Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La recente evoluzione del mercato del trasporto aereo: il fenomeno delle Low Cost Airlines

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La privatizzazione 3 La politica assistenzialistica dello stato in sostanza si traduceva in un dispendio di denaro pubblico molto preoccupante e nella creazione di evidenti e dannose distorsioni nella allocazione delle risorse a causa anche del basso grado di efficienza gestionale delle imprese pubbliche. Queste infatti, avendo comunque una minore attitudine al conseguimento di un profitto ed essendo la loro dirigenza sottoposta a minori pressioni da parte di azionisti e comunità finanziaria, difficilmente riuscivano a raggiungere condizioni di efficienza operativa ottimali. A questo va aggiunta anche la considerazione che interferenze di natura politica e quindi la priorità nel tener conto più delle volontà del referente politico che dei criteri di razionalità e prudenza con cui doveva venir impiegato il denaro pubblico da parte degli amministratori , originavano diffusi fenomeni di corruzione cui conseguivano rovinose perdite di efficienza e deficit insormontabili. Il malcontento e le ombre provocate da tale situazione erano giustificate oltretutto anche dalla bassa qualità a dispetto di un alto costo per gli utenti riscontrabile nei servizi erogati. In Europa, una forte spinta alle privatizzazioni viene dagli stringenti vincoli del Patto di Stabilità e dalla crescente necessità di una maggiore robustezza nei bilanci dei vari paesi, dissestati per lungo tempo da un debito pubblico in alcuni casi imbarazzante. Per molti era ritenuta una soluzione obbligata, un’opportunità per ridar fiato alle casse statali ed un’occasione per ricercare una maggiore razionalizzazione del sistema economico nel suo complesso, confidando di poter restituire ad i consumatori dei servizi più efficienti, più economici e più validi e di innescare anche un processo di crescita economica in grado di sostenere la formazione di nuova occupazione. L’imponente mole di dismissioni avutasi nei recenti decenni e peraltro ancora in atto in Europa e nel nostro paese, ha portato alla cessione al settore privato di una cospicua fetta di proprietà che lo Stato vantava nei confronti di imprese operanti in settori di rilevanza sociale. L’avvio delle privatizzazioni in Italia si e’ avuto a partire dal 1992 a seguito della crescente necessità di ridimensionare il debito pubblico e di riportare maggiore equilibrio nella tenuta dei conti pubblici. Grazie al processo di vendita di asset pubblici le casse dello Stato hanno potuto beneficiare di un incasso lordo complessivo di 129 miliardi di euro nel periodo dal 1992 al 2003 1 , con una proporzione sul PIL di maggiore entità rispetto a quanto avvenuto in esperienze analoghe registratesi in altri paesi (Tale rapporto 1 CONFINDUSTRIA – Indagine conoscitiva sul processo di privatizzazione in Italia pg.3

Anteprima della Tesi di Gianpiero Greco

Anteprima della tesi: La recente evoluzione del mercato del trasporto aereo: il fenomeno delle Low Cost Airlines, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianpiero Greco Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14912 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 73 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.