Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La donna nel fumetto durante il fascismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 PREMESSA Le annate dei periodici a fumetti esaminate nel presente lavoro sono quelle dal 1926 al 1928 e dal 1936 al 1938 1 . Si sono considerati il 1929 e il 1936 come “anni spartiacque”, importanti da un punto di vista storico, che hanno influenzato la diffusione e gli stili del fumetto. I fatti che caratterizzarono principalmente il 1929 furono, a livello mondiale, la “grande depressione”con il crollo della borsa di Wall Street, e, a livello italiano, i Patti lateranensi e il Concordato fra Stato e Chiesa. Il 1936 fu l’anno della conquista d’Etiopia e della guerra civile spagnola, della crisi con la Società delle Nazioni (SDN) e dell’ “asse Roma-Berlino”; l’invasione dell’Etiopia, iniziata il 3 ottobre 1935 si conclude il 9 maggio 1936 con la proclamazione dell’Impero. In seguito a tale invasione la SDN condannò l’Italia come 1 De La Piccola Italiana sono state visionate anche le annate dal 1933 al 1935, e 1939.

Anteprima della Tesi di Eleonora Guzzetta

Anteprima della tesi: La donna nel fumetto durante il fascismo, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Eleonora Guzzetta Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9466 click dal 05/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.