Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività sportiva e legislazione antidoping

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 mescolare. Da queste etimologie sarebbero poi derivati sia il verbo inglese ”to dope” (alla lettera “drogare”), che il termine “dope”, nel senso di estratto liquido denso. Taluni autori riconducono invece l’origine del termine al “dop”, bevanda alcolica primitiva, usata dagli indigeni africani della tribù Kafir nelle danze cerimoniali. In questo ultimo secolo, tra gli sportivi, si è osservato il frequente ricorso a sostanze per lo più esogene in grado di potenziare, non solo la prestazione durante la competizione, ma soprattutto il training preparatorio alla gara, trasformando quindi l’assunzione di tali sostanze da occasionali ad abitudinarie. Una prima ragione, che induce gli atleti ad utilizzare tali sostanze ed a sottovalutare i rischi che esse comportano è di carattere psicologico, va ricercata nell’eccessiva attenzione che i mezzi di comunicazione di massa dedicano a taluni avvenimenti sportivi e nel conseguente, esasperato desiderio di autoaffermazione di molti atleti ossessionati da pagelle, classifiche e tabelle spesso

Anteprima della Tesi di Bruno Parodi

Anteprima della tesi: Attività sportiva e legislazione antidoping, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Bruno Parodi Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4336 click dal 21/10/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.