Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività sportiva e legislazione antidoping

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 PREMESSA Il termine “Sport”, benché si richiami etimologicamente alla lingua inglese, deriva in realtà dall’etimo francese “Desport”, che nella sua accezione originaria significava semplicemente divertimento, e da esso è derivato a sua volta l’italiano “Diporto”. Ontologicamente la ragione di ciò va ricercata nella diversità esistente tra gli agoni atletici dell’antica Grecia e quella che oggi viene definita “Attività sportiva”. Nell’antica Grecia, a partire dal V sec. a.c. le competizioni ginniche organizzate in occasione delle Olimpiadi, dei Giochi Delfici, Istmici e Nemei o di altre manifestazioni panelleniche, avevano infatti un carattere eminentemente etico-sociale-religioso. Esse costituivano il momento più importante di aggregazione fra comunità distinte e spesso rivali. 1 Sotto l’aspetto etico rappresentavano l’esaltazione degli ideali di virtù e di bellezza fisica e morale ispirati al modello 1 A.Traversi,Diritto penale dello sport,Milano,2001,pag.2

Anteprima della Tesi di Bruno Parodi

Anteprima della tesi: Attività sportiva e legislazione antidoping, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Bruno Parodi Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4335 click dal 21/10/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.