Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Da eXtreme Programming a XPTracking: la concretizzazione di valori e pratiche in una applicazione software

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

correlate. Sono quindi modellati gli aspetti statici del processo. Le buone pratiche di programmazione di cui RUP e` caratterizzato sono: Sviluppo iterativo: ` E previsto e consentito il cambiamento dei requisiti. L’integrazione non e` eseguita una sola volta al termine del ciclo di vita, ma gli elementi sono integrati progressivamente. Gli errori vengono scoperti nelle prime iterazioni, quando il prodotto passa dalla fase di ‘inception’ a quella di ‘elaboration’. Si cerca quindi di evitare la situazione in cui si ha una sola grossa fase di test verso la fine del ciclo di vita. Gli sviluppatori possono apprendere nuove conoscenze e gli specialisti sono coinvolti, con diverse intensita`, durante tutto il ciclo di vita. In un processo non iterativo, ad esempio, le persone addette al test durante la fase di design non sono particolarmente produttive. Gestione dei requisiti: I requisiti devono poter essere rivisti e chiariti. Basandosi infatti sul concetto che la modifica di un requisito implica un alto costo se si manifesta tardivamente nel processo di sviluppo, si tende a non fissare i requisiti, ma a riconsiderarli di continuo. Un’architettura basata sui componenti: Un componente puo` essere con- siderato come un pezzo di software, ad esempio un package o un sot- tosistema, che fornisce una funzionalita`benprecisaepu`o integrarsi all’interno dell’architettura. Un componente e` quindi la realizzazione fisica dell’astrazione definita durante il design. Gli Use Case guidano RUP in tutto il ciclo di vita; ogni use case rappresenta un piccolo compito che il sistema attua a fronte di un evento. Nelle prime iterazioni del processo l’obiettivo e`quellodipro- durre e convalidare una architettura software che nasce come prototipo e gradualmente evolve nel sistema finale. RUP mette a disposizione un sistema di viste (view) che mostrano diversi aspetti dell’architettura da definire. Modellazione visiva del software: RUP usa intensivamente Unified Mo- deling Language (UML). UML e` un linguaggio grafico usato per vi- sualizzare, specificare, definire e documentare i costrutti di un sistema software [16]. Si puo` pensare ad UML come ad un vocabolario, il quale pero`nond`a le istruzioni necessarie, ad esempio, per scrivere un libro. RUP cerca invece di rispondere a questa esigenza. Verifica continua della qualita`: RUP afferma che assicurare la qualita` del prodotto e del processo e` responsabilita` di tutte le persone, e non di un gruppo specifico. Il soddisfacimento delle qualita`pu`o essere raggiunto grazie alla crea- zione e alla esecuzione di diverse tipologie di test. L’attivita`ditest 21

Anteprima della Tesi di Tommaso Torti

Anteprima della tesi: Da eXtreme Programming a XPTracking: la concretizzazione di valori e pratiche in una applicazione software, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'informazione

Autore: Tommaso Torti Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 953 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.