Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetti didattico-educativi al suono in alcune scuole elementari dell'Emilia Romagna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 accumulate che causano un errato funzionamento della struttura psicofisica. Per questo possiamo vedere la musicoterapia come quella scienza che riflette sul complesso rapporto biologico e psicologico tra il suono e l’essere umano ed elabora le strategie terapeutiche atte a migliorare, mantenere, ristabilire la salute mentale e fisica dei soggetti che presentano handicap emotivi, fisici, mentali o psicologici. Definire la musicoterpia può essere visto come una necessità del mondo della medicina, di quello pedagogico e sociale del nostro tempo, nel quale si trovano inserite ed istituzionalizzate alcune prassi di utilizzo della musica, un tempo componente non separata di un patrimonio culturale unitario. Così ogni definizione di musicoterapia si scontra con un grosso problema, il fatto cioè che essa sia per sua natura transdisciplinare, e quindi è molto difficile dar conto sinteticamente delle sue differenti componenti e articolazioni. Infatti la musicoterapia è una sorta di ibrido che nasce dall’interazione e dall’integrazione di diverse discipline, regolate a loro volta da due aree principali la musica e la terapia. I metodi di trattamento infatti possono essere vari e basarsi sull’ascolto, il dialogo sonoro o sull’improvvisazione, essere individuali o di gruppo, integrarsi con tecniche di massaggio, movimento, danza, disegno, teatro, psicodramma ecc. Non riuscendo così a delineare una definizione univoca e unitaria del concetto per la grande varietà di applicazioni, teorie e concezioni ho preferito selezionare quattro principali sostenitori di questa disciplina, che si ispirano a due modelli differenti: quello psicoanalitico (R.Benenzon, E.Lecourt) e quello della psicologia umanistica ( J. Alvin, P. Nordoff & C. Robbins). Tra i mediatori dell’azione didattica la scuola sta da qualche tempo scoprendo l’importanza della musicoterapia soprattutto da quando dopo la riforma scolastica del 1977, che prevedeva l’abolizione delle scuole speciali e delle classi differenziate, si è avviato un lento

Anteprima della Tesi di Anna Chiara Achilli

Anteprima della tesi: Progetti didattico-educativi al suono in alcune scuole elementari dell'Emilia Romagna, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anna Chiara Achilli Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7563 click dal 15/11/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.