Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica estera del Portogallo e l'Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 anni le entrate dei ricchi territori africani crebbero in maniera sostenuta, rendendo più facile coprire le spese del governo. Con la partecipazione alla guerra, il governo repubblicano intendeva anche ottenere un riconoscimento da parte dell’Europa ancora quasi completamente monarchica. Nel periodo intorno alla grande guerra, il regime repubblicano, nel tentativo di trovare una consacrazione nella volontà popolare, organizzò numerose consultazioni elettorali che però fecero perdere nella popolazione la fiducia nelle nuove istituzioni e la allontanarono dalle urne. Dal 1910 al 1926 si tennero ben sette elezioni parlamentari, otto elezioni presidenziali e varie elezioni regionali (Albonico, 1977:45). Tale situazione di instabilità trovava origine nelle divisioni che affliggevano, già all’indomani della conquista del potere, il partito repubblicano portoghese (P. R. P.) e il suo erede, il partito democratico opposto ai gruppi minori derivati dalla dissoluzione dell’unità repubblicana. La confusione della situazione venne aggravata dall’assassinio del Presidente della Repubblica Sidónio Paes, commesso da un radicale nel dicembre 1918. I repubblicani, prima di giungere al potere, avevano accusato i monarchici di non saper difendere adeguatamente i territori coloniali e, a tale politica rinunciataria, avevano opposto un ambizioso programma di investimenti e di sviluppo. Nei suoi ultimi anni di esistenza, il regime repubblicano dimostrò di non essere migliore della monarchia nella messa in pratica dei buoni propositi. Nonostante la creazione di un Ministero delle Colonie, non si riuscì a impedire l’alienazione di parte del territorio mozambicano in favore di tre compagnie estere incaricate dello sfruttamento minerario della colonia dietro il pagamento di royalties. Per di più, un nuovo regolamento di commercio aprì agli stranieri

Anteprima della Tesi di Fulvio Papouchado

Anteprima della tesi: La politica estera del Portogallo e l'Europa, Pagina 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Fulvio Papouchado Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2201 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.