Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 può essere pensato se non a partire dalla socializzazione, e anche quest’ultima non sarebbe pienamente pensabile se non come lavoro di individuazione. Il con- cetto di persona in Durkheim è il prodotto di due fattori: lo spirituale è assicurato dalla socializzazione e si trova dunque dal lato dell’impersonale, mentre l’individuo costituisce il lato corporeo. Lo spirituale è prima di tutto l’anima del- la società ed è attraverso la collettività che l’individuo diventa una persona. “Ciò che fa dell’uomo una persona, è ciò per cui egli si confonde con gli altri uomini. È quanto fa di lui un uomo, e non quell’uomo”. Durkheim si appoggia a Kant piegandone le proposizioni: la chiave di volta della persona è la volontà, e quest’ultima è la facoltà di agire in base alla ragione. La ragione sarebbe per Kant, secondo Durkheim “quanto esiste di maggiormente impersonale dentro noi stessi”. Ora, commenta Ladrière, in nessun momento Kant collega la necessità dell’universalità ad una rappresentazione collettiva im- personale, idea che va attribuita solo a Durkheim. Da questo colpo di mano di Durkheim, ne deriva che l’individuo (corporeo) viene distinto dalla persona (so- ciale). Quando Mauss farà ritorno al corporeo, attraverso le tecniche del corpo, sarà per dimostrare che la persona è sociale, anche negli usi del proprio corpo. Oggi come oggi, il soggetto non si potrebbe pensare né nella sua trasparenza di fronte a se stesso, né in una prospettiva puramente cognitiva. La clinica del lavo- ro ci suggerisce che la questione dell’autonomia morale soggettiva è più esigente. Com’è possibile per un soggetto avere la capacità di sussistere, in un senso attua- le, moralmente, resistere cioè all’irriflessività, ai tentativi di piegare la sua etica? Il lavoro, allora, rappresenta un ambito propizio alla libertà della volontà oppure, al contrario, contribuisce a spezzare la volontà della libertà? Gioca a favore dell’autonomia delle persone o, al contrario, sta all’origine della loro alienazio- ne? Per tentare di comprenderlo occorre seguire la storia e gli sviluppi della psi- codinamica del lavoro.

Anteprima della Tesi di Guglielmo Rottigni

Anteprima della tesi: Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Guglielmo Rottigni Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3905 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.