica 13 , in quanto se è pur vero che l’Occidente deve 10 De Vergottini G., La guerra contro un nemico indeterminato, in , articolo del 5 ottobre 2001, consultato il 24/05/2003. 11 L’espressione è di Mary Kaldor: vedi Andò S., Terrorismo e Fondamentalismo Islamico, in Quad Cost., 2002, p. 73. 12 E’ da tenere presente, in ogni caso, quanta viva e vibrante sia stata la forza dell’opinione pubblica non solo americana, ma anche internazionale, nelle operazioni condotte dagli Stati Uniti contro l’Afghanistan e l’Iraq, tanto da indurre gli esperti, i commentatori e i giornalisti, a parlare di un “nuovo potere mondiale”. 13 Per un approfondimento sul tema cfr. Nassib S., Per farla finita con il mondo arabo, LE MONDE diplomatique, in , articolo del marzo 2003, consultato il 24/05/2003; Pasquino G., L’Occidente esporti la democrazia, Il sole 24

Anteprima della Tesi di Michele Martellino

Anteprima della tesi: La compressione dei diritti costituzionali in ragione della lotta al terrorismo: il caso americano, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Michele Martellino Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5005 click dal 21/10/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.