Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità sociale dell'impresa: la fiducia come fattore di successo competitivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Š Economia ed Etica - 6 - tiche tradizionali ad opera delle fonti energetiche commerciali (principalmente combustibili fos- sili), alcuni paesi in via di sviluppo hanno modelli di consumo simili a quelli delle economie svi- luppate. L’uso di combustibili fossili ha portato ad una costante crescita nelle emissioni globali di biossi- do di carbonio (CO 2 ) e all’inasprimento dell’effetto serra che contribuisce al riscaldamento glo- bale. Le emissioni globali di CO 2 annuali che derivano dalla combustione di carburanti fossili si sono quadruplicate a partire dal 1950. Ovviamente le emissioni pro-capite maggiori sono quelle del Nord America ed Europa, tuttavia questa tendenza si sta modificando a causa delle crescenti emissioni dei paesi in via di sviluppo 4 . Alcune forme di inquinamento stanno alterando i cicli chimici globali che regolano i processi chiave degli ecosistemi e quindi anche del clima. Nel 2000 solo il 17% dei consumi energetici mondiali derivava da fonti rinnovabili e non inquinanti, mentre il restante 83% era costituito da fonti inquinanti dei quali il 77% combustibili fossili. I costi legati alla produzione di energia considerano sia i costi di produzione sia i costi esterni – o esternalità negative – (costi ambientali e sanitari). Fra i costi aggiuntivi di produzione e di im- piego delle fonti energetiche tradizionali vanno conteggiati la distruzione causata dall’estrazione delle risorse, dall’inquinamento dell’aria e dell’acqua e del suolo, dalle piogge acide a dalle per- dite di biodiversità. In base ad un’analisi, durata più di dieci anni, ricercatori europei e statuni- tensi hanno calcolato che i costi sanitari e ambientali associati all’utilizzo di forme energetiche tradizionali sono equivalenti all’1-2% del PIL annuale dell’unione europea e che i prezzi pagati per queste forme energetiche sono decisamente inferiori al loro costo totale. Tabella 1.1.2 Costi dell’elettricità per fonte energetica Fonte energetica Costi di produzione 1 (in centesimi/KWh) Costi esterni 2 Costi totali Carbone/lignite 4.3-4.8 2-15 6.3-19.8 Gas naturale 3.4-5.0 1-4 4.4-9.9 Nucleare 10-14 0.2-0.7 10.2-14.7 Biomassa 7-9 1-3 8-12 Idroelettrico 2.4-7.7 0-1 2.4-8.7 Fotovoltaico 25-50 0.6 25.6-50.6 Eolico 4-6 0.5-0.25 4.05-6.25 1. Per USA ed Europa 2. Costi ambientali e sanitari per 15 paesi europei. Fonte: State of the World 2003 4 Janet Sawing, in State of the World 2003.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Licatalosi

Anteprima della tesi: La responsabilità sociale dell'impresa: la fiducia come fattore di successo competitivo, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Giuseppe Licatalosi Contatta »

Composta da 369 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7875 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.