Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La caduta del Muro di Berlino attraverso la stampa internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Infatti “il sistema di segnalazione costituito dai mass media non può che favorire l’esplosione di avvenimenti massicci, quei vulcani di attualità che sono spuntati recentemente con la guerra dei sei giorni, il maggio ‘68, l’invasione di Praga, il ritorno del generale De Gaulle e la sua morte o l’allunaggio americano, avvenimenti mostruosi che si ripetono e probabilmente si ripeteranno sempre più spesso”. Tale previsione non può che far pensare al crollo del Muro di Berlino 27 come ad uno di quegli avvenimenti “mostruosi” elencati da Nora e destinati a ripetersi sempre più spesso nella storia dell’umanità e destinati altrettanto spesso a divenire notizie da prima pagina. Il concetto di notizia, come ben evidenzia Papuzzi, è la quintessenza del giornalismo: “Esso rappresenta allo stesso tempo il contenuto fondamentale di questa professione e la forma tipica in cui si rispecchia. In questa chiave nel lessico redazionale si sente dire che un evento fa o non fa notizia, oppure si parla di senso della notizia e di fiuto per la notizia. Lo scoop è la notizia in esclusiva, il buco è la notizia mancata. Gli studiosi del linguaggio giornalistico hanno coniato il neologismo newsworthy, notiziabile, per indicare un evento che è potenzialmente una notizia e hanno messo a fuoco una serie di news values, valori notizia, che rendono notiziabile un avvenimento 28 ”. Senza dubbio, il concetto di notizia è difficile da inquadrare e sfuggente ad ogni tentativo di definizione precisa ed esaustiva. In questa sede si cercherà di analizzare per sommi capi tale concetto, senza tuttavia pretendere di rinchiuderne l’essenza in rigidi schemi teorici. La notizia moderna nasce soltanto negli anni trenta dell’Ottocento, quando la stampa quotidiana aveva alle spalle già un secolo di storia 29 , ed è proprio nell’Ottocento che si verifica l’esplosione della stampa 30 . L’idea moderna di notizia si sviluppa negli Stati Uniti in concomitanza con la rivoluzione della penny press, quando un gruppo di battaglieri editori fondò quotidiani da vendere a un penny attraverso lo “strillonaggio”, mentre i giornali tradizionali costavano ben sei cents ed erano diffusi soprattutto per abbonamento 31 . Nel 1833 apparve a New York il Sun, prima testata della penny press, una rivoluzione che portò all’allargamento della base sociale del pubblico dei quotidiani, non più limitato alla sola borghesia. E fu così che nacque la stampa per i pionieri, i farmers, i Bottegai dell’Ovest e i lavoratori delle nascenti industrie dell’Est. 27 Ma anche ad avvenimenti più recenti ed altrettanto epocali e drammatici nella loro eccezionalità, come, ad esempio, l’ “11settembre”. 28 A. Papuzzi, Etica e tecnica, in Marcello Sorgi e Luigi La Spina (a cura di), Stile Stampa, Editrice La Stampa, Torino 1998, p. 3. 29 Il primo quotidiano del mondo, il Daily Courant, nacque infatti a Londra nel 1702. 30 A questo proposito vedere Alberto Cavallari, La fabbrica del presente, Feltrinelli, Milano 1990. 31 A. Papuzzi, op. cit. p. 4.

Anteprima della Tesi di Paola Abbate

Anteprima della tesi: La caduta del Muro di Berlino attraverso la stampa internazionale, Pagina 13

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paola Abbate Contatta »

Composta da 425 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9126 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.