Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità sociale dell'impresa: la fiducia come fattore di successo competitivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

§ 1 Il Problema - 7 - La prosecuzione di queste tendenze pone rischi di riscaldamento globale, che potrebbe provocare un innalzamento del livello dei mari, allagamento di aree costali basse, la possibile diffusione di malattie trasmesse da insetti e riduzione della produzione agricola. Le emissioni inquinanti, dovute sia ai sistemi di produzione sia alla difficoltà di un adeguato smaltimento dei rifiuti di più di 6,2 miliardi di persone, purtroppo non si limitano all’inquinamento dell’aria ma colpiscono anche l’acqua e la terra. In questi ultimi decenni si è assisto in certe aree geografiche ad una diminuzione di acqua potabile pro-capite. Questa dimi- nuzione è stata causata soprattutto dall’impoverimento e dall’inquinamento delle falde e dall’aumento della popolazione mondiale. Infatti la quantità di acqua potabile immediatamente accessibile all’uomo non supera lo 0,7% dell’acqua sulla superficie della terra ed è sempre la stessa dall’alba della civiltà umana. Già oltre mezzo miliardo di persone vive in regioni afflitte da siccità cronica. Al 2025, tale cifra potrebbe probabilmente quadruplicare, raggiungendo i 2,4- 3,4 miliardi di persone. È vero che esistono enormi inefficienze nel sistema di estrazione e distri- buzione dell’acqua potabile, ma il probabile aumento della popolazione di almeno il 27% nei prossimi 50 anni difficilmente aiuterà il processo di stabilità sociale ed ecologica 5 . L’acqua non è mai stata considerata una risorsa scarsa, infatti in molti libri di economia beni quali acqua e aria sono classificati come beni illimitati, ma solo oggi si riconosce quanto questo bene sia prezioso ed essenziale per la salute, la produzione di cibo e lo sviluppo socio-economico. Infine lo sviluppo economico dalla prima rivoluzione industriale fino ai giorni nostri ha avuto ef- fetti vastissimi sulle specie animali e sulla biodiversità. Si stima che nel nostro pianeta vivano da 10 ai 30 milioni di specie animali e vegetali dei quali solo circa 2 milioni è conosciuta. Attual- mente gli ecosistemi di tutti i generi sono sotto pressione ovunque nel mondo, non si conoscono zone della terra dove non ci sia traccia di inquinamento umano. La biodiversità ha anche un evi- dente impatto sullo sviluppo economico e sull’economia. Le piante e gli essere animali costitui- scono la fonte principale di nuove medicine e di nuove cure per l’uomo. Considerato che si co- nosce solo una piccola percentuale degli esseri viventi mondiali, contribuendo all’estinzione di specie animali e vegetali, per perderebbero per sempre preziose fonti potenziali di cibo e medici- ne. È stato dimostrato inoltre che in ecosistemi ricchi di biodiversità la qualità dell’acqua è mi- gliore, le inondazioni sono più rare ed è maggiore la capacità di assorbire e smaltire i rifiuti. L’impatto economico della biodiversità ha quantificazioni monetarie sorprendenti. Si è stimato che il valore dei servizi offerti all’uomo dagli ecosistemi mondiali, come l’impollinazione degli 5 Ibidem

Anteprima della Tesi di Giuseppe Licatalosi

Anteprima della tesi: La responsabilità sociale dell'impresa: la fiducia come fattore di successo competitivo, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Giuseppe Licatalosi Contatta »

Composta da 369 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7875 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.