Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Endocrine Disruptors: Fertilità maschile e Metalli pesanti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 intersessuali sia al criptorchidismo, dato il suo ruolo nella fase addominale della discesa testicolare. Inoltre vi sono alcune evidenze che indicano che l’ormone antimulleriano controlla la divisione delle cellule germinali primordiali: una insufficiente produzione di tale ormone può causare una abnorme proliferazione di cellule germinali e quindi potrebbe avere un ruolo nello sviluppo di carcinomi in situ, quegli stessi carcinomi in situ che nella vita adulta darebbero luogo al seminoma. La moltiplicazione delle cellule del Sertoli è ristretta, in gran parte, alla vita fetale e alle prime fasi della vita neonatale ed è controllata dalla secrezione di FSH. Ogni cellula del Sertoli può nutrire un numero limitato di cellule germinali regolandone lo sviluppo verso spermatozoi maturi. Un numero ridotto di cellule del Sertoli è noto essere un fattore limitante per la spermatogenesi. Inoltre un anomalo funzionamento delle cellule del Sertoli può avere un impatto negativo sulle cellule del Leydig e di conseguenza sulla produzione di androgeni e il normale processo di sviluppo del fenotipo maschile del feto. Le basi biologiche e fisiologiche per un possibile ruolo degli estrogeni nelle disfunzioni del tratto genitale maschile sembrano quindi esistere. Le argomentazioni proposte non sono in contrasto con il dato, ben noto, del significativo fisiologico aumento dei livelli di estrogeni materni durante la gravidanza. Infatti gli eventi critici nello sviluppo testicolare hanno luogo in un periodo molto precoce dello sviluppo fetale, quando l’incremento nei livelli di estrogeni circolanti nel sangue materno non ha ancora avuto luogo. Un aumento nei livelli basali di estrogeni in questo precoce periodo dello sviluppo può avere un effetto deleterio sullo sviluppo degli organi riproduttivi. Inoltre gli

Anteprima della Tesi di Carmelo Domenico Liberati

Anteprima della tesi: Endocrine Disruptors: Fertilità maschile e Metalli pesanti, Pagina 12

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Carmelo Domenico Liberati Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2626 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.