Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 centraliniste. In tutti i lavori che comportano, con o senza fatica muscolare, un ritmo eccessivamente rapido delle operazioni e delle condizioni di lavoro oggetti- vamente e soggettivamente faticose: meccanizzazione degli atti e monotonia, stretta sorveglianza (del lavoratore), rapporti umani alterati all’interno dell’impresa, ecc., si vedono apparire disturbi molto simili” (Le Guillant, 1956). È noto come Taylor pensasse che l’addestramento dell’operaio-tipo dovesse por- tarlo a sottomettersi e ad eseguire gli ordini senza pensare né discutere, consi- derando che uno scimpanzé avrebbe avuto tutte le qualità richieste per essere l’operaio-tipo dell’OSL (Y. Clot, 1999). Secondo Le Guillant e Bégoin, i lavori effettuati a ritmi eccessivamente rapidi provocavano delle modifiche dell’attività nervosa superiore identiche alle nevrosi sperimentali provocate in laboratorio. Le centraliniste diventavano “nervose, irritabili, aggressive” (Le Guillant, 1956; Bé- goin, 1957). Questi disturbi dell’umore si esprimono sul lavoro, portando a delle vere e proprie “crisi di nervi”. Ad esempio, “gettano via le loro cuffie ed il loro microfono nel bel mezzo di una conversazione quando si presenti una nuova dif- ficoltà e debbono passare alcuni minuti, prima che la calma ritorni” (Le Guillant, 1956). Anche fuori del lavoro fa capolino la violenza: “Fanno delle scenate in- giustificate ai loro mariti. Non sopportano che i bambini facciano chiasso, non stiano buoni; debbono trattenersi per non picchiarli” (ibidem). A sua volta, l’alterazione dei rapporti familiari rende queste lavoratrici ancora più intolleranti alle condizioni di lavoro. Le Guillant interpreta questi disturbi come il riflesso dei rapporti di produzione e di sfruttamento. La psicopatologia del lavoro, questo il nome che Le Guillant e Bégoin daranno a questa prospettiva d’analisi del lavo- ro, rimane ancora all’incrocio tra teoria marxista (e di un Marx molto semplifi- cato) e comportamentismo, e non riesce ad andare oltre. L’ipotesi di un legame quasi meccanico tra lavoro e patologia non sarà mai confermata.

Anteprima della Tesi di Guglielmo Rottigni

Anteprima della tesi: Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Guglielmo Rottigni Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3905 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.