Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1. Un concetto filosofico che interessa la psicologia: la volontà La volontà non è un concetto psicoanalitico ma filosofico, e tra i più controversi. Si ricollega alla libertà ed al dibattito tra libertà e determinismo nell’agire umano. Infatti, “… se devo necessariamente volere, perché parlare di volontà… la nostra volontà non sarebbe tale a meno di non essere in nostro potere. In quanto è in no- stro potere, essa è libera” (S. Agostino, cit. in: H. Arendt, 1978). Benché non sia un concetto appartenente alla psicoanalisi, la questione della vo- lontà si pone spesso nella pratica psicoanalitica. Christophe Dejours ricorda come lo psicoanalista debba astenersi da ogni consiglio riguardante la realtà, in quanto l’azione su di essa dipende dalla volontà dei pazienti. Tuttavia, aggiunge, spesso i pazienti giungono dallo psicoanalista “perché è proprio la loro volontà ad essere malata. Hanno un bel comprendere la logica della loro situazione soggettiva: non possono né agire, né uscire dal circolo vizioso della ripetizione” (C. Dejours, 1993). Nella sua prospettiva, tanto in psicoanalisi quanto in psicodinamica del lavoro, la volontà consente al soggetto di uscire dalla ripetizione; è la facoltà di introdurre la novità, un motore della costruzione dell’identità. 1.1 Volontà: la libertà dello schiavo Non si dà libertà che non sia il prodotto di una volontà. Ma non è sempre stato così. Nella Grecia antica, la libertà indica uno status sociale – quello del cittadi- no, in opposizione allo schiavo – ed un dato di fatto –, la salute dell’uomo il cui corpo non sia paralizzato o impedito. Libertà è uno stato oggettivo del corpo: e- leutheria è Eleuthein hopos ero, andare dove si vuole (H. Arendt, 1978). In que- sta tradizione di pensiero, il lavoro costituisce l’esatto contrario della libertà. Questa contrapposizione sta alla base della svalutazione dell’attività di lavoro. Per la filosofia greca, il lavoro non costituisce un oggetto di studio valido; quanto alla scienza, vede in esso solamente una ripetizione di gesti e forme già dati, dal- la natura o dai maestri (J. P. Vernant, P. Vidal-Naquet, 1985). Con il Cristianesimo, la libertà diventa una disposizione interna, grazie alla quale è possibile sentirsi liberi anche quando si sia schiavi. Diventa un elemento della

Anteprima della Tesi di Guglielmo Rottigni

Anteprima della tesi: Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Guglielmo Rottigni Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3905 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.