Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili giuridici della partecipazione della Comunità Europea all’OMC: l’evoluzione delle competenze esterne

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO PRIMO Il parere 1/94: l’errore di prospettiva 8 dicembre 1992 e ha favorito il processo decisionale della Comunità, estendendo il voto a maggioranza qualificata. I negoziati e la firma dell’Atto unico coincisero con un costante miglioramento dell’ambito economico: durante la seconda metà degli anni Ottanta, l’Europa occidentale sperimentò uno dei più lungi periodi di boom economico del periodo post- bellico. Fu proprio questo clima favorevole a far accettare agli Stati membri i costi di aggiustamento del mercato interno. Il clima favorevole al processo integrativo, così già fortemente influenzato dall’obiettivo del 1992, venne ulteriormente ravvivato dagli straordinari eventi del 1989, l’annus mirabilis 20 dell’Europa occidentale: la caduta dei regimi comunisti dell’Europa dell’Est. Ma all’euforia iniziale subentrarono presto l’ansia e le preoccupazioni per una Germania unita con conseguente spostamento degli equilibri di potere all’interno della Comunità. Proprio in seguito a questi nuovi sconvolgimenti si ricollega la stesura del Trattato sull’Unione europea firmato a Maastricht nel febbraio 1992: per la prima volta venne posto in primo piano il tema dell’unione politica, anche se le soluzioni adottate non hanno certamente definito la questione. Ma il fatto importante rimane la volontà di creare un cammino comune e l’insistenza nel Trattato di Maastricht sulla qualificazione dell’UE come “tappa” verso la creazione di un’unione “sempre più” stretta tra i popoli d’Europa ne è la dimostrazione. L’Unione europea scritta a Maastricht non si configura come entità federale, anche se determinate politiche come quella monetaria e quella commerciale vengono successivamente assorbite tra le competenze esclusive dell’Unione. Per quanto concerne la politica commerciale comune così come modificata a Maastricht, i risultati restano insoddisfacenti dal momento che non fanno chiarezza sul concetto e sull’estensione della competenza in questione. Numerose erano state le proposte della Commissione 21 e persino della presidenza lussemburghese 22 in preparazione al vertice di Maastricht, tutte egualmente disattese 20 L. TSOUKALIS, La nuova economia europea, Bologna: Il Mulino, 1994, pag. 22. 21 Parere della Commissione del 21 ottobre 1990 sulla proposta di modifica del Trattato istituente la Comunità Economica Europea, testo in Intergovernmental Conferences: Contributions by the Commission, Bollettino CE – Supplemento 2/91, p. 65. 22 Progetto di Trattato del 20 giugno 1991, Agence Europe, Europe Documents, n. 1722/1723 del 5 luglio 1991.

Anteprima della Tesi di Alberto Afflitto

Anteprima della tesi: Profili giuridici della partecipazione della Comunità Europea all’OMC: l’evoluzione delle competenze esterne, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Afflitto Contatta »

Composta da 280 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2778 click dal 22/10/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.