Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

JWORKFLOW: un sistema per modellare workflow con utilizzo di strumenti di process mining

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Accettazione richieste Notifica accettazione Respingi richiesta Revisione del supervisore Aggiornare fondi Valutazione requisiti Valutazione fondi Accettare richiesta? Si Si No No Figura 1.1 : Un esempio di processo Dunque un workflow riassume una serie di procedure che, poste in relazione le une con le altre, definiscono un contesto di lavoro strutturato, dove più unità lavorative, siano esse risorse umane, gruppi di lavoro o sistemi computerizzati, lavorano in concomitanza per un determinato fine. Ogni workflow è dunque composto da un certo numero di processi, cioè procedure da seguire per ottenere un certo risultato, da determinate condizioni di partenza. Ogni processo si può definire attraverso la sequenza di azioni che devono essere svolte dai partecipanti, e attraverso l’evoluzione dello stato degli oggetti che lo attraversano. Un processo, ad esempio, può essere l’iter per una richiesta di acquisto dell’università, o le procedure per ottenere una licenza edilizia nell’ambito della pubblica amministrazione (Si veda la Figura 1.1 ). Le azioni che devono essere svolte nel processo sono chiamate attività del processo. Ogni processo viene descritto dall’insieme di attività e dalla sequenza con cui vengono svolte. Un’attività descrive un singolo passo del processo da eseguire: ad esempio prendere una decisione, apporre una firma ad un documento, o stampare un elenco. Il processo ha sempre una sola attività di inizio, in cui “entrano” gli oggetti che devono essere elaborati, ed un’attività di fine da cui “escono” i prodotti del processo. La sequenza di passi di un processo non è limitata ad essere una semplice sequenza lineare. Si possono infatti avere ramificazioni e ricongiungimenti, a rappresentare attività che devono essere svolte in parallelo o attività che devono essere svolte in alternativa le une alle altre. Ad esempio in un’amministrazione comunale un certo incartamento può intraprendere un percorso attraverso vari uffici, trovarsi ad essere elaborato contemporaneamente da due uffici di controllo, per poi dover scegliere se essere mandato fra le pratiche urgenti o fra quelle a bassa priorità, e così via. Ogni processo è un’entità statica, una sorta di definizione di procedure e iter da intraprendere: può essere eseguito più volte, cioè può avere più istanze, anche contemporanee. Ogni istanza di processo ha una propria identità distinta, anche se condivide con le altre istanze di processo la stessa sequenza di azioni da intraprendere. Un’istanza di processo è dunque un’entità dinamica: ha

Anteprima della Tesi di Giovanni Leonetti

Anteprima della tesi: JWORKFLOW: un sistema per modellare workflow con utilizzo di strumenti di process mining, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giovanni Leonetti Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3163 click dal 27/10/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.